“ID – Identità digitali” a Speciale Tg1

Chi stiamo diventando, come esseri umani, nell’Era digitale? E quale nuova trasformazione sta portando la pandemia? A Speciale Tg1, domenica 8 novembre alle 23.40 su Rai1 un viaggio di Barbara Carfagna nel mondo delle Identità digitali. In sei mesi abbiamo fatto un balzo in avanti che altrimenti avremmo fatto in dieci anni. Tutti i nostri comportamenti sono tradotti in dati. Ognuno di noi si appresta ad avere una copia digitale: il digital twin, il gemello digitale, e secondo il sociologo Derrick De Kerkhove “prima o poi educheremo questo gemello invece degli alunni a scuola”. Una vera rivoluzione, questa del doppio, che consente di sperimentare cure mediche prima di effettuarle sulle persone, macchinari prima di acquistarli, auto prima di produrle per quel preciso pilota. I dati, uniti alle ricerche di biotecnologia, stanno già portando alla sperimentazione di organoidi: organi gemelli dei nostri, che potrebbero rimpiazzarli man mano che invecchiamo. Non solo: Come la Febbre Gialla fu determinante per la nascita delle Metropoli e la Tubercolosi introdusse il bagno in tutte le case e cambiò l’architettura attraverso l’igiene, il Covid 19 cambierà il nostro rapporto con lo Spazio per sempre. “Lo Spazio diventa un’estensione della nostra mente e noi siamo digitali e fisici senza più divisioni tra le due dimensioni” dice l’architetto Italo Rota, che con Carlo Ratti ha progettato la sede milanese del Meet, il Centro di cultura digitale.  E poi le relazioni: le identità sono comportamenti, dunque, e possono essere temporanee, anonime, anagrafiche, di gruppo… e anche il genere (uomo, donna, intersex, agender) si definisce nelle relazioni ed emerge con maggiore trasparenza e facilità nei gruppi online in via stabile o temporanea. 
“La mia identità non è più quella di essere isolato, di individuo” afferma il filosofo Luciano Floridi, “ma è nelle relazioni. Siamo diventati come rotonde stradali in un crocevia. Per questo dobbiamo avere più cura dell’ambiente circostante da cui è sempre più difficile isolarsi”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...