Su Retequattro ultimo appuntamento con «Dynasties II – L’avventura della Vita»

Terzo e ultimo appuntamento con il doc firmato BBC, «Dynasties II – L’avventura della Vita», in onda martedì 4 luglio, in prima serata, su Retequattro.
Prosegue il racconto di alcune iconiche specie animali, in pericolo di o in via di estinzione, note per formare gruppi familiari solidi e compatti: questa settimana sono protagonisti Suricato e Macaco.

SURICATO – La giovane capo-branco Maghogho è in missione per imporre la sua dinastia, in uno dei luoghi più duri del Pianeta. Il suo regno è al limite di ciò che i suricati possano sopportare: la bellezza desolata delle saline Makagikadi in Botswana. Fa così caldo ed è così secco che quasi niente vi può sopravvivere, eppure lei è qui che deve allevare i suoi cuccioli. Se vuole farcela in questo paesaggio arido e estremo, avrà bisogno del sostegno di tutta la sua famiglia. Anche loro, come lei, sono giovani e inesperti. La sfida di Maghogho è quella di renderli una squadra, prima che sia troppo tardi. Insieme affronteranno la più dura delle stagioni secche, immense tempeste di sabbia e battaglie con rivali che metteranno alla prova la loro lealtà, ormai al limite. Il loro futuro si basa sulle piogge vivificanti che arriveranno in tempo per trasformare la loro casa nel deserto, in un paradiso. Riusciranno a trionfare contro ogni previsione?

CURIOSITÀ – I suricati si producono in una danza di guerra, in cui saltano con la coda eretta per intimidire un branco rivale; fanno il bagno nella sabbia; scavano via lo strato superiore, caldo, e poi mettono le pance in quella fresca sottostante; sono tra i pochi animali che mangiano scorpioni: sono immuni al loro veleno e hanno anche una maggiore tolleranza ai morsi di vari serpenti velenosi; insegnano ai loro piccoli come cercare cibo e come mangiare gli scorpioni: dopo averli uccisi tolgono il pungiglione e poi li passano ai cucciolo; mangiano anche rane, lucertole e, talvolta, uccelli; hanno una vista eccellente, per individuare i predatori; le macchie scure intorno agli occhi servono a ridurre l’abbagliamento dovuto agli ambienti aridi in cui vivono, come una sorta di occhiali da sole naturali; sono estremamente adattati al deserto; non hanno bisogno di bere acqua perché ottengono quella necessaria dal cibo; si tratta di acqua metabolica: quando le digeriscono il loro corpo produce acqua dal cibo solido; la mattina presto, stanno in piedi, fuori dalle loro tane, con le pance esposte: qui la peluria è così rada, che si può vedere la pelle scura, sotto; questa assorbe il calore del sole del mattino e li riscalda, prima che si mettano alla ricerca di cibo; sono molto intelligenti e hanno numerosi richiami che usano per comunicare pericoli, predatori, cibo, aggressioni e altro ancora; hanno anche diverse modalità di dare l’allarme, a seconda del tipo di predatore e di quanto sia loro vicino; sono animali sociali che vivono in gruppi anche di 30 individui, con una femmina e un maschio dominanti; tuttavia, la femmina dominante è la sola responsabile dell’intero gruppo; ogni suricato del gruppo condivide i doveri, sia che si tratti di fare da babysitter ai cuccioli, sia dar loro da mangiare o rimanere di sentinella per avvertire dell’arrivo di predatori.
RARITÀ – Il Dynasties Team è stato la prima troupe a filmare: un branco di suricati di Maghogho; suricati che attraversano un corso d’acqua; suricati nei Makgadikgadi Pans, in Botswana; vedove che si rubano i cuccioli a vicenda, per poi restituirli al termine dello scontro.
PRODUCER – Emma Napper. Girando per quasi un anno, la troupe ha sviluppato particolari strumenti per raccontare il mondo dei suricati: poco più grandi di uno scoiattolo, si muovono velocemente in un paesaggio quasi infinito. Con l’aiuto di guide locali, affrontando tempeste di sabbia e caldo torrido, il Dynasties Team è riuscito a catturare cose mai viste prima.

MACACO – Sulle montagne dell’Atlante, in Marocco, vive un gruppo di macachi di Barberia. Il maschio alfa, Mac, si è appena aggiudicato il ruolo di leader: deve guidare e proteggere il branco e respingere i rivali che vogliono la sua corona. Durante il primo anno affronterà una torrida siccità estiva e un inverno ghiacciato e nevoso e un grave errore di valutazione ne minaccerà la leadership. Con l’avvicinarsi della stagione degli amori, gli alleati iniziano a insorgere e dopo un brutale attacco verrà deposto e bandito dal gruppo. Mac non molla e trova nuovi alleati: ore deve prendere decisioni, stringere alleanze, affrontare sfide e combattere gli elementi, per mantenere il ritrovato ruolo e tenere al sicuro l’enorme famiglia allargata. Solo superando queste sfide, potrà trovare un erede al trono e dare vita alla propria dinastia.

CURIOSITÀ – I maschi di macaco di Barberia sono genitori molto coinvolti: si prendono cura di cuccioli e neonati; in inverno, di notte, si stringono l’uno a l’altro in grandi gruppi per scaldarsi; è l’unica specie di scimmia al di fuori dell’Asia e l’unica africana a nord del Deserto del Sahara; sono classificati in via di estinzione: negli ultimi 25 anni, si stima che il numero si sia più che dimezzato; i cuccioli vengono spesso catturati e venduti dai bracconieri, sia per venderli come animali domestici (talvolta anche in Europa) o ai mercati locali, dove vengono fatti esibire per i turisti; affrontano inverni rigidi, siccità e oltre 40 gradi in estate; la pelliccia li isola dalle condizioni estreme e, quando la stagione, cambia la mutano; si arrampicano costantemente per ripidi pendii. Per catturare la vita di Mac, il Dynasties Team ha utilizzato una grande varietà di attrezzature: droni, un obiettivo molto lungo (50-1500 mm), una telecamera via cavo attraverso gli alberi, un sistema movi portatile, un cursore, dei kit timelapse e persino una speciale fotocamera stabilizzata, collegata a un elicottero. In oltre 200 giorni di riprese, camminando per oltre 800 miglia, si stima siano saliti per oltre 50.000 metri (come scalare l’Everest più di cinque volte).
RARITÀ – Il Dynasties Team è stato il primo a filmare: un gruppo di macachi di Barberia alle prese con una siccità estiva estrema; i conflitti per diventare il maschio alfa di un gruppo di macachi di Barberia selvaggi; dei licaoni che cercano di catturare dei piccoli macaco di Barberia, tentando di separare i cuccioli dagli adulti, poi tutti recuperati e portati al sicuro tra gli alberi; una battaglia tra due gruppi di macachi rivali: normalmente quando due gruppi si incontrano, si schierano e si controllano a vicenda, e poi il più piccolo si ritira; in questa occasione, poiché il cibo scarseggiava, la truppa di Mac (che era il più piccolo) ha deciso di combattere contro il più grande.
PRODUCER – Rosie Thomas. Il team è stato sul posto per un periodo di circa 14 mesi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...