REDI HASA: THE STOLEN CELLO – La storia di una vita nell’album di debutto su Decca Records

Dai Balcani alle terre della Tarantola a Robert Plant e Ludovico Einaudi. In un violoncello rubato Redi Hasa ha messo tutta la sua vita. Maestro e mago dello stile cantabile, Redi racconta il mondo invisibile attraverso un suono maestosamente umano.

Decca Records pubblicherà un album ispirato alla sua storia di ragazzo, coinvolto nel conflitto albanese nei primi anni ’90, fuggito in Italia per cambiare vita con la cosa più preziosa che possedeva: un violoncello rubato.Figlio minore di una insegnante di violoncello e di un coreografo dell’Accademia di Tirana, a 13 anni Redi Hasa aveva già appreso un vastissimo repertorio violoncellistico esibendosi grazie ad uno strumento di proprietà dell’Accademia di Musica di Stato.

Nel 1989, con la caduta del muro di Berlino, l’Albania precipitò in una guerra civile sopraffatta dalla povertà e dai disordini finanziari. All’età di 20 anni, Hasa entrò al Conservatorio di Tirana ma le nuvole del conflitto iniziarono ad addensarsi. “Avevo paura di uscire di casa. Avevamo tutti paura”, afferma, ricordando quel terribile periodo della sua vita.Il fratello maggiore di Hasa, 11 anni più grande di lui e residente in Italia, lo incoraggiò a raggiungerlo per sfuggire alla crescente ondata di violenza che stava attraversando il loro paese.

Arrivato al porto di Bari, incapace di parlare il dialetto locale, Hasa inizio’ il secondo atto della sua vita, avendo con sé l’unico oggetto che avrebbe potuto essergli d’aiuto: il violoncello dell’Accademia, non più in prestito, ma rubato.

Redi Hasa ora è in procinto di pubblicare il suo primo album da solista “The Stolen Cello”, dopo aver lavorato per molti anni come parte dell’ensemble di Ludovico Einaudi, non ultimo lo straordinario progetto Seven Days Walking (2019).

L’album Seven Days Walking: Day One ha raggiunto il #1 della  UK Classical Chart totalizzando il maggior numero di streaming mai raggiunti da un compositore di musica classica nella sua prima settimana di uscita. Redi si è esibito al fianco di Einaudi e del violinista Federico Mecozzi nei teatri e nelle platee più prestigiose di tutto il mondo.

Nel suo nuovo album, Redi Hasa mette in luce la natura “vocale” del violoncello, strumento che forse si avvicina più di tutti a quello della voce umana, con una storia profondamente personale di speranza e sopravvivenza.

The Stolen Cello

Tracklist

  1. Dajti Mountain
  2. Cherry Flowers(Lule Qerchie)
  3. Wave(Dallga)
  4. Little Street Football Made of Socks(Topi Me Çorape)
  5. Seasons Going By(Stinët Që Kalojnë)
  6. 1990 Autumn Escape(Ikja e Vjeshtës 1990)
  7. The Snow(Bora)
  8. Shadows Drown on The Streets(Rrugët Që Prisnin Hijet)
  9. The Silence of The Trail(Heshtja e Malit)
  10. Time
  11. Butterfly(Flutur)
  12. The Prayer of the Moon(Lutja e Hënës)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...