A Potenza, dal 16 al 19 novembre, il Festival VISIONI VERTICALI con Rocco Papaleo, Giancarlo Giannini, Nicola Guaglianone, Gabriel Montesi

Si terrà dal 16 al 19 novembre la IV edizione di Visioni Verticali – Festival del Cinema di Potenza. Ideata dall’associazione Polimeri, la manifestazione quest’anno presenta un’edizione speciale, “Visioni Verticali – Ambiente e Territori”, organizzata insieme al Centro di Geomorfologia Integrata per l’area del Mediterraneo (CGIAM). Il festival si svolgerà presso Il Piccolo Teatro al Principe di Piemonte di Potenza, che fa parte del complesso di edifici del nuovo Centro Sperimentale delle Arti Mediterranee (CeSAM), Accademia fondata dal CGIAM.

Numerosi gli appuntamenti e gli ospiti che si alterneranno sul palco. Tra questi: Rocco Papaleo, Nicola Guaglianone e Luca Ribuoli che saranno i protagonisti di tre masterclass; e poi Giancarlo Giannini, Gabriel Montesi, Silvia Scola.

Il programma completo, che prevede anche numerose performance teatrali e musicali, verrà presentato in occasione della conferenza stampa di sabato 12 novembre.

Visioni Verticali nasce dal profondo legame con la propria terra unito alla forte passione per il cinema e il grande desiderio di aprire le porte dei palazzi alla cultura. Il festival vuole esplorare il nuovo cinema italiano e internazionale, con uno sguardo rivolto alle creazioni artistiche locali, alla sperimentazione dei linguaggi audiovisivi e alle produzioni indipendenti.

Protagonista indiscusso di questa edizione speciale sarà l’ambiente, osservato attraverso la macchina da presa di registi nazionali ed internazionali. L’obiettivo del festival è valorizzare il territorio lucano celebrandone i suoi talenti in ambito cinematografico e facendo emergere il potenziale di questa terra. Il pubblico potrà visionare cortometraggi, lungometraggi e documentari volti a sensibilizzare il tema della sostenibilità ambientale, della tutela e della valorizzazione del patrimonio naturale, paesaggistico, storico, archeologico, monumentale ed antropico del nostro pianeta, nonché contribuire a una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva dei territori in cui viviamo.

Rispondi