SPECIALE NATALE 2020: 22 DISCHI DA METTERE SOTTO L’ALBERO

Se ancora non sapete cosa regalare ai vostri cari, vi proponiamo 22 dischi di artisti italiani e internazionali, riportati in ordine casuale, usciti nel 2020, che non possono mancare sotto l’albero di Natale.

8wYL7omg

“Che vita meravigliosa” è il nuovo album di Diodato, vincitore del 70° Festival di Sanremo con il brano “Fai Rumore”, in uscita il 14 febbraio per Carosello Records. Il nuovo lavoro racchiude 11 canzoni che raccontano un vissuto fatto di passioni e fragilità, amori, solitudini, cadute e rinascite, volgendo anche uno sguardo attento alla società, ai rapporti tra esseri umani, alle barriere invisibili che caratterizzano il nostro tempo.

“Letter To You” è il ventesimo album in studio di Bruce Springsteen, un disco rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound di The E Street Band, e registrato nella casa dell’artista in New Jersey. L’album contiene 9 brani scritti recentemente da Springsteen, e tre leggendarie composizioni degli anni ‘70 finora inedite: “Janey Needs a Shooter,” “If I Was the Priest,” e “Song for Orphans”. Insieme al cantautore hanno lavorato a questo progetto Roy Bittan, Nils Lofgren, Patti Scialfa, Garry Tallent, Stevie Van Zandt, Max Weinberg, Charlie Giordano e Jake Clemons.

“Cassiopea” (PDU/distr. Sony Music) e “Orione” (PDU/distr. Warner Music) sono le prime due antologie del progetto discografico di Mina “Italian Songbook”, presentato da PDU in digipack e doppio vinile. Si tratta di un lavoro di riordino e riscoperta dell’immenso repertorio dell’artista, che si declinerà filologicamente nel tempo in sei capitoli. Nelle 28 canzoni già edite, ci sono registrazioni che spaziano dal 1975 (“L’importante è finire”) al 2018 (“Volevo scriverti da tanto”); ci sono canzoni cantate per la prima volta da Mina o riprese da lei dopo l’interpretazione di altre voci; e due brani finora inediti, che chiudono le due tracklist. “Cassiopea” si conclude con “Un tempo piccolo”, una canzone scritta da Antonio Gaudino, Alberto Laurenti e Franco Califano, interpretata da Mina con il testo rimaneggiato della versione dei Tiromancino (datata 2005). L’ultima traccia di “Orione” si intitola “Nel cielo dei bars” ed è una canzone a suo tempo scritta (con Chiosso) e interpretata da Fred Buscaglione che la cantava nel film “Noi duri”, del quale era anche interprete nei panni dell’agente dell’FBI Fred Bombardone alle prese con il narcotrafficante detto l’Algerino (Totò). Il film, diretto da Camillo Mastrocinque, uscì nelle sale cinematografiche pochi giorni dopo la scomparsa di Buscaglione; uscì postumo anche il 45 giri “Cielo dei bars” (senza “nel”) / “Noi duri”.

CONTATTO-COVER-ALBUM_

“Contatto” (Sugarmusic), il nuovo atteso disco di inediti dei negramaro, arriva a tre anni da “Amore che torni” (Doppio Disco di Platino). Un concept album sul cambiamento il cui simbolo è la farfalla che incarna proprio l’evoluzione e il movimento e che è riprodotta sulla cover dalle ombre di quattro umanoidi senza caratteristiche somatiche definite, nata dalla collaborazione tra la band e il 3d artist Amin Farah di Theblacklab. Un disco che racconta di come ogni piccolo gesto di ciascuno di noi, qui e ora, possa cambiare il mondo attraverso un viaggio lungo 12 canzoni unite da un unico filo, da un unico battito d’ali che parte dai piccoli gesti per esplodere dall’altra parte del mondo in un uragano di speranza e rivoluzione.

Gli AC/DC tornano con “Power Up”, il diciassettesimo disco della loro leggendaria carriera, a sei anni dall’uscita di “Rock Or Bust”. Angus Young (chitarra solista), Brian Johnson (voce), Cliff Williams (basso), Phil Rudd (batteria) e Stevie Young (chitarra ritmica) nella loro forma migliore. Per “Power Up”, la band composta da Angus Young (chitarra solista), Brian Johnson (voce), Cliff Williams (basso), Phil Rudd (batteria) e Stevie Young (chitarra ritmica), ha richiamato il celebre produttore Brendan O’Brien che aveva già lavorato in “Black Ice” (2008) e “Rock Or Bust” (2014). Gli AC/DC hanno realizzato 12 tracce che mantengono intatto il loro storico e inconfondibile sound e la potenza degli elementi che più li caratterizzano.

