A MASTERCHEF ITALIA SI FORMA LA MASTERCLASS

Dopo dei lunghissimi Live Cooking, con decine di aspiranti chef osservati con attenzione alla ricerca del talento e della creatività, Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli sono pronti, giovedì 23 dicembre su Sky e in streaming su NOW, per la seconda fase delle selezioni di MasterChef Italia.

Sarà il momento delle Prove di Abilità, uno step che li vedrà più che mai protagonisti: i potenziali componenti della Masterclass che hanno superato indenni la prima fase verranno divisi in tre gruppi sulla base del loro rendimento nel corso del Live Cooking e delle carenze o dei punti deboli emersi; ognuno dei tre gruppi dovrà affrontare una prova ideata personalmente da uno dei giudici: Chef Locatelli vorrà far emergere l’originalità, Chef Barbieri creerà un esame più tecnico, Chef Cannavacciuolo si focalizzerà sul senso estetico e sulla sua importanza nell’impiattamento.

In più, due giudici su tre – Barbieri e Cannavacciuolo – avranno ancora la possibilità di apporre la propria firma su un grembiule, come già fatto la scorsa settimana da Locatelli, dimostrando di volerci mettere la faccia rispetto ai no dati dai loro colleghi e salvare l’aspirante chef.

In ognuna delle prove – al centro del secondo appuntamento con il cooking show di Sky prodotto da Endemol Shine Italy – i giudici avranno la possibilità di individuare i migliori cuochi amatoriali d’Italia: con il loro consenso unanime, il concorrente guadagnerà finalmente l’agognato  grembiule con, cucito, il proprio nome.

Chi dimostrerà di non avere autocontrollo e sangue freddo dovrà tornare a casa, proprio come chiunque dovesse far emergere altre lacune per ora insormontabili. Chi invece non riuscirà a mettere d’accordo i tre Chef stellati avrà a propria disposizione un’ultima, decisiva, chance per poter entrare nella Masterclass, la Sfida Finale. Una prova da dentro o fuori, in cui sarà fondamentale convincere Barbieri, Cannavacciuolo e Locatelli dimostrando loro di essere in grado di superare i propri errori e di avere tutti i requisiti fondamentali per poter conquistare il grembiule più ambito.

Alla fine dei due episodi di giovedì 23 dicembre alle 21.15 su Sky Uno, sempre disponibili on demand, visibili su Sky Go e in streaming su NOW, i 20 componenti ufficiali della Masterclass di questa stagione potranno finalmente entrare nella cucina di MasterChef Italia, iniziando così il percorso che porterà solo uno di loro ad aggiudicarsi 100.000 euro in gettoni d’oro, a pubblicare il proprio primo libro di ricette e ad accedere ad un prestigioso corso di alta formazione presso ALMA, La Scuola Internazionale di Cucina Italiana.

MASTERCHEF MAGAZINE

E subito dopo la formazione della Masterclass, venerdì 24 dicembre alle ore 19:45 prende il via il consueto appuntamento con MasterChef Magazine, la rubrica in onda dal lunedì al venerdì sempre su Sky Uno, sempre disponibile on demand, visibile su Sky Go e in streaming su NOW.

Nel corso della prima settimana potremo conoscere più da vicino gli aspiranti chef componenti ufficiali della Masterclass. E ancora, spazio alla rubrica sulla “Cucina Green” con ospite lo chef Piergiorgio Siviero che parlerà della sua cucina che valorizza i prodotti del territorio; dalla scorsa edizione torneranno Cristiano e Jia Bi per la “Mystery per due” e il vincitore Francesco Aquila per “Papà Chef”; per la rubrica “Ritratti”, focus sulla cucina vegetariana di “Altatto”, progetto guidato da un team di chef tutto al femminile: Sara Nicolosi, Cinzia De Lauri, Caterina Perazzi; infine, si incontreranno ai fornelli i giudici di MasterChef Italia Barbieri e Locatelli per “Due giudici una spesa”: uno dei due porterà la spesa, insieme realizzeranno un piatto.

Il programma è stato realizzato nel pieno rispetto della sicurezza dei partecipanti e delle normative relative alle misure di contenimento del contagio da Virus Sars- Cov2 come da DPCM vigenti durante le registrazioni.

Tutto il mondo MasterChef Italia sceglie di essere – anche quest’anno – plastic free ed eco-friendly promuovendo il consumo consapevole ed ecosostenibile, rispettando l’ambiente e non sprecando risorse alimentari. La produzione adotta in tutti i luoghi di lavoro un approccio plastic free. Tutti i prodotti di consumo legati al cibo (piatti, bicchieri, posate, vassoi, tovaglioli) sono di natura compostabile ed ecosostenibile.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...