Omaggio a Enzo Biagi nel centenario della nascita: In tv sulle reti Rai, alla radio e sul web una programmazione dedicata

È stato uno dei grandi giornalisti del Novecento, tra i più innovativi e popolari nella storia della televisione italiana. In quasi settant’anni di carriera, per più di quaranta è rimasto legato alla Rai, dove era entrato come direttore del Telegiornale nel 1961. Ideatore di generi e format, ha realizzato per il Servizio Pubblico cento programmi, con più di mille puntate, con i quali ha raccontato un pezzo della storia del paese, rivoluzionando il linguaggio televisivo.
A 100 anni della nascita – il 9 agosto 1920 a Pianaccio, frazione di Lizzano in Belvedere (Bologna) – la Rai ricorda Enzo Biagi con una programmazione speciale in tv, radio e sul web.
RaiPlay rende disponibili tutte le puntate di “RT, Rotocalco Televisivo”, il primo programma di inchiesta della televisione italiana. Realizzato da Biagi nel 1962, segna anche il suo esordio alla conduzione in studio. Tra le puntate di “RT”, alcune sono considerate pietre miliari dell’informazione televisiva, come la prima, andata in onda il 31 marzo 1962 con due straordinari reportage: “Il muro”, firmato dallo stesso Biagi, su Berlino divisa da una barriera di cemento e “Rapporto da Corleone” a cura di Gianni Bisiach, tra le prime inchieste Rai sulla mafia siciliana.
Sabato 8 agosto a mezzanotte e cinque – e in replica domenica 9 agosto alle 18 – Rai3 propone il documentario “La mia virgola – Enzo Biagi alla scoperta del mondo”, che ripercorre la vita e la carriera del giornalista attraverso le grandi interviste, i programmi tv, i documentari. Il racconto parte dalle origini, dal suo paese sull’appennino tosco emiliano, fino all’ultima intervista rilasciata al regista Matteo Parisini il 27 agosto 2007, pochi mesi prima della morte.
Nel giorno della ricorrenza, domenica 9 agosto, Rai3 ripropone alle 13.00 lo speciale curato da Loris Mazzetti, per la serie “Per Enzo Biagi: le grandi interviste”, “Biagi e Benigni: La Strana Coppia”. In primo piano, il rapporto di amicizia e di stima tra i due, dal 1976, quando Biagi cominciò a raccontare Benigni per la carta stampata, al 1985, primo incontro di fronte alle telecamere di Linea diretta, fino all’intervista al Fatto del 2001, prima del cosiddetto “editto bulgaro” di Berlusconi che nel 2002 è costato al giornalista l’allontanamento dalla Rai.
Alle 15.00 il testimone passa a Rai Storia che dedica a Biagi l’intero pomeriggio. In onda, fino alle 20.00, la serie in cinque puntate “Enzo Biagi, giornalista”, che ne ripercorre la carriera attraverso i programmi, le parole ai microfoni Rai, la vita e il lavoro, con il racconto delle figlie, Bice e Carla, e dei  collaboratori Franco Iseppi, Loris Mazzetti, e molti altri. Sempre su Rai Storia “Il giorno e la Storia” in onda a mezzanotte, e in replica alle 5.30, 08.30, 11.30, 14.00 e alle 20.10, propone un ritratto dell’uomo e del professionista. L’offerta verrà rilanciata sui canali web e social di Rai Cultura e sul portale http://www.raicultura.it
La giornata si chiude su Rai1 alle 23.40, con lo “Speciale Tg1” a cura di Daniele Valentini interamente dedicato ai 100 anni di Biagi.
Grande attenzione anche da parte di tutte le testate Rai che daranno ampia copertura informativa alla ricorrenza nelle diverse edizioni dei Tg e Gr. La Tgr Emilia Romagna, in particolare, seguirà le iniziative sul territorio regionale e a Pianaccio, il borgo dove Biagi è nato ed è sepolto. La redazione piemontese si occuperà, invece, dei legami di Enzo Biagi con Torino dove ha lavorato per il quotidiano “La Stampa” e dove ha realizzato l’unico reportage completo sulla famiglia Agnelli, intervistando ogni singolo componente. Le edizioni del mattino del Gr1 raccoglieranno, infine, le testimonianze delle figlie di Biagi, Carla e Bice, e di Loris Mazzetti, curatore di molti suoi programmi.
Le celebrazioni per i cento anni dalla nascita saranno accompagnate da uno spot, realizzato dalla Direzione Creativa Rai in occasione dell’anniversario, che sarà trasmesso su tutte le Reti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...