Venerdì 23 giugno, alle 23,05 su Rai 3, torna “Radici, l’altra faccia dell’immigrazione”: Il Brasile di Liliam Altuntas

Venerdì 23 giugno, alle 23,05 su rai3, torna RADICI, l’altra faccia dell’immigrazione, un programma di Davide Demichelis, con la collaborazione di Alessandro Rocca e la consulenza di Francesco Cavalli, produttore esecutivo Rai Maria Iva Casanova.
La puntata di domani racconta la storia di Liliam Altuntas.Liliam era una bambina di strada, in Brasile. Solo in Italia è riuscita a dare una svolta alla sua vita. Oggi ha 36 anni, vive a Torino, ha cinque figli e un nipote: è nonna da quando ne aveva 34. Quando Liliam ha un anno e mezzo, sua madre se ne va di casa. Suo papà, poliziotto, spesso è fuori per lavoro. Lei cresce con la nonna, le zie e gli zii, uno dei quali le dedica anche troppe attenzioni. Dopo anni di abusi, Liliam decide di andarsene, a soli 8 anni. Sulle strade e le spiagge di Recife però, deve fare l’elemosina e prostituirsi per sbarcare il lunario.  A soli 12 anni resta incinta , però continua a frequentare strade, droghe e clienti fino a quando, a 15 anni, viene deportata in Germania.
Per tre anni si vende in una casa chiusa, a Dusserdolf, ma non ne può più: tenta il suicidio, lanciandosi dal balcone. Miracolosamente si salva, e finisce in una comunità, dove trova una famiglia che si prende cura di lei, fino a quando si sposa con un uomo di origini turche. Dopo qualche anno però lui si rivela violento, e così decide di fuggire a Torino, con i suoi due figli nati in Germania. In Italia, cercando lavoro, trova anche marito: un militare italiano. Con lui avrà altri due figli e realizzerà il suo sogno di sempre: fare la pasticcera.
Per 20 anni Liliam ha cancellato il Brasile dalla sua vita. Solo due anni fa è andata a Rio per incontrare sua madre. Con Davide Demichelis torna per la prima volta anche nella sua città: Recife. Vuole rivedere con il sorriso quei luoghi dove ha versato tante lacrime

Radici è un progetto realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Interno e cofinanziato dal Fondo Asilo, Migrazione e Integrazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...