TCHOUKBALL: dal 22 al 24 marzo a Rovello Porro (Co) l’European Silver Cup 2019

La European Silver Cup di tchoukball è l’equivalente dell’Europa League nel calcio, si svolge tutta in un week-end, ogni anno in un posto diverso. Nel 2019 l’evento sarà organizzato dalla Polisportiva Rovello ’96 che si è aggiudicata il bando indetto dalla federazione europea di tchoukball, e si terrà da Venerdì 22 a domenica 24 marzo 2019. Le partite saranno suddivise tra il Palasport Rovello (Largo dello Sport 1 – Rovello Porro (CO)) e la Palestra Renato Malacarne di Cermenate (via E. Montale 1 Cermenate (CO).

Le 12 squadre partecipanti provengono da Italia (Rovello Sgavisc e Unet Caronno Spartans), Germania (Tchoukball Beast Hassels e SG Urbich), Gran Bretagna (Portsmouth
Drakes e Headingley Outlaws), Svizzera (Losanne Olympic, Val-deRuz Flyers), Austria (Phonix Baden), Polonia (Tchoukball SGH), Spagna (Tchoukball Fusiòn Madrid) e Francia
(Pont-de-Vaux Faucons).
Tra Venerdì e Sabato si terranno 30 partite (15 a Cermenate e 15 a Rovello Porro) dei 2 gironi all’italiana mentre domenica si terranno le semifinali al mattino e le finali al pomeriggio.
Oltre alle partite saranno previsti momenti ufficiali e di aggregazione tra i giocatori delle diverse squadre come ad esempio la cerimonia di apertura il venerdì, la cena di Gala venerdì sera e la cerimonia di premiazione la domenica dopo la finale.

Questi i due gironi:

Girone A

Headingley Outlaws (UK)

Pont-de-Vaux Faucons (FRA)

TB Phönix Baden (AUT)

Tchoukball Beasts Hassels (GER)

Unet Caronno Spartans (ITA)

Val-de-Ruz Flyers (SUI)

 

Girone B

Lausanne Olympic (SUI)

Portsmouth Drakes (UK)

Rovello Sgavisc (ITA)

SG Urbich (GER)

Tchoukball Fusiòn Madrid (SPA)

Tchoukball SGH (POL)

 

La presenza nel torneo della nostra squadra di casa e di altri club di tchoukball nelle vicinanze degli impianti dove si svolgerà la manifestazione, unitamente alle attività di promozione che stiamo già facendo, ci fanno ritenere che per l’intero torneo ed in particolare per le finali ci sarà un corposo seguito a riempire gli oltre 300 posti a sedere disponibili in entrambi i palazzetti. Al momento siamo l’unica società di tchoukball della provincia di Como e come tale siamo orgogliosi di organizzare un evento comasco a cominciare dai palazzetti che ospiteranno le partite e dall’albergo (il Just di Lomazzo) dove saranno ospitati tutti i giocatori stranieri.
Per questo abbiamo chiesto ed ottenuto il patrocinio della Provincia di Como oltre che dei comuni di Rovello Porro e di Cermenate.
Anche il Club Panathlon di Como ed il Panathlon International ci sosterranno premiando il giocatore o la squadra che mostrerà maggiore fair play durante il torneo, sottolineando così l’aspetto etico del tchoukball che è quello che maggiormente ci rende vicini alla vision del Panathlon”, spiega Diego Carugati. “La Polisportiva Rovello ’96 è attiva nel territorio di Rovello Porro dal 1996 e dal 2004 annovera fra i sui sport, oltre a basket ed al karate, il tchoukball. Dopo 4 stagioni solo di settore giovanile, dove da sempre primeggiamo per numero di iscritti e campionati vinti a livello nazionale, abbiamo introdotto anche la prima squadra “Rovello Sgavisc” che si è sempre classificata ai primi 4 posti della serie A vincendo anche 2 campionati, 1 Coppa Italia e una European Silver Cup. Ad oggi contiamo oltre 60 atleti di tchoukball divisi in 5 squadre di cui 2 in serie A, 1 in serie B 2 due Under 15 e gli Sgavisc sono in testa nel campionato in corso.
Abbiamo quindi grandi aspettative sia dal punto di vista sportivo che organizzativo per l’imminente Silver Cup, che ospitiamo per la prima volta dopo che abbiamo ospitato due finali del campionato nazionale di serie A, due finali del campionato di serie B e decine di tornei”.

Il tchoukball è uno sport di squadra nato alla fine degli anni ’60 per opera di un biologo di Ginevra, dott. Herman Brandt.
L’obiettivo che Brandt si poneva era quello di eliminare i contrasti tra i giocatori in campo al fine di limitare gli infortuni, per questo nel tchoukball non si può mai ostacolare l’avversario, a vincere sarà quindi chi creerà il gioco migliore dato che non è possibile distruggere il gioco avversario, “il bel gioco dell’uno stimola e rende possibile il bel gioco dell’altro”.
Questa filosofia, oltre che tradotta in pratica nel regolamento delle partite, è stata esplicitata da Brandt nella Carta del Tchoukball, una carta etica a cui tutti i giocatori, allenatori, dirigenti, arbitri e finanche il pubblico si attengono (per esempio non si tifa mai contro gli avversari ma solo per la propria squadra). Per la Carta del Tchoukball “L’obiettivo delle attività fisiche umane non è costruire campioni, ma piuttosto contribuire alla costruzione di una società migliore” e per questo ha ottenuto un riconoscimento da parte dell’ONU come “sport di pace”.
Le altre peculiarità del tchoukball sono che si può fare punto in entrambe le “porte” facendo rimbalzare la palla al di fuori dell’area e che si gioca misti uomini e donne (almeno uno dei 7 giocatori in campo deve essere di sesso diverso dagli altri 6).

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...