Presentata la stagione 2022/2023 del Teatro Vascello di Roma

E’ stata presentata la stagione teatrale 2022/2023 del Teatro Vascello di Roma, che vedrà in cartellon eben 28 spettacoli.

“Il Teatro Vascello, lo dico con totale consapevolezza, è ormai considerato una eccellenza sia nel panorama romano che nazionale ed internazionale. La costante determinazione con la quale persegue le sue scelte in coerenza con la sua storia ma anche con i necessari e giusti compromessi per le mutate condizioni della realtà, la capacità di proiettare anche il classico nella contemporaneità, lo rende unico e riconoscibile dal grande variegato ed esigente pubblico romano. Ora non ci spetta altro che tentare di superare il livello di eccellenza raggiunto nella passata stagione teatrale. Questo è l’obiettivo che con una certa sfacciata ambizione mi sono prefissa, e come vedremo, ritengo di esserci riuscita. Il leitmotiv di quest’anno intende celebrare la parola, la parola volante, l’essenza significante del teatro; “Di ogni parola inutile sarà chiesto conto“ quindi  “del teatro non si può fare a meno” ricordava Cechov.
Questo spirito sarà il sottostante delle interdisciplinari attività del Teatro Vascello, ovvero; la prosa, la musica, la danza, ma anche il circo, le conferenze monotematiche, le tavole rotonde, gli incontri letterari, le presentazioni di libri, i laboratori etc.
Dopo un periodo sospeso, melmoso, malato di grigiore esistenziale senza stimoli intellettuali, tornare alla luce seppur artificiale del palcoscenico e alle sue meraviglie sarà un vero antidoto contro l’apatia, la solitudine, l’impoverimento culturale, l’inconsapevolezza, la subdola e pericolosa malattia del nostro tempo”, ha esordito Manuela Kustermann.

“Il bisogno che l’uomo ha di sentirsi raccontare storie troverà ampia soddisfazione in più forme nella prossima stagione teatrale. Sarà un teatro spiazzante, catartico, stupefacente, appassionato, ma anche irritante e turbativo, in grado di incidere nella vita intellettuale di tutte le persone per accrescere la conoscenza di sé e del mondo e per il bene del nostro paese che vive uno dei momenti più complicati della sua storia.

Ma veniamo in concreto a quello che il teatro Vascello propone per il cartellone 2022/2023.

Sarà un alternarsi di grandi classici rivisitati e messi in scena da talentuosi registi ed incursioni nella drammaturgia contemporanea di artisti affermati.
Inizieremo con Eugenio BARBA e L’ Odin Teatret che ci onorerà del privilegio di ospitarlo per l’ultimo spettacolo con il quale chiuderà definitivamente la compagnia. E‘ per noi un grande onore e un gratificante riconoscimento. Quindi vi invitiamo a concelebrarlo insieme a noi dal 26 settembre al 2 ottobre con lo spettacolo “Tebe al tempo della peste gialla”.

Seguirà poi lo spettacolo “Resurrexit Cassandra” con la regia di Ian Fabre, il discusso regista internazionale, riconosciuto come uno dei maestri del teatro contemporaneo. La drammaturgia è di Ruggero Cappuccio con la straordinaria interpretazione di Sonia  Bergamasco.

Poi seguirà il primo dei due appuntamenti con Leonardo LIDI; attore e regista  tra i più acclamati del momento, già vincitore nel 2018 della Biennale Teatro (con un bellissimo Spettri di Ibsen ), ora  alle prese con un altro grande autore norvegese “Signorina Giulia “ di Strindberg che ha debuttato al festival di Spoleto lo scorso anno e prodotto dallo Stabile dell’Umbria.

Un concerto spettacolo con il magico Peppe Servillo: Il resto della settimana di Maurizio De Giovanni.

