PREMIO DELLA CRITICA ANCT 2022 – Associazione Nazionale dei Critici di Teatro a Cristiana MORGANTI

In occasione dello spettacolo “Behind the light” nuova scrittura coreografica creata ed interpretata dalla danz-attrice Cristiana Morganti, in scena al teatro Ponchielli di Cremona, in simbiosi con un pubblico generoso di applausi, si è compiuta al termine della rappresentazione, la lettura della motivazione del Premio della Critica ANCT 2022, riconoscimento fortemente coeso dal direttivo e dai membri dell’Associazione Nazionale dei Critici di Teatro, rivolto alla coreografa Morganti. La celebrazione, qui ospite nel teatro cremonese, dell’attuale direttore artistico Andrea Cigni, che avrà luogo nella sua interezza del cerimoniale a Napoli presso il Teatro Nuovo, in data 14 novembre alle ore 18.00 e diretta Facebook, è stato motivato nella lettura, dai giornalisti e critici ANCT: Enrico Marcotti, Emanuela Cassola e Nicola Arrigoni.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Motivazione

Danzatrice, performer, coreografa, per vent’anni solista nella prestigiosa Compagnia di Pina Bausch a Wuppertal, pluripremiata in Italia e all’estero, Cristiana MORGANTI, nell’ultimo decennio, oltre al lavoro di autrice e coreografa per spettacoli come “A Fury Tale”, “Non sapevano dove lasciarmi” e “Another Round for Five”, si è dedicata ad un proprio percorso indipendente. Ha firmato Progetti di raffinata poetica, ironia e realismo come gli assoli “Moving whit Pina”, sorta di conferenza danzata, come lei stessa ha definito il suo lavoro, intimo omaggio al mondo della Bausch, in un contagioso mix in cui l’afflato lirico si mescola ad una potenza espressiva straordinaria, o a “Jessica and Me”, vero e proprio, e a tratti conflittuale e misterioso confronto in cui Cristiana si sdoppia fra il suo essere profondamente danzatrice e attrice, fino ad arrivare a quest’ultima, struggente creazione, “Behind the Light”, fresca di debutto, in cui momenti di crisi esistenziale e professionale vissuti dalla Morganti nel tempo della pandemia diventato in scena un viaggio consapevole di ri-nascita, un universo creativo e stilistico che apre uno squarcio di luce nel buio dell’anima in pieno respiro col pubblico, che apprezza il suo istinto, i suoi delicati slanci onirici e la poesia che porta nelle sue coreografie. Con urgenza ed acuta intelligenza Cristiana, danza, canta, recita ora il ritorno alla vita che solo l’Arte, nel suo atto creAttivo riesce a sublimare nel luogo democratico e taumaturgico del teatro, spazio ancora possibile dell’ascolto nella condivisione sociale.

Il Presidente ANCT Giulio Baffi

Il Direttivo e membri ANCT

Rispondi