HALLOWEEN: la 125a edizione del Bram Stoker festival a DUBLINO dal 28 al 31 ottobre

Quella del 125° anniversario, in programma a Dublino dal 28 al 31 ottobre, si appresta a essere la più bella edizione di sempre del “Bram Stoker Festival” (https://www.bramstokerfestival.com), l’evento dedicato a “Dracula”, romanzo influenzato anche da alcuni luoghi della capitale e dai racconti irlandesi dei neamh-mairbh, i morti che camminano: ha cambiato per sempre l’immaginario collettivo, diventando protagonista di adattamenti cinematografici, teatrali, spettacoli e di milioni di suggestioni, in bilico tra fascinazione irresistibile e spaventoso mistero. Da rivivere, perché no quest’anno, in occasione del lungo ponte di Ognissanti, abbinando vampiri e Halloween.

E pensando alla sua importanze vale la pena ricordare anche un altro anniversario a tema vampiresco, quale quello del capolavoro del muto “Nosferatu” del regista tedesco Murnau, ispirato dal capolavoro di Stoker e uscito esattamente 100 anni fa.

Moltissime attività a tema e la magia dell’aurora boreale, presente anche nel romanzo

In occasione di questo festival molto amato dai dublinesi e dai fan di tutto il mondo del più celebre dei vampiri, la capitale irlandese è animata da eventi, spettacoli, momenti di divertimento e incontri.

E tra le cose più belle del 2022 figura la prima irlandese di BOREALIS (https://www.youtube.com/watch?v=mA3MNQYjCkU), spettacolare opera dell’artista svizzero di fama internazionale Dan Acher, che andrà un scena di sera per tutta la durata del festival e con accesso gratuito, portando letteralmente la meraviglia dell’aurora boreale in un luogo speciale come l’Upper Courtyard del Castello di Dublino. E a questo proposito vale la pena ricordare che Stoker lavorò come impiegato presso il castello (si può vedere ancora la “sua” finestra) e che le sue gotiche geometrie ebbero un ruolo anche in “Dracula”.

BOREALIS è un’esperienza immersiva di luci e suoni – con la colonna sonora scritta appositamente dal compositore Guillaume Desbois – che ha già stupito centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo, grazie alla sua incredibile riproduzione di uno dei fenomeni naturali più belli e sfuggenti del pianeta: l’incanto dell’aurora boreale.

Anche se non risulta immediatamente evidente, il legame tra il fenomeno dell’aurora e il romanzo è suggestivo e intrigante: nei secoli l’aurora boreale ha, infatti, affascinato l’uomo, che ha cercato di spiegarla attribuendole ogni tipo di superstizione e, spesso, anche credendo fosse un segno di sventura. E “Dracula” contiene numerosi riferimenti alle nuvole scure, a strani fenomeni atmosferici e naturalmente anche all’aurora boreale. Ecco dunque che BOREALIS è l’evento ideale e con un tocco unico di magia per il programma del Bram Stoker Festival del 125° anniversario.

Chi sarà a Dublino nei giorni dell’evento, oltre ad ammirare BOREALIS, potrà anche divertirsi vestendosi con abiti a tema – senza sembrare strano – e partecipare a proiezioni di film, dibattiti, spettacoli di teatro (comici e drammatici), appuntamenti con l’arte e con la musica.

Nel corso degli anni il festival ha proposto spettacoli imponenti, installazioni all’aperto, esperienze intime in luoghi sacri, produzioni teatrali pluripremiate, un circo notturno e addirittura banchetti organizzati in alcune cripte.

Rispondi