SANREMO 2022 – Elisa è in gara al Festival con “O forse sei tu”: “Sono contentissima di come è andata finora, è già una vittoria per me”

Elisa è in gara per la seconda volta al Festival di Sanremo 2022 dopo la vittoria 21 anni fa con “Luce (tramonti a nord est)”, con il brano “O forse sei tu”, una ballad dalle atmosfere sognanti che ballad che sarà contenuta in “Ritorno al futuro/Back to the Future”, il doppio album, uno in italiano e l’altro in inglese, che uscirà il 18 febbraio per Island Records.

“Sono contentissima di come è andata finora, non era scontato. Sono stata accolta bene, sia io che la canzone, Sanremo era il palco più importante dove portare la mia nuova musica. La melodia di “O forse sei tu” è un po’ fuori dal tempo, è stata una lunga gestazione perchè ho scritto strofa e ritornello quattro anni fa e il resto è nato questo ultimo anno. Ho creato il testo con Davide Petrella. E’ facile mettere tanto del mio dna dentro una canzone così larga e classica. Tornare a Sanremo e ricevere tutto questo affetto è bellissimo ed è già una vittoria per me”, ha detto la cantautrice.

Nella serata delle cover Elisa ha portato What a feeling insieme ad Elena D’Amario: “Mi sono identificata in Alex, la protagonista di Flashdance, che è un film cult per chi ama la danza. Io ho sempre ballato da sola, per me, non pubblicamente. Ho chiamato Elena D’Amario che ha portato in scena diversi generi di danza e dei passi iconici della pellicola. Il mio compito era dare voce a quella canzone incredibile che attraverso il suo sound ha influenzato i produttori di quel tempo, portato nel mainstream mondiale da Giorgio Moroder, e che ancora oggi viene richiamato da diversi artisti. Volevo giocare con questo ritorno al futuro e mettere in rilievo alcune cose che ancora sono importanti”.

In “O forse sei tu” c’è una frase molta poetica, “quella stupida voglia di vivere”: “La bellezza del vincere è nell’amore che ricevi dall’esterno, il consenso, l’affetto, sono forme di amore, di accettazione, è gratificante quella sensazione che si crea e quando la provi sei felice. Il miracolo è quella felicità lì, è il motore del mondo. La vittoria e anche il fallimento sono come il temporale, una nuvola, o il sole che va e viene. Quello che deve restare è la voglia di dare il massimo ed esprimere quello che vuoi dire”.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...