“Paesi che vai…” fa tappa ad Alessandria 

“Paesi che vai…”, il programma di Rai 1 ideato e condotto da Livio Leonardi, patrocinato dal ministero della Cultura, in onda domenica 6 novembre alle 9.40 su Rai 1, fa tappa ad Alessandria. Caratterizzata da edifici barocchi, piazze scenografiche, chiese e portici, si trova nel cuore di un territorio che è il risultato di una perfetta fusione tra verdi pianure e dolci paesaggi collinari: il Monferrato. Una terra in cui la produzione di vino ha una tradizione antichissima, e che, proprio per questo, nel 2014, è stata dichiarata, insieme a Langhe e Roero, “Patrimonio Mondiale Unesco per i Paesaggi Vitivinicoli”. Alessandria e tutto il Monferrato però, sono noti anche per il grande numero di castelli e di palazzi, edificati dalle più importanti famiglie nobili del Monferrato. Maestosi edifici che sorsero durante il governo delle tre importanti dinastie del Marchesato di Monferrato, ovvero gli Aleramici, i Paleologo e i Gonzaga. Livio Leonardi, partendo dalla spettacolare Piazza Duomo di Alessandria porterà gli spettatori alla scoperta di alcuni importanti monumenti, per ripercorrere la magnificenza del Monferrato, nelle epoche e nelle dominazioni che l’hanno attraversato. Leonardi immergerà quindi il racconto nella storia di Alessandria e del Monferrato, e si addentrerà tra le mura di antichi manieri e prestigiosi palazzi nobiliari. Dal Castello di Sannazzaro, il racconto proseguirà al Castello di Camino e al Castello Balbi di Piovera. Le telecamere si sposteranno poi a Casale Monferrato all’interno del Palazzo Gozzani di Treville, e arriveranno fino al Sacro Monte di Crea, un vero e proprio gioiello di arte, storia e sacralità. Non mancheranno storie e atmosfere ricostruite, come sempre, da personaggi in costume d’epoca. Inoltre, il programma condurrà alla scoperta di un edificio storico di Alessandria, che ha fatto da sfondo a una celebre miniserie televisiva. Infine “Paesi che vai” visiterà il primo Parco nazionale istituito in Italia, la cui storia è legata alla protezione dello stambecco.

Rispondi