Cortina 2021: conferma Kriechmayr che guida un podio sorprendente

La prima gara sulla nuova Vertigine di Cortina non delude! Un SuperG maschile emozionante con diverse uscite e una pista davvero tecnica, difficile, resa ancora più tosta da una bella tracciatura di Alberto Ghidoni. La vittoria è andata all’austriaco Vincent Kriechmayr, uno dei grandi favoriti della vigilia.

Secondo a sorpresa e per soli 7 centesimi il tedesco (ex austriaco…) Romed Baumann, che nonostante non godesse dei favori del pronostico noi avevamo inserito tra gli atleti con una possibilità di medaglia.

Sul gradino più basso del podio il leader della Coppa del Mondo generale Alexis Pinturault, che vinse la prima e unica gara nella specialità 7 anni fa sulle nevi svizzere di Lenzerheide. Ritardo di 38 centesimi.

Quarto posto per il venticinquenne canadese Brodie Seger, che in stagione al massimo aveva ottenuto il 21° posto a Garmish e a Kitzbuhel.

Rammarico per i colori azzurri che vedono sfumare per una manciata di centesimi, solo 17, il podio con Dominik Paris che termina al quinto posto.

Sesto posto l’austriaco Matthias Mayer (0.60), settimo il francese Mathieu Bailet (0.72), ottavo lo statunitense Travis Genong (0.75), nono per il tedesco Sander (0.88), decimo Beat Feuz (0.93), solo undicesimo Marco Odermatt (0.96) davanti al veterano Kjetil Jansrud (1.04)

GLI AZZURRI

Queste le parole di Dominik Paris, deluso per il quinto posto finale: “Ci ho creduto, però una volta visto il distacco sapevo che ci sarebbe stato spazio per un inserimento. Ho avuto troppe difficoltà in qualche passaggio e ho frenato troppo anche quando non era necessario. Il quarto posto è sempre positivo, ma non ai Mondiali. L’importante è che la sciata è tornata buona anche in Super G. Per la discesa non mi sbilancio perché ancora non abbiamo fatto prove.”

Qualche sbavatura, ma buona prestazione per Emanuele Buzzi, alla miglior prova stagionale nella disciplina.

“Era un tracciato un po’ anomalo dove dovevi frenare e a questo non siamo troppo abituati. La gara è iniziata subito male perché ho perso il bastone in partenza e non sono più riuscito a recuperarlo. I passaggi un po’ delicati non sono stati perfetti. Sotto sono contento della mia prova. Le sensazioni sono buone, ma sento che quella di oggi è un’occasione sprecata.”

Così così Matteo Marsaglia, mentre grande delusione da parte di Christof Innerhofer, campione del mondo 10 anni fa che ottiene un piazzamento poco onorevole: “Ho avuto fin da subito brutte sensazioni e non sono riuscito a sciare. Il tracciato non era facile e bisognava sciare con la testa. In ricognizione sapevamo che sarebbe stata dura, ma quando non ti diverti devi pensare solo a sopravvivere. Per la discesa non so… la neve sarà strana, diversa. Non so cosa aspettarmi, ma la motivazione c’è sempre.”

di Simone Zamignan

credit foto Cortina 2021

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...