“IV” (Red Rebel Music/MGM distribution), il nuovo disco della cantautrice australiana Bec Lavelle, il quarto in studio della sua carriera. Il nuovo progetto contiene dodici tracce tra cui i singoli già estratti “I’m Happier”, “Nervous girls”,  che vede Bec cantare con Kora Naughton, Jem Cassar-Daley, Kaitlyn Thomas e Ingrid Mae, “The Ocean”, “Gonna Be Alright”, “Picture Perfect”, “Keeping You Up” e “There Is A Star That Shines Tonight” (feat. Ben Ransom). Bec Lavelle è una delle più straordinarie voci d’Australia, ha interpretato le canzoni della colonna sonora del famoso telefilm “McLeod’s Daughters” (nominato da BuzzFeed Germany come il più grande spettacolo televisivo di tutti i tempi), contenute in tre album, vendendo oltre 200.000 copie in tutto il mondo e ha anche preso parte a The Voice of Germany.

“Who do you really know?” è il nuovo disco della cantautrice australiana Abi Tucker, registrato agli Electric Avenue Studios dal leggendario Phil Punch e masterizzato da Steve Smart presso il 301 Studios di Sydney.  Il disco racconta l’intera gamma delle emozioni umane, dalla disperazione all’invidia, dall’angoscia alla gioia, dall’amore all’amicizia, attraverso dodici tracce in cui i testi poetici e profondi si sposano perfettamente con la voce ricca di sfumature dell’artista e con le sonorità pop-folk.

“Nuda” è il titolo del nuovo disco di Annalisa, uscito per Warner Music Italy. Un progetto diviso in due lati, che racchiude 13 brani, in cui la cantautrice si svela senza filtri, raccontando le sue anime, quella più forte e quella più fragile, spogliandosi da costrizioni e pose e indagando dentro se stessa per cogliere la propria essenza e ricordarci che quel che ci fa diversi ci rende anche più interessanti e umani. “Nuda”, che è stato anticipato dai singoli “Houseparty” e “Tsunami”, contiene varie collaborazioni, da Rkomi a J-Ax, per passare ad Achille Lauro e a Chadia Rodriguez.

Baglioni_cover_ph Alessandro Dobici_m

“In questa storia che è la mia” è il nuovo album di Claudio Baglioni, il sedicesimo realizzato in studio nella sua cinquantennale carriera, che arriva a sette anni di distanza da “ConVoi” . 14 brani, 1 ouverture, 4 interludi piano e voce, 1 finale: un “concept” che disegna la parabola dell’amore, sia personale che universale, riflettendo sul modo nel quale questa forza straordinaria che tutti viviamo senza conoscerla mai veramente, travolga le nostre esistenze, rendendole esperienze uniche e sempre degne di essere vissute.

“D.O.C. Deluxe Edition” è il nuovo progetto discografico di Zucchero “Sugar” Fornaciari contenente tutti i brani dell’album “D.O.C.” più sei nuove canzoni tra cui “September”, il singolo attualmente in radio in cui duetta con Sting, “Non illudermi così”, rivisitazione del brano “Don’t Make Promises” riscritto per l’occasione da Zucchero con un testo in italiano, “Wichita Lineman”, cover del brano di Jimmy Webb, e gli inediti “Succede”, “Facile” e “Don’t cry Angelina”.

Padroni di niente_Cover_Fiorella Mannoia_b (1)

“Padroni di niente” (Sony Music) è il nuovo album di inediti di Fiorella Mannoia, figlio del periodo storico che stiamo vivendo, di pensieri e riflessioni scaturiti da un evento eccezionale e fuori da ogni previsione. Attraverso le canzoni che canta e le storie che racconta, l’artista pone l’attenzione sull’uomo e sulla nostra “umanità”, quella da cui bisognerebbe ripartire per non ritrovarci “Padroni di niente”. Come nel precedente album, “Personale”, anche nel nuovo progetto torna la formula della “canzone sospesa”, che prende spunto dalla tradizione napoletana del “caffè sospeso”. Fiorella condivide uno spazio nel proprio album con un’artista emergente, la cantautrice Olivia XX con cui duetta sulle note di “Solo una figlia”.

zero1

Renato Zero - Zerosettanta (Volumetre)

