A Fiumicello il ricordo di Giulio Regeni: a tre anni dall’omicidio del ricercatore italiano non è ancora emersa la verità

Venerdì 25 gennaio, nel terzo anniversario della scomparsa di Giulio Regeni che è stato torturato e ucciso a Il Cairo nel 2016, si è tenuta una silenziosa fiaccolata a Fiumicello (Ts), il paese d’origine del ricercatore, per chiedere verità e giustizia. In questi tre anni il governo egiziano non ha mai realmente collaborato per arrivare a far luce sul caso, ma ha sempre insabbiato e ostacolato le indagini. La stessa importante iniziativa si è tenuta in altre 100 piazze italiane. A Fiumicello erano presenti la mamma di Giulio, Paola Deffendi, il papà Claudio, la sorella Irene, il presidente della Camera Roberto Fico, e Denis Cavatassi, l’italiano condannato a morte in Thailandia e poi assolto dalla Corte Suprema. La serata è proseguita con una tavola rotonda. Sul palco è stata lasciata una simbolica sedia vuota con una rosa per Amal Fathy, moglie del consulente legale egiziano della famiglia Regeni, condannata a due anni di carcere per aver denunciato su Facebook, le molestie subite e aver criticato il governo per il mancato contrasto alla violenza sulle donne.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...