Su Rai 2 donne in guerra ed esercitazioni a squadre ne “La Caserma”

La Caserma, la nuova avventura televisiva di Rai2, in collaborazione con Blu Yazmine, nella terza puntata, in onda mercoledì 10 febbraio alle 21.20, metterà a dura prova i 21 ragazzi tra forza fisica, capacità di concentrazione, tenacia e fiducia in sé stessi. L’addestramento prevede anche occasioni per un approfondimento culturale: i ragazzi entrano in aula per un’interessante lezione impartita da un ospite d’eccezione, Aldo Cazzullo, giornalista, storico e scrittore. La Generazione Z e i loro istruttori ascolteranno una storia che parla di donne in guerra, ma non solo. Un racconto che inizia da lontano: le donne hanno fatto tutte le guerre, a volte come vittime, altre come protagoniste. Viktoria Savs era un giovane soldato al fronte nella Prima Guerra Mondiale, in pochi conoscevano il suo segreto: era una donna. L’imperatore Carlo I d’Austria, colpito dalla sua storia, la decorò con la Croce al Merito. Come dimenticare le ‘portatrici’ della Carnia? Signore che salivano con pesanti gerle cariche di viveri e munizioni per raggiungere gli alpini nelle trincee. Una di loro, Maria Plozner Mentil, cadde colpita da un cecchino (unica donna a cui ad oggi sia stata intitolata una caserma italiana). Eppoi, i cosiddetti “figli della guerra” (nati appunto da violenze subite dalle donne) messi in salvo dalle partorienti nell’Istituto San Filippo Neri di Portogruaro (il primo fondato per questo tipo di accoglienza e sopravvivenza). Nel 1946, per la prima volta, le donne italiane poterono votare: nella Seconda Guerra Mondiale, in piena Resistenza, tante le personalità femminili che si sono distinte. Una su tutte: la partigiana Cleonice Tomassetti. Celebre la sua frase agli assassini: “Se percuotendomi volete mortificare il mio corpo, è superfluo farlo: esso è già annientato. Se invece volete uccidere il mio spirito, vi avverto che è inutile: quello non lo dominerete mai”.
Intanto, a La Caserma le prove continuano ed è giunto il momento di mettere in atto un’inedita esercitazione a squadre in esterna. E’ qui che, per la prima volta nell’addestramento, verranno utilizzate delle riproduzioni di armi – come nella finzione cinematografica – e gli allievi dovranno fronteggiare scenari ostili avendo in dotazione, di fatto, puntatori laser ed effetti sonori. Tra un addestramento e l’altro, i protagonisti hanno tempo per svagarsi, e alcuni ragazzi del gruppo dei primi entrati, con l’aiuto di una new entry, organizzano accuratamente uno scherzo, speranzosi di portarlo a termine con successo. Inoltre, un compleanno deve essere celebrato, ma senza esagerare con i festeggiamenti, poiché le regole della Caserma sono severe.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...