COMEDIANS – INTERVISTA CON GIULIO PRANNO: “Quando si tratta di un film o di uno spettacolo comico penso ci sia il bisogno da parte degli artisti di educare il pubblico a ciò che è giusto o sbagliato”

Giulio Pranno è tra le giovani stelle del panorama cinematografico italiano, ha debuttato sul grande schermo con Gabriele Salvatores in “Tutto il mio folle amore” e ora è tra i protagonisti del nuovo film del regista Premio Oscar “Comedians”, al cinema dal 10 giugno, nei panni di Giulio Zappa, un comico che arriva da una condizione economica non agiata e che vuole utilizzare la comicità per risvegliare la coscienza del pubblico.

Giulio, in “Comedians” interpreti il ruolo di Giulio Zappa. Cosa puoi raccontarci riguardo il tuo personaggio?

“In Comedians interpreto Giulio Zappa, un giovane disgraziato che ha subito tanti abbandoni, dalla ragazza al suo cane, e ha una condizione economica non agiata. Infatti si capisce che forse vive per strada ma allo stesso tempo vuole utilizzare la comicità per risvegliare la coscienza del pubblico, per riuscire a parlare di chi è rimasto ai margini della società, come lui”.

Il film indaga anche il tema del limite della comicità e del politically correct. Cosa ne pensi a riguardo?

“Io penso che quando si tratta di un film o di uno spettacolo comico ci sia un bisogno da parte degli artisti di educare in qualche modo il pubblico a ciò che è giusto o sbagliato. Nella vita privata con i propri amici ognuno può fare le battute che vuole, quando invece si vuole mandare un messaggio artistico è sbagliato giocare sugli stereotipi e sui luoghi comuni. Oggi poi c’è la tendenza a dover nascondere alcune cose, invece per far prendere le distanze al pubblico da certi personaggi negativi è giusto mostrarli”.

Questo è il tuo secondo film in cui sei diretto da Gabriele Salvatores dopo “Tutto il mio folle amore” che ha segnato il tuo debutto nel cinema. Rispetto alla prima com’è stata questa seconda esperienza? 

“E’ stata bella come la prima, sono contentissimo di aver fatto due film con Gabriele che mi ha regalato degli splendidi personaggi ed è difficile per un giovane avere ruoli così interessanti e complessi. Sono state due sfide e spero di averle vinte entrambe. E’ un regista per cui provo molto affetto, è il mio papà cinematografico. Infatti gli ho detto che ora dovrò scrivere io un film e lui recitare la parte più bella e mi ha risposto che è disposto a farlo (sorride)”.

Comedians_GIULIO PRANNO (1)

Cosa ti ha più colpito di Giulio Zappa?

“Fin dalla prima lettura mi è piaciuto perché è un personaggio complesso e profondo, anche per il messaggio che porta. Era una grandissima sfida attoriale e mi sono buttato nel progetto con gioia”.

In questi giorni è uscito su Sky un altro film che ti vede tra i protagonisti, il thriller “Security” di Peter Chelsom…

“In Security ho lavorato con un bravo regista quale Chelsom che ha esperienza con il cinema hollywodiano e ha diretto attori del calibro di Jerry Lewis ed essere scelto da lui è stato un onore. E’ un personaggio molto diverso da Giulio. Spero sempre di poter spaziare tra generi e ruoli perché è il massimo per un attore”.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...