International Police Award Arts Festival: Filippo Lui vince il Premio Apoxiomeno per la categoria musica

Annunciato il vincitore per la categoria Musica del 25° Premio Apoxiomeno, che riceverà l’ambita statuetta d’argento durante la serata finale della prima edizione dell’International Police Award Arts Festival. È Filippo Lui, il pianista, compositore e produttore musicale, fondatore della Crystal Music Records. Autore di numerose colonne sonore di film polizieschi, l’11 settembre 2020 Lui ha tenuto un concerto a bordo del Catamarano Virgilio alla presenza delle autorità della Polizia di Stato, in occasione dell’evento “Incontro con l’Autore Benito Melchionna”.

Il Premio per la Miglior Colonna Sonora stato assegnato dalla Giuria a Toni D’Angelo, Vincenzo Angelini e Emanuele Frusi per le musiche di Calibro 9. Sarà possibile votare i preferiti sulla pagina Facebook ufficiale del Festival (@artediapoxiomeno): i voti del pubblico saranno sommati a quelli della Giuria di esperti, che si riunirà nei giorni della kermesse, e insieme decreteranno il vincitore per ogni categoria.

Nato nel 1996 da un’idea di Orazio Anania, Colonnello dei Carabinieri e presidente della Delegazione Toscana dell’IPA, il Premio Internazionale Apoxiomeno è l’unico riconoscimento nel mondo dato a chi, con la sua opera, ha valorizzato il lavoro delle Forze dell’Ordine, nella loro attività di tutela della sicurezza del cittadino. Tante le star nazionali e internazionali che negli anni sono salite sul palco per ritirare la prestigiosa statuetta d’argento, tra queste Colin Firth, Matt Dillon, Hellen Mirren, Ennio Morricone, Robert Moresco, Nikita Sergeevič Michalkow, Abel Ferrara, Massimo Ranieri, Andrea Camilleri, Gina Lollobrigida. Il Premio è dedicato alle arti performative in tutte le sue varie eccezioni: dal poliziottesco italiano al poliziesco americano, dal giallo principe della letteratura all’iconografia artistica, dall’immagine fotografica alla rievocazione musicale, e altro ancora. Non un premio a opere che raccontano anonime divise, ma a rappresentazioni di individui con la propria umanità, fatta di virtù ma anche di debolezze, che incarnano i valori più intrinsechi di legalità, dovere, obbedienza e difesa della sicurezza della comunità.

Il Festival, che prende il via per la prima volta quest’anno, sarà un contenitore culturale con un programma vario e intenso: dibattiti, performance artistiche, proiezioni cinematografiche, mostre collettive e incontri con gli autori. A chiudere la manifestazione l’attesa assegnazione del 25° Premio Internazionale Apoxiomeno con ospiti d’eccezione, italiani ed internazionali.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...