Luca Dotto: “Io riparto da qui”. Dopo un anno di stop, il velocista veneto torna al nuoto agonistico

“Un anno difficile, molto difficile, dove ritrovarsi è stato sicuramente l’obiettivo principale di Luca Dotto. Il COVID, il rinvio delle Olimpiadi, le tante incertezze e soprattutto la morte improvvisa della madre, hanno polverizzato l’anno 2020 di Luca, creando in lui, così come in tantissime altre persone, forti disagi emotivi.
Alla soglia dei 30 anni ti chiedi se ne può valere ancora la pena, soprattutto quando ti crolla il mondo addosso, e capisci come le certezze costruite da sportivo cominciano a vacillare a seguito delle emozioni e delle difficoltà che si vengono a creare quando sposti l’ago della bilancia e ridimensioni completamente la lista delle priorità”.

MIKE MARIC, ex campione mondiale di apnea, oggi medico, docente universitario e coach di blasonati atleti olimpionici, introduce così la nascita della sua collaborazione a Y-40 con LUCA DOTTO, campione d’Europa in carica nei 100m stile in vasca corta, primo uomo italiano ad abbattere il muro dei 48 secondi nei 100m stile libero, vicecampione mondiale nel 2011 a Shanghai e, a oggi, l’unico italiano nella storia medagliato mondiale in questa gara.

“Per ottenere risultati, diversi, bisogna fare cose diverse. Per questo ho deciso di cambiare staff, dopo 10 anni di sodalizio, e affidarmi a nuove figure” – ha detto Luca Dotto e così, una conoscenza iniziata a bordo vasca, ai tempi in cui Maric allenava l’apnea e le tecniche di respirazione di Federica Pellegrini e Filippo Magnini, è diventata una partnership vincente.

“Tutto inizia con una passione, il nuoto. Da una parte i quindici e più anni di carriera internazionale, due partecipazioni olimpiche e più di 30 medaglie conquistate tra mondiali ed europei. Dall’altra la volontà di condividere ciò che ho imparato con i più giovani tra sport e valori come il rispetto delle regole e degli avversari, l’importanza dei sacrifici, la capacità di rialzarsi dopo una sconfitta e la forza di credere in se stessi – ha raccontato Luca Dotto – Proprio per questa ragione voglio concludere la mia carriera nel 2024 con i giochi di Parigi, per poi concentrarmi e portare avanti il mio progetto della Swim Academy, fondato nel 2019 per far avvicinare i più piccoli al mondo del nuoto, facendolo crescere di anno in anno”.

“Ebbene dopo un anno di grande sofferenza, dove ha dovuto riprendere in mano la propria vita e soprattutto i suoi perché, la mentalità vincente e proattiva dell’atleta è emersa in tutto il suo splendore. Metro dopo metro, bracciata dopo bracciata, Luca ha ripreso a nuotare con i tempi che l’hanno portato ad essere uno dei migliori velocisti di sempre”.

Ad accogliere gli allenamenti di Luca Dotto insieme a Mike Maric è Y-40, la piscina di acqua termale più profonda al mondo, alle porte di Padova (Montegrotto Terme).

Oltre a Luca Dotto e Arianna Errigo, che Maric ha seguito nella sua preparazione in vista delle Olimpiadi di Tokyo, oggi sono molti gli atleti che si dedicano a discipline trasversali, tra cui l’apnea, perché proprio quest’ultima rappresenta un viaggio introspettivo.

“Questo mi è servito nella vita, e nel ritrovamento di me stesso anche nella dimensione sportiva: affrontare le mie paure, ritrovare coraggio e poi nuovamente il piacere di andare avanti, era il passaggio fondamentale che dal punto di vista mentale mi serviva di più”, ha concluso Luca Dotto.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...