Saverio Raimondo presenta il suo “Pigiama Rave”, dal 7 dicembre su Rai 4: “Porteremo un po’ di stupidità e leggerezza di cui abbiamo bisogno in questo periodo”

Da lunedì 7 dicembre, tutti i lunedì alle 23.15, Rai4 (canale 21 del digitale terrestre) e Palomar Entertainment proporranno un nuovo modo di fare televisione con Saverio Raimondo e il suo “Pigiama Rave”, un late night show di ultima generazione con ospiti dello spettacolo, dello sport, del costume, della musica, della cultura, ma anche con personaggi provenienti da mondi curiosi meno noti ai telespettatori.

Se l’emergenza Covid-19 ha messo a soqquadro le nostre vite, ha anche dimostrato che la tv può essere fatta con mezzi più contemporanei, informali e senza filtri.

Pigiama Rave garantirà quaranta minuti di stupidità e leggerezza settimanale di cui abbiamo bisogno in questo periodo e di cui sento di essere portatore. Il programma nasce da una sorta di esperimento in laboratorio che è stato questo Covid Late Night che ho fatto in diretta su Youtube. Fare tv ora penso sia più interessante e contemporaneo e si possano lanciare progetti anche più trasgressivi rispetto al web che è diventato bigotto, snob”, ha raccontato Saverio Raimondo in un incontro stampa in streaming. “Questo programma conserva il fatto di essere in smart working. Ci siamo liberati del pubblico in studio e al suo posto c’è una sound machine che applaude. Trasmettiamo da casa in pigiama che sarà il dress code con l’obbligo per gli ospiti di mostrare la propria abitazione. Ci sarà un interlocutore privilegiato, il regista Massimo Caliendo, l’unico che lavora e non sarà in pigiama, avremo anche altre due figure, Tommaso Faoro e Guia Scognamiglio, due rider che si aggirano per le città italiane compiendo missioni, non so se socialmente utili. Li manderemo anche nei musei o all’Acquario di Genova. E’ anche un programma satirico nel senso posturale del termine. E’ un po’ di tempo che la tv italiana non si rinnova, questo evento drammatico che ha caratterizzato il 2020 ci dà l’opportunità di reinventare un nuovo mezzo e un nuovo linguaggio“.

Adottando questa nuova veste Pigiama Rave gioca a fare la tv in modo ironicamente amatoriale, con un programma “fatto a casa”, dove sia il conduttore che gli ospiti saranno in collegamento dalle rispettive abitazioni in giro per il mondo.

Nella prima puntata avremo il surfista Leonardo Fioravanti collegato dalle Hawaii, ma non inviteremo virologi. Margherita Vicario sarà l’ospite musicale e poi ci sarà la regina degli scacchi Marina Brunello. Nei successivi appuntamenti saranno ospiti Ghemon, Giancarlo Magalli, Jo Squillo, Fumettibrutti, Joe Bastianich, insieme a personaggi nuovi che abbiamo l’ambizione di andare a scoprire. Nella prima puntata omaggeremo il mancato red carpet della Scala di Milano. Sono molto felice del confronto editoriale con la Rai. Il bello di stare in un regime democratico è che al massimo ti possono censurare e tu quella cosa vai a scriverla su Twitter. La censura è un gioco. In ogni puntata ci sarà uno spoiler alert dove sveleremo qualcosa. Cercherò di parlare poco con gli ospiti ma chiederò loro di fare delle cose. E’ un programma d’azione, non parlato. Sono sei puntate ma ne abbiamo in cantiere altre per il prossimo anno. Penso che i limiti della satira siano fatti un po’ dal comico con la sua bravura e un po’ dal pubblico rispetto alla sua disponibilità a ridere di certi argomenti“.

Pigiama Rave sarà il primo programma ad avere un vero e proprio dress code: il pigiama appunto, che ben si concilia all’orario tardo e al tono scanzonato dello show. Ogni ospite verrà coinvolto in call-to-action un po’ sfacciate, o invitato a mostrare angoli insoliti della propria casa.

Al centro, come di consueto per Saverio Raimondo, la macro attualità, per una narrazione del presente sempre dinamica rivolta più alla previsione satirica del futuro che al commento di ciò che è già passato.

Il programma si impegna inoltre a farsi promotore di una battaglia epocale: Pigiama Rave promuoverà, in tv e online, una petizione per abolire per sempre l’anno bisestile. La sua caratteristica funesta ha trovato nel 2020 la sua massima conferma. L’argomento è di tale rilevanza che Pigiama Rave istituirà un comitato tecnico-scientifico ai massimi livelli, una task force impegnata a sensibilizzare il pubblico e a creare gli strumenti per scongiurare un’altra catastrofe come il 2020.

Si è sempre detto che la Televisione entrava nelle case degli italiani, con Pigiama Rave e Saverio Raimondo… entra, esce, svuota il frigo, usa il bagno, ruba l’argenteria e non saluta.

Pigiama Rave è una produzione Palomar Entertainment per Rai 4, condotto da Saverio Raimondo e con la partecipazione di Guia Scognamiglio e Tommaso Faoro. Un programma di Saverio Raimondo. Autori: Maria Cafagna, Paolo Cananzi, Saverio Raimondo, Claudia Scuderi, Matteo Strada, Marco Vicari. Regia di Massimo Caliendo.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...