A Novembre “ Kobane Calling on stage” di ZEROCALCARE, uno dei fenomeni giovanili più interessanti del momento. Tratto da un fumetto già tradotto in varie lingue e che solo in Italia ha venduto più di centomila copie. Ora è divenuto uno spettacolo grazie a Nicola ZAVAGLI   e Beatrice VISIBELLI.

Un giovanissimo regista pieno di talento, pluripremiato, entrato nella squadra del teatro Vascello, già vincitore della biennale college 2018, Leonardo Manzan presenterà “Cirano deve morire” una avvincente e moderna rilettura in chiave musicale del capolavoro di Rostand Prodotto da La fabbrica dell’Attore Teatro Vascello, Elledieffe e Teatro di Toscana.

E poi sarà finalmente la volta, dopo anni di gestazione, del nuovo spettacolo di Antonio REZZA e Flavia MASTRELLA parte integrante e fondamentale della famiglia del Vascello e di questo siamo molto orgogliosi! Questi due geniali artisti già vincitori del leone d’oro alla biennale teatro del 2018 con la loro lucida follia creativa e con il loro linguaggio assolutamente innovativo dopo il debutto al festival di Spoleto saranno al Teatro Vascello dal 20 Dicembre al 22 gennaio con il nuovo spettacolo: HYBRIS, prodotto da Fabbrica dell’Attore – Teatro Vascello e Teatro di Sardegna.

Un anniversario importante, dopo 30 anni dal debutto sempre sul nostro palcoscenico che lo fece scoprire, l’eclettico e straordinario, Moni OVADIA ritorna con il suo bellissimo “Oylem Goylem” accompagnato dalla sua sperimentata orchestra. Un’occasione per riapplaudirlo nuovamente.

Un caposaldo della drammaturgia contemporanea, un autore che ha rivoluzionato lo sguardo sul teatro del 900, dando inizio al genere denominato “teatro dell’Assurdo”.

Premio Nobel per la letteratura nel 1969, Samuel Beckett e il suo capolavoro “Aspettando Godot” sarà in scena dal 31 Gennaio al 5 febbraio per la regia del Maestro Theodoros TERZOPOULOS direttore della compagnia Attis Teatro è uno dei registi più importanti del nostro tempo, vincitore di numerosissimi premi e direttore di importanti festival, il suo metodo sulla messinscena della tragedia greca viene ancora studiato nelle Accademie sia in Italia che all’estero.

Un omaggio dovuto ad una grande scrittrice, Elsa MORANTE e al suo libro più importante “LA STORIA “, con la regia del bravissimo Fausto CABRA e un cast di attori eccellenti in scena dal 6 al 19 Febbraio 2023.

Per rinnovare il clamoroso successo della scorsa stagione ci sarà ancora Lino MUSELLA, uno degli interpreti più interessanti del nostro teatro già vincitore del premio Ubu 2019 ritorna con il suo bellissimo omaggio al grande Eduardo con “Tavola Tavola, Chiodo Chiodo” dal 21 al 26 Febbraio.

Poi ci sarà il secondo appuntamento con Leonardo LIDI che continua il suo percorso di regista con un altro grande classico “Il Gabbiano “, il testo fondamentale del teatro di Anton Cechov.

Il Gabbiano debutterà al festival di Spoleto e sarà al Teatro Vascello dal 28 Febbraio al 5 Marzo.

È stato lo spettacolo d’esordio della scorsa stagione suscitando interesse, entusiasmo ma anche perplessità, uno spettacolo che ha diviso gli spettatori, ma nel quale io credo molto, sia per la sua incisiva drammaturgia, sia per la messinscena di carattere internazionale e grazie alla collaborazione di un eccellente cast e della regia visionaria di Giacomo BISORDI.

Sto parlando di PENG di Marius von MAYENBURG (drammaturg della Schaubühne)

Sarà ancora qui da noi dal 7 al 12 Marzo come passaggio assolutamente necessario in una tournée nei più importanti teatri nazionali e internazionali.

