Agli Europei di nuoto in vasca corta di Kazan Nicolò Martinenghi ha dominato i 100 rana conquistando l’oro. Medaglie d’argento per Paltrinieri, Panziera e Zazzeri, di bronzo per Bianchi e per la staffetta 4×50 mista femminile

Agli Europei di nuoto in vasca corta di Kazan Nicolò Martinenghi ha dominato i 100 rana conquistando l’oro in 55″63, battendo il bielorusso primatista mondiale Ilya Shymanovich. 

Il campione varesino, già bronzo olimpico nei 100 e con la 4×100 mista, ha dichiarato: “Questa è stata una delle gare più belle della mia vita. Credo di non aver sbagliato nulla. Non avrei mai pensato di vincere e addirittura con il record italiano. Non so veramente cosa dire. In queste ultime settimane non sono stato neanche tanto bene, perché ho avuto dei problemi alle ginocchia. Le medaglie olimpiche mi hanno liberato di qualche peso che avevo e reso più sicuro di me stesso. Sono entrato in una nuova dimensione ed è meraviglioso esserci”.

Gregorio Paltrinieri ha vinto l’argento nei 1500 in 14’13″07, chiudendo alle spalle del tedesco Florian Wellbrock, primo in 14’09″88: “Nuotare 14’13’’ il 4 novembre è veramente notevole per me, considerando che mi sono allenato fino a ieri e che vengo da una stagione nella quale non mi sono mai veramente fermato. Il fatto che il mio tempo non serva per l’oro rende l’idea di quale sia il livello nei 1500 soprattutto in Europa: i miei avversari sono tutti del vecchio continente. Adesso vediamo chi ci sarà ai mondiali di Doha, ma sono convinto che prima o poi il mio record del mondo cadrà”.

Margherita Panziera ha centrato l’argento nei 200 dorso chiudendo in 2’02″05, dietro all’olandese Kira Toussaint, oro in 2’01″26: “Io sono molto contenta della gara perché ho nuotato a sei decimi dal record e significa che sto lavorando benissimo. Proverò a migliorarmi ai Mondiali a dicembre. Poi avrò davanti una stagione lunghissima che passerà dai Mondiali di Fukuoka, fino agli Europei di Roma”.

Argento anche per Lorenzo Zazzeri nei 50 stile libero con tanto di primato personale, alle spalle dell’ungherese Szebasztian Szabo: “Il record del mondo mi ha messo una carica in corpo incredibile. Mi sono svegliato questa mattina con la voglia di gareggiare e di spaccare il mondo. È un argento bellissimo perché rappresenta la mia prima medaglia individuale della carriera e spero sia il prologo alle prossime”.

Bronzo invece per Ilaria Bianchi nei 200 farfalla con il tempo di 2’05″43: “Gli ultimi 25 metri avevo le braccia pesantissime, ma sono riuscita a resistere e a prendermi una medaglia che vuol dire tanto, considerando che sono circondata da atlete giovanissime. Essere ancora su un podio europeo è molto gratificante per tutta la mia carriera”.

Bronzo infine anche per la staffetta 4×50 mista femminile formata da Silvia Scalia, Arianna Castiglioni, Elena Di Liddo e Silvia Di Pietro che hanno chiuso col primato di 1’44″46, dietro a Russia e Svezia: “Siamo state bravissime tutte. Non era assolutamente scontata la medaglia”, ha detto Scalia. “Un record italiano è sempre una grandissima cosa. Peccato perché forse poteva arrivare qualcosa in più, ma siamo soddisfattissime”, ha aggiunto Di Liddo. “Ci voleva proprio una gioia del genere”, ha dichiarato Castiglioni. “Un altro podio europeo per me e per l’Italia. Siamo una bellissima squadra: molto unita e competitiva”, ha chiosato Di Pietro.

foto di Andrea Staccioli e Giorgio Scala / DBM – Inside

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...