PROCLAMATI I VINCITORI DEI DIVERSITY MEDIA AWARDS 2018: Personaggio dell’anno Roberto Saviano. Tutti i premiati

Proclamati ieri sera, a Milano, al Teatro Vetra i vincitori della Terza edizione dei Diversity Media Awards in una serata che ha visto riunite tante persone, media, aziende, istituzioni: tante voci diverse, insieme a testimoniare l’impegno a favore della tutela dei diritti.

L’iniziativa – organizzata dall’associazione no-profit Diversity (www.diversitylab.it), presieduta da Francesca Vecchioni – ha premiato media (tv, radio, web, cinema, pubblicità, stampa, tg) e personaggi che nel 2017 hanno contribuito a una rappresentazione valorizzante delle persone e delle tematiche LGBTI.

Quest’anno i DMA hanno amplificato ancor di più la voce grazie al supporto di testate e network televisivi italiani, associazioni, aziende, istituzioni che hanno scelto di Trasmettere la serata in streaming per la prima volta a Rete Unificata (TRULive) sui propri canali web e social.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Ecco tutte le categorie, i nominati e, naturalmente, i vincitori.

Miglior FILM

Vince             

Il padre d’Italia (Bianca Film, Rai Cinema)

Le altre nomination

Chi salverà le rose? (Corallo Film)

La parrucchiera (Skydancers, Mad Entertainment, Rai Cinema)

Nove lune e mezza (Neo Art, Paco Cinematografica)

Migliore SERIE TV ITALIANA

Vince 

Amore pensaci tu (Publispei, RTI – Canale 5)

 

Le altre nomination

Gomorra (Sky, Cattleya, Fandango, LA7, Beta Film – Sky Atlantic, Sky Cinema 1)

I bastardi di Pizzofalcone (Clemart, Rai Fiction – Rai Uno)

Suburra: La Serie (Cattleya, Rai Fiction – Netflix)

 

Migliore SERIE TV STRANIERA

Vince 

Sense8 (Anarchos Productions, Javelin Productions, Studio JMS, Motion Picture Capital,

Georgeville Television – Netflix)

 

Le altre nomination

Billions (Best Available! TBTF Productions Inc. – Sky Atlantic)

Grace and Frankie (Okay Goodnight, Skydance Productions – Netflix)

One Mississippi (Zero Dollars and Zero, Sense Productions, Good Egg Productions, Inc., Pig Newton, Inc., 3 Arts Entertainment, FX, Amazon Studios – Amazon Prime Video)

Narcos (Gaumont – Netflix)

Star Trek: Discovery (CBS Television Studios – Netflix)

 

Miglior PROGRAMMA TV

Vince 

X Factor (FremantleMedia Italia – Sky 1)

Le altre nomination

Adesso sì (Stand By Me – Rai 2)

Cose da non chiedere (Toro Media, Discovery Italia – Real Time)

Parla con lei (FremantleMedia – FoxLife [canale 114 di Sky])

Rivoluzione Gender (National Geographic [canale 403 di Sky])

Stato civile (PanamaFilm – Rai 3)

Miglior PUBBLICITÀ

Vince 

Amati per come sei (Coconuda)

 

Le altre nomination

A modo nostro l’amore (Brosway)

Fuori luogo (Gibbo&Lori – Idealista)

Pool Boy (Santo – Coca-Cola)

#PowertoKisses (Red Team – Vodafone)

 

Miglior PROGRAMMA RADIO

Vince 

m2o Radio @ Gay Village

 

Le altre nomination

Fahrenheit – Radio Tre

Il Geco e la Farfalla – Radio Capital

Miracolo Italiano – Radio Due

Pinocchio – Radio Deejay

PERSONAGGIO DELL’ANNO

Vince 

Roberto Saviano

 

Le altre nomination

Alberto Angela

Salvatore Esposito

Michela Murgia

Virginia Raffaele

INFLUENCER

Vince 

Loretta Grace

 

Le altre nomination

Gnambox

Iconize

Martina Dell’Ombra

Shanti Lives

Willwoosh

PREMIO MEDIA YOUNG

Vince 

Tredici (July Moon Productions, Kicked to the Curb Productions, Anonymous Content, Paramount Television – Netflix)

Le altre nomination

BoJack Horseman (The Tornante Company, ShadowMachine Films – Netflix)

Crazy Ex-Girlfriend (LeanMachine, webbterfuge, Warner Bros. Television, CBS Television Studios – Netflix)

Master of None (Alan Yang Pictures, Oh Brudder Productions, 3 Arts Entertainment, Fremulon, Universal Television – Netflix)

Supergirl (Berlanti Productions, DC Entertainment, Warner Bros. Television – Italia 1)

I Diversity Media Awards sono promossi da Diversity, l’associazione – fondata e presieduta da Francesca Vecchioni – che realizza, durante tutto l’anno, progetti e ricerche dedicati all’inclusione sui temi della discriminazione di genere, età, orientamento sessuale, disabilità, religione, condizioni socio-economiche ed etnia unendo istituzioni, atenei e osservatori media.

Tante le istituzioni, le aziende e i partner che in questi anni hanno scelto di essere a fianco di Diversity. Dai patrocini di Commissione europea, Ambasciata del Canada, Comitato interministeriale per i diritti umani, Comune di Milano, alla collaborazione con l’Osservatorio di Pavia, Focus Management e gli atenei italiani.

Molti i brand sensibili alle tematiche dell’inclusione che sostengono il progetto partecipando all’iniziativa: Lierac, Google Italia, Eataly, Vodafone, American Express, Fico, Coop, Assocom, Dexter, EBay, Discovery e, come partner del settore media e comunicazione, Yam112003 – che firma la produzione dell’evento – e Mongini Comunicazione.

La cena al termine della premiazione 2018, grazie al sostegno dell’Associazione Le Soste, è stata curata dei 3 chef stellati Sadler, Guida e Morelli e con selezioni di vini e cocktail di Vino DiVino e Baxter Bar.

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...