È con grande piacere che annuncio la presenza in stagione di Marco Paolini, un artista che ha portato il teatro di narrazione alla sua più alta forma poetica: al Vascello dal 14 al 19 Marzo con il suo ultimo lavoro ANTENATI – The grave Party.

Dopo l’enorme successo di “Antichi Maestri” centrato sull’arte figurativa, la compagnia LOMBARDI TIEZZI ci fa l’onore di ritornare con un altro capolavoro del grande Thomas Bernhard “Il soccombente” che fa parte della trilogia sulle arti, e che tratta questa volta dell’arte musicale. Potremo ancora applaudire la maestria registica di Federico TIEZZI e la grande capacità attoriale di Sandro Lombardi.  Ne siamo particolarmente lieti.

E poi sarà la volta della compagnia dei MARCIDO MARCIDORIS e Famosa Mimosa con il capolavoro di Dickens “David Copperfield“ messo in scena con la loro personalissima cifra stilistica e le geniali scenografie di Daniela Dal Cin e adattamento drammaturgico e regia di Marco Isidori.

Ritorna dopo diversi anni sul nostro palcoscenico Eleonora DANCO con la sua poliedrica personalità: attrice, performer, scrittrice e regista con “Ragazze al muro” il suo primo grande successo che in esclusiva per il Vascello riporta in scena dopo 26 anni.

Un autore amato da molti che è divenuto quasi mitico morto giovanissimo in un incidente stradale sempre rimpianto per il suo potenziale talento ANNIBALE RUCCELLO“ Le cinque rose di Jennifer” messo in scena da Daniele Russo.

Carmelo RIFICI direttore artistico del LAC di Lugano e direttore della scuola Luca Ronconi del Piccolo di Milano, firma la regia de “Le relazioni pericolose” il romanzo epistolare di LACLOS ma ispirato anche ad altri autori quali: Artaud, Dostoevskij, Block, Hofmannsthal, Pasolini, Keats, Nietzsche, De Sade, Simon Weil, etc. con la collaborazione alla drammaturgia di Livia Rossi.

Tutto il mese di maggio sarà dedicato alla straordinaria compagnia CARROZZERIA ORFEO che presenterà ancora “Miracoli Metropolitani. E a 10 anni dal debutto lo spettacolo che li ha fatti conoscere decretando il loro straordinario successo: “Tanks for Vasellina “, e anche un monologo che Gabriele Di Luca ha scritto per la fantastica Beatrice Schiros “Stupida Show”

Ma non abbiamo ancora finito! Ci sono ancora proposte interessanti:

Il corvaccio de li morti, una serata particolare che vede protagonista Lino Guanciale che leggerà dei sonetti scritti da Graziano Graziani accompagnato da due musicisti: Gabriele Coen e Stefano Saletti.

Il Teatro CIRCO con due spettacoli SPAGHETTI Compagnia Materiaviva e La compagnia Circo EL GRITO

L’ orchestra giovanile FONTANE DI ROMA, giovanissimo e talentuoso gruppo di 50 orchestrali, che propongono repertorio di musica sinfonica classica e non solo.

Concerto in collaborazione con Flautassimo di Beppe Servillo.

Spettacoli di danza:

VIVALDIANA degli Spellbound

  • Emiliano Pellisari compagnia No Gravity con FONTANA Project, un omaggio al grande artista Lucio Fontana.

Incontri e approfondimenti:

– INTORNO A ELSA, un approfondimento culturale sulla figura di Elsa MORANTE.

E poi tre conferenze sull’influenza che la psicanalisi ebbe sugli intellettuali romani agli inizi degli anni 50-60 condotte e coordinate da Caterina Cardona.

Ed infine un dovuto tributo a Cristina Campo, straordinaria figura di intellettuale, in occasione del centenario della nascita. Un convegno spettacolo condotto ed organizzato da Davide BRULLO.

E torneranno anche con gli appuntamenti de “La filosofia spiegata ai ragazzi”.

Per approfondimenti e aggiornamenti: www.teatrovascello.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...