Renato Zero torna sulle scene con un progetto clamoroso, imprevedibile, spiazzante, sorprendente, in occasione dei suoi 70 anni. Si chiama “Zerosettanta” e comprende tre volumi per un totale di quaranta brani inediti: un cofanetto prezioso, un giro di boa per una carriera unica, un compendio declinato al futuro dell’Artista che più di ogni altro ha soverchiato il piano della musica e della performance live senza mai scendere a compromessi. Un percorso in tre album che vuole raccontare i suoi “rumorosi anni”, ma che aspira soprattutto a trasmettere quella coerenza che ha sempre contraddistinto Renato Zero in ogni sua produzione. La trilogia segue il filo della narrazione autobiografica, intesa non come un mero momento di autocelebrazione, ma identificabile più come uno sguardo avido, attento e curioso sempre rivolto al futuro, a quello che sarà. Ispirato dal delicato momento storico che tutti stiamo vivendo, Renato Zero firma tre album che sono allo stesso tempo estremamente personali ed estremamente trasparenti, immediati, accoglienti, coraggiosi.

“Qui e Adesso” è il nuovo disco di Massimo Ranieri, uscito per Ra.Ma 2000 International/Artist First, contenente 17 brani e frutto della collaborazione con Gino Vannelli, cantante e compositore canadese che, da direttore artistico del progetto, ha prodotto e curato gli arrangiamenti delle canzoni.  L’intento dell’artista era quello di realizzare un album che potesse raccogliere canzoni, inedite e non, rendendo finalmente onore ad alcune perle pubblicate negli anni ’70 che non avevano trovato spazio nella promozione discografica di allora a causa dei suoi impegni teatrali. Tra gli inediti troviamo anche “Quando il sogno diventa inutile”, brano che il grande Charles Aznavour regalò a Ranieri pochi anni prima di morire.

Il 7, un numero da sempre speciale per Luciano Ligabue, è diventato protagonista del suo nuovo progetto musicale per celebrare 30 anni di una straordinaria carriera: l’album di inediti “7” (Warner Music Italy), che contiene 7 canzoni inedite, tra cui il singolo “Volente o nolente” con Elisa e l’imperdibile raccolta “77+7”, con i 77 singoli che hanno fatto la storia del Liga, rimasterizzati nel 2020.

“AHIA!”, il nuovo lavoro dei Pinguini Tattici Nucleari che porta lo stesso titolo del primo romanzo edito da Mondadori di Riccardo Zanotti leader della band composta da Elio Biffi (tastiere), Nicola Buttafuoco (chitarra), Matteo Locati (batteria), Simone Pagani (basso) e Lorenzo Pasini (chitarra). L’album si compone di sette tracce che raccontano diverse tematiche, dall’amore al dolore, sempre con quel tocco di ironia e quella capacità evocativa caratteristiche del gruppo bergamasco.

“Accetto Miracoli: l’esperienza degli altri”, il primo album di cover di Tiziano Ferro e il secondo capitolo del disco pubblicato nel 2019 e certificato doppio Platino. Il cantautore ha reinterpretato 13 brani di altrettanti autori italiani. Oltre a Rimmel di Francesco De Gregori, che è stato il primo singolo estratto, seguito da E Ti Vengo a Cercare di Franco Battiato, nella tracklist ci sono Morirò D’Amore portata al successo da Giuni Russo, Bella D’Estate (Mango, che l’ha composta con Lucio Dalla), Margherita (Riccardo Cocciante), Almeno Tu Nell’Universo (Mia Martini), Cigarettes And Coffee (Scialpi), Perdere L’Amore (Massimo Ranieri, che per l’occasione duetta con Tiziano), Piove (Jovanotti) feat. Box of Beats, Portami a Ballare (Luca Barbarossa), Nel Blu Dipinto Di Blu (Domenico Modugno), Ancora, Ancora, Ancora (brano di Cristiano Malgioglio noto soprattutto nell’interpretazione di Mina), e infine Non Escludo Il Ritorno (scritto a quattro mani dall’indimenticabile Franco Califano con Federico Zampaglione).

“Canto di Natale” di Valerio Scanu raccoglie alcune delle più belle canzoni natalizie di fama internazionale, reinterpretate in una versione originale e raffinata, a cui si aggiunge l’inedito “L’aria del Natale”. Un singolo impreziosito dalla partecipazione del coro di voci bianche del Laboratorio Musicale di Badesi accompagnato da un video tratto dal film girato nell’incantato Regno di Babbo Natale, nel borgo di Vetralla, un luogo suggestivo, la cui atmosfera riporta chiunque a tornare bambino, tra la magia del Bosco Incantato, la Casa di Babbo Natale o la Fabbrica dei Giocattoli degli Elfi. il film che ne racconta il viaggio con la collaborazione straordinaria di due grandi personaggi del mondo dello spettacolo, Remo Girone e Massimo Lopez.

