Premiati i vincitori del FESTIVAL DELLE LETTERE 2020-2021 fra centinaia di scritti arrivati da tutta Italia per racconta

Un pomeriggio ricco di emozioni quello di sabato 11 dicembre che ha visto tornare in presenza la tradizionale cerimonia di premiazione del Festival delle lettere, la più importante manifestazione italiana dedicata alla scrittura epistolare giunta alla sua XVI edizione. Grande successo di pubblico alla Casa delle Arti di Cernusco sul Naviglio dove le lettere più belle sono state lette e interpretate dalle voci di Max Pisu, Antonio Cornacchione, Laura Curino e Valerio Bongiorno, con la conduzione di Omar Fantini e l’accompagnamento musicale della fisarmonica di Sara Calvanelli.

Al centro dell’edizione di quest’anno – organizzata grazie alla collaborazione con il Comune di Cernusco Sul Naviglio – centinaia di lettere scritte a mano arrivate da tutta Italia durante la pandemia in risposta al tema principale: Lettera alla scuola.

Proposto con una call aperta nel 2019, il tema della scuola ha avuto come obiettivo quello di raccontare una realtà fatta da relazioni e intrecci di storie, e si è rivelato anche (ma non solo) occasione preziosa di racconto e confronto su come la scuola e le figure che intorno a lei gravitano (studenti, genitori, insegnanti) siano riuscite a destreggiarsi nel dedalo di provvedimenti che hanno toccato l’istituzione scolastica durante la pandemia, fornendo un ampio scorcio storico dell’Italia e della scuola italiana.

A selezionare le migliori lettere una giuria composta da alcuni importanti nomi dell’editoria e del giornalismo: Vera Gheno sociolinguista, docente presso l’Università di Firenze e per oltre vent’anni collaboratrice dell’Accademia della Crusca; Francesca Biasetton, illustratrice e calligrafa, in teatro protagonista con lo spettacolo Abbecedario; Fabio Bonacina, giornalista che si occupa di comunicazione pubblica, ma anche di francobolli, posta e storia. Rosellina Archinto, presidente degli Amici del Palazzo Ducale di Genova, del Museo della Permanente di Milano e del Consiglio Generale della Fondazione Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi; Claudio Di Biagio regista per Sky, Netflix e Rai; i giornalisti e scrittori Mario Calabresi e Riccardo De Gennaro, direttore della rivista Reportage.

Oltre al tema dell’anno Lettera alla scuola, sono stati premiati anche i vincitori delle altre tre categorie in concorso – Lettera a tema libero, Lettera under 14, Lettera dal cassetto – e della sezione fuori concorso Lettera di un’adozione.

I VINCITORI:

Categoria Lettera alla Scuola (Tema 2020-2021)
Vince il premio Lettera d’oro: Laura Musso (Insegnante di Fossalta di Portogruaro)

Categoria Lettera a Tema Libero
Vince: Maria Lucrezia Summa (Picerno)

Categoria Lettera Under 14
Vince: Matilde Mezzetti (Rovereto)

Categoria Lettera dal cassetto
Vince: Costanza Covelli (studentessa di Brescia) che invia una lettera del 1941 di proprietà della nonna, a cui l’aveva inviata in tempo di guerra il marito.

Categoria Lettera di un’adozione
Vince: Raffaella Villa (Ronago)

PREMI SPECIALI CONSEGNATI:

Premio alla libertà in memoria di Ettore Carminati
Vince: Simone Rocchi (Bergamo)

Premio speciale writing the distance dedicato ad Anna Sachet
Vince: Martina Dei Cas (Ala)

A conclusione dell’evento l’annuncio del tema della prossima edizione: “Lettera a un influencer”. A partire dal destinatario decisamente attuale – l’influencer che fa della propria vita e di ciò che la caratterizza una storia da raccontare e celebrare -, il Festival delle Lettere 2022 si focalizzerà sulla condivisione delle emozioni, permettendo di accorciare ulteriormente le distanze con l’aiuto di carta e penna e non semplicemente attraverso i classici “like”.

Ma la XVI edizione del Festival delle lettere continua con una serie di eventi che animeranno la città di Cernusco Sul Naviglio: per tutto il mese di dicembre alcuni negozi del centro ospiteranno al loro interno degli espositori contenenti le migliori lettere delle prime XV edizioni del Festival, emozioni in dono per tutti i clienti che vorranno immergersi nelle storie condivise dagli italiani dal 2005 a oggi.

“Il Festival delle lettere è finalmente tornato a Cernusco sul Naviglio. – racconta il Sindaco, Ermanno Zacchetti – La magia delle lettere, arrivate da tutta Italia e interpretate come solo i grandi attori sanno fare; le emozioni sul palco di chi quelle lettere le ha scritte, mettendoci la propria vita; la mostra delle buste dipinte, custodi artistiche dei messaggi più disparati e veri: un evento che abbiamo accolto con entusiasmo e che saremmo felici di ospitare nuovamente in futuro, per un’offerta culturale di altissimo livello e di respiro internazionale, a cui la nostra Città risponde sempre con curiosità e partecipazione. Per il momento il Festival delle lettere non è finito, ma prosegue nel suo legame con la promozione del nostro commercio locale durante i prossimi giorni: nei negozi aderenti, riconoscibili per le vetrofanie bianche con le buste, sarà possibile ricevere in regalo una delle lettere vincitrici delle edizioni precedenti; poi nel pomeriggio di sabato e domenica prossimi 18 e 19 dicembre, in piazza, appuntamento con i calligrafi dell’Associazione Calligrafica Italiana che personalizzeranno i biglietti d’auguri di Natale con pensieri e parole, per renderli ancora più intimi ed emozionanti. Festival delle lettere, bentornato e arrivederci!”.

Come ogni anno il Festival delle lettere si conferma quindi una preziosa occasione per ricordare che è ancora possibile fermarsi per condividere un’emozione attraverso la scrittura a mano, concedendosi un momento di intimità e dialogo con un foglio vuoto da riempire con parole dense di significato. Un gesto non scontato, ricco di un senso profondo che, in una realtà caratterizzata dalla velocità e dal digitale, permette di riappropriarsi del tempo, in quanto valore da assaporare e trasmettere al prossimo.

Rispondi