A partire dal 1° ottobre torna su Rai 2 “Check Up”

A partire dal 1° ottobre torna su Rai 2 “Check Up”, con il consueto appuntamento del sabato, nel nuovo orario delle 12.05. Un vero e proprio viaggio nel mondo della medicina e della scienza, all’insegna dell’eccellenza nella sanità e nella ricerca, attraverso numerosi ospiti, servizi, testimonianze e collegamenti. Nella prima puntata Check Up, Luana Ravegnini si occuperà innanzitutto di aritmia, un disturbo dell’attività cardiaca che colpisce quasi mezzo milione di italiani. A parlare di questo tema interverrà negli studi della Rai di Napoli il dottor Gabriele Vicedomini dell’IRCCS Policlinico San Donato di Milano, mentre, in collegamento dallo stesso ospedale, il prof. Carlo Pappone, capo dipartimento di Aritmologia, effettuerà un intervento chirurgico particolarmente avanzato. Con l’ausilio della grafica 3D verranno mostrate le principali fasi dell’operazione che punta ad eliminare in via definitiva il rischio di arresto improvviso del cuore in un paziente affetto da Sindrome di Brugada. Si parlerà poi della malattia renale cronica, che colpisce circa 4,5 milioni di Italiani e che è in costante aumento a causa dell’invecchiamento generale della popolazione. In studio il prof. Piergiorgio Messa, presidente della Società Italiana di Nefrologia (SIN) e professore ordinario di Nefrologia all’Università degli Studi di Milano, che illustrerà le terapie più efficaci per ridurne le conseguenze. Tra le novità di questa edizione, uno spazio dedicato ai “falsi miti” della medicina con un focus sulla lotta alle fake news ed i consigli per non cadere vittime di luoghi comuni privi di fondamento scientifico. E ancora, una linea telefonica dedicata che darà la possibilità ai telespettatori di porre domande agli specialisti presenti in trasmissione. In studio anche il nutrizionista Luca Piretta, che fornirà suggerimenti mirati per la prevenzione a tavola, ed i giovani medici specializzandi che tornano anche in questa nuova stagione di Check Up per aprire una finestra sul mondo della sanità.

Rispondi