La strage di Viareggio a “Ossi di seppia”

Uno dei più gravi incidenti ferroviari nella storia d’Italia. E’ il 29 giugno del 2009 ed è quasi mezzanotte. Un treno merci, con quattordici cisterne di GPL,  entra nella stazione di Viareggio a 93 Km orari. E’ di passaggio diretto al Sud. Improvvisamente deraglia e una cisterna viene danneggiata. Il liquido infiammabile fuoriesce. Il treno salta in aria. In un attimo è un inferno di fuoco che avvolge tutto: case, automobili, persone. Nella venticinquesima puntata di “Ossi di Seppia. Il rumore della memoria”, dal 29 giugno in esclusiva su RaiPlay, Daniela Rombi, mamma di una delle vittime racconta quei drammatici momenti. “Una Pompei a Viareggio con le persone travolte e fermate dal fuoco cosi com’erano.” Trentadue le vittime bruciate vive mentre erano in sicurezza nelle loro case. Il programma racconta quegli eventi che hanno caratterizzato gli ultimi trent’anni della storia italiana attraverso le testimonianze di chi l’ha vissuta. In tutte le ventisei puntate un filo intreccia il passato al presente e si fonde proprio nell’impensabile, in quel qualcosa appunto che mai nessuno avrebbe immaginato potesse accadere e che invece finisce per sconvolgere completamente la nostra esistenza. Un racconto seriale emozionale e immersivo, rivolto alla Generazione Z e ai Millennials, un antidoto per frenare la perdita della memoria collettiva. E’ questo l’obiettivo principale della serie prodotta da 42° Parallelo per la piattaforma OTT del Servizio Pubblico. In ogni episodio la memoria di ieri viene recuperata, attraverso le immagini delle teche Rai e le fotografie d’archivio, e riconnessa all’oggi grazie al racconto di testimoni d’eccezione, protagonisti all’epoca dei fatti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...