Le Ragazze tornano su Rai3, da domenica 28 ottobre, in prima serata. Introdotte da Gloria Guida, le protagoniste della prima puntata sono Sultana Razon Veronesi, Laura Efrikian, Armanda De Angelis, Sara Simeoni, Marcella Stagno e Greta Maffioletti

Dopo il successo de Le Ragazze del ‘46 e Le Ragazze del ‘68, Le Ragazze tornano su Rai3, a partire da domenica 28 ottobre, questa volta in prima serata.
Un altro appuntamento che si inserisce a pieno titolo nel lavoro di innovazione che la Rete sta portando avanti sul racconto della società e dei suoi protagonisti – con grande attenzione alle donne, a cui Rai3 sta dedicando ampio spazio nella programmazione domenicale – in un ritmato contrappunto tra memoria e presente che metta in condizione il pubblico, anche quello giovane, di riannodare i fili della storia del nostro paese, in cui fondamentale è stato il contributo delle donne.
Questa volta il titolo sarà semplicemente Le Ragazze, perché il programma spazia nella storia dell’Italia dagli anni ’40 ad oggi.
Saranno sei le protagoniste per ogni puntata e racconteranno l’evoluzione del Paese ognuna dal proprio punto di vista. A guidarle in questo percorso ci sarà Gloria Guida. Sarà lei ad accompagnare i telespettatori nelle vite ordinarie e straordinarie di queste donne che hanno lasciato un’impronta nella nostra società. Le Ragazze sarà quindi un lungo viaggio nella memoria e anche un lungo viaggio nella storia sociale italiana.
Ogni puntata inizia con una Ragazza degli Anni ’40 e si conclude con una Ragazza del Nuovo Millennio. Di volta in volta, si alterneranno lungo il racconto Ragazze degli Anni ’50, ‘60, 70’, 80’ e ’90.
Una narrazione che vuole essere individuale e collettiva al tempo stesso. Vite spesso distanti tra loro, geograficamente e culturalmente, ma idealmente unite da un unico afflato esistenziale, da un unico desiderio di affermarsi e di esistere in quanto donne.
I racconti proposti in questa nuova serie spazieranno dalla Storia al costume, dalla moda ai diritti civili, dalla politica all’arte e allo spettacolo.
Ogni storia sarà arricchita dallo straordinario materiale delle Teche Rai e da una colonna sonora in grado di far volare la mente più di ogni immagine.
Tra le Ragazze di questa edizione ci saranno anche Sara Simeoni, Simonetta Agnello Hornby, Sultana Razon Veronesi, Irene Grandi, Laura Efrikian, Alba Parietti, Giovanna Marini, Marica Branchesi, Flavia Perina, Francesca Vecchioni, Tina Montinaro e Antonia dell’Atte.
Le Ragazze è un programma di Rai3 realizzato da Pesci Combattenti. Conduce Gloria Guida. Scritto da Cristiana Mastropietro con Claudia Panero, Francesca Cucci, Vincenzo Faccioli Pintozzi. Regia di Riccardo Mastropietro. Delegato Rai Mercuzio Mencucci. Produttore esecutivo Pesci Combattenti Marianna Capelli.

La prima puntata
Introdotte da Gloria Guida, le protagoniste della prima puntata sono Sultana Razon Veronesi, Laura Efrikian, Armanda De Angelis, Sara Simeoni, Marcella Stagno e Greta Maffioletti.
Il mosaico si apre con la testimonianza di Sultana Razon Veronesi, medico pediatra e vedova del Professor Umberto Veronesi. Nei suoi occhi e nella sua voce rivive in tutta la sua atrocità il ricordo della deportazione nel campo di concentramento nazista di Bergen Belsen nel 1943.
Si prosegue con due ragazze degli anni ’60: Laura Efrikian, attrice e annunciatrice televisiva, icona romantica del decennio per la sua storia d’amore con Gianni Morandi, e Armanda De Angelis, operaia sindacalista con la grinta di una leonessa. Due storie lontanissime eppure accomunate dalla determinazione con cui entrambe hanno affrontato la loro vita senza mai smettere di credere in loro stesse.
A seguire, gli anni ’70 ci presentano un’altra coppia di donne straordinarie: la campionessa di salto in alto Sara Simeoni, record mondiale nel 1978 e medaglia d’oro alle Olimpiadi di Mosca del 1980, e Marcella Stagno, palermitana ribelle e anticonformista, redattrice di Radio Aut al fianco di Peppino Impastato.
La prima puntata si chiude infine con l’intervista alla giovane Greta Maffioletti, bergamasca ventiduenne che ci ricorda l’importanza dei legami familiari nei momenti di maggiore fragilità e vulnerabilità degli adolescenti.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...