Venti anni fa se ne andava Santa Madre Teresa di Calcutta, la piccola matita di Dio

Il 5 settembre del 1997 se ne andava Madre Teresa di Calcutta, la suora dei più poveri tra i poveri, che lasciata l’Albania aveva dedicato tutta la sua vita agli ultimi dell’India.

Nata a Skopje il 26 agosto 1910 da una famiglia albanese originaria del Kosovo, Agnes Gonxha Bojaxhiu a diciotto anni decise di farsi suora ed entrò nell’ordine delle Suore di Loreto. Dopo un periodo in Irlanda partì per l’India dove iniziò a insegnare alle ragazze fino a quando è arrivata “la chiamata nella chiamata” e la scelta di una vita in mezzo ai poveri con l’istituzione delle suore Missionarie della Carità, aiutando i lebbrosi, i malati di Aids, le ragazze madri, gli anziani, le famiglie disagiate, i carcerati, insomma le persone che spesso si trovano ai margini della società. Oggi le Missionarie della Carità, o semplicemente le suore di Madre Teresa, sono circa 6mila nel mondo e sono presenti in 130 paesi. In Italia ci sono 18 case dove vivono e operano 129 suore.

Esattamente un anno fa Madre Tersa di Calcutta, la piccola ‘matita di Dio’, è diventata Santa. Una canonizzazione fortemente voluta da Papa Francesco per concludere il Giubileo della Misericordia. Santa Madre Tersa è da sempre un modello di vita, simbolo di una povertà non solo da assistere ma anche da condividere, vivendo una vita sobria e aiutando i più bisognosi.

Qui sotto un pensiero di Santa Madre Teresa di Calcutta:

Il giorno più bello? Oggi
L’ostacolo più grande? La paura
La cosa più facile? Sbagliarsi
L’errore più grande? Rinunciare
La radice di tutti i mali? L’egoismo
La distrazione migliore? Il lavoro
La sconfitta peggiore? Lo scoraggiamento
I migliori professionisti? I bambini
Il primo bisogno? Comunicare
La felicità più grande? Essere utili agli altri
Il mistero più grande? La morte
Il difetto peggiore? Il malumore
La persona più pericolosa? Quella che mente
Il sentimento più brutto? Il rancore
Il regalo più bello? Il perdono
Quello indispensabile? La famiglia
La rotta migliore? La via giusta
La sensazione più piacevole? La pace interiore
L’accoglienza migliore? Il sorriso
La miglior medicina? L’ottimismo
La soddisfazione più grande? Il dovere compiuto
La forza più grande? La fede
La cosa più bella del mondo? L’amore.

 

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...