“Crepe”, il nuovo lavoro di Irama, rispecchia le caratteristiche di un artista eclettico che spazia dal latin all’urban a elementi rock, generi che contribuiscono a creare questo puzzle che è il nuovo EP e che rappresenta l’insieme di quello che è oggi Irama, l’estensione della sua personalità e della sua forma artistica. C’è una pratica giapponese che è una metafora perfetta di quello che Irama vuole rappresentare con il suo nuovo lavoro e che è stata di ispirazione nella creazione della copertina del disco. La pratica si chiama Kintsugi e consiste nell’utilizzo di oro o argento liquido per la riparazione di oggetti in ceramica che si rompono.

“Viceversa” (BMG) è il nuovo disco di Francesco Gabbani, che arriva a tre anni di distanza da “Magellano” e prende il titolo dal brano con cui si è classificato al secondo posto al Festival di Sanremo 2020. Se il precedente lavoro aveva come fil rouge il viaggio, “Viceversa” è incentrato sul rapporto tra individualità e collettività, attraverso un punto di vista diverso suggerito dai brani che spaziano dalle ballad alle canzoni più ironiche, nel cercare di interpretare la complessa relazione tra il singolo e il sistema sociale. Il risultato sono nove tracce in cui si sente una maggiore impronta cantautorale, con Francesco che si racconta senza filtri, mantenendo il suo classico stile ironico e spensierato attraverso pezzi che hanno più piani di lettura, ma facendo emergere anche quel lato più intimistico e romantico della sua anima, finora meno esplorato, nonchè nuove sfumature della sua vocalità.

inseguendo-la-mia-musica_cover

“Inseguendo la mia musica” è il nuovo progetto discografico di Roby Facchinetti, distribuito da Believe Digital, che contiene due cd live del tour 2019 e un cd intitolato “Rinascerò, rinascerai” che include l’omonimo successo, oltre a quattro inediti nati durante il lockdown che ha ispirato il cantautore che ha composto queste musiche in risposta al dolore di quanto accadeva intorno a lui, spinto dal desiderio di speranza e di rinascita. La prima canzone realizzata è stata “Rinascerò, rinascerai” a cui l’indimenticabile Stefano D’Orazio in poche ore ha aggiunto le parole di un’autentica poesia e che ha raccolto e continua a raccogliere proventi destinati all’Ospedale Giovanni XXIII di Bergamo, la città più colpita dal virus. Un successo ascoltato in tutto il mondo che è diventato un inno alla vita. Dalla collaborazione Facchinetti-D’Orazio sono nate altre tre canzoni inedite: il primo singolo uscito lo scorso 10 settembre, Fammi volare, un interminabile volo fantastico, sottolineato dal video di Gaetano Morbioli, Invisibili, un brano dedicato a quegli anziani che hanno avuto la fortuna di invecchiare insieme protetti dal loro profondo amore, ma che vivono in solitudine e “Senza un’ultima parola”, dedicato a Valerio Negrini.

Copertina (0)

“Non c’è” è il nuovo album di Edoardo Bennato, che racchiude le due anime rock dell’artista: la versione della “prima ora” e quella strettamente attuale, con testi che raccontano le contraddizioni della società, il “mistero della Pubblica Istruzione”, l’universo femminile, la paura del diverso. Otto i brani inediti in “Non c’è”: Geniale, Il Mistero della Pubblica Istruzione, L’uomo nero (feat. Clementino), La bella addormentata, La realtà non può essere questa (feat. Eugenio Bennato), Maskerate, Non c’è, Signore e signori. Quindici i pezzi di repertorio che hanno segnato la carriera artistica di Edoardo Bennato, tra i più geniali cantautori della scena musicale italiana: Bravi ragazzi, Cantautore, Dotti medici e sapienti, Feste di piazza, Italiani, L’isola che non c’è, La verità, Le ragazze fanno grandi sogni, Mangiafuoco, Non farti cadere le braccia, Perché (feat. Morgan), Relax, Salviamo il salvabile, Tutti, Un giorno credi.

“Presente” è l’album di debutto del giovane cantautore romano Emanuele Bianco. “Questo disco rappresenta per me un primo traguardo importante Un agglomerato di emozioni che attraversa gli ultimi anni della mia vita”. Sia a livello artistico che di produzione musicale in “Presente”, si può notare un climax ed una crescita che porta chi lo ascolta a rivivere i momenti più importanti, i traguardi, le gioie, le difficoltà e le consapevolezze che hanno segnato e fortificato la crescita artistica e personale del talentuoso cantautore romano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...