Intervista con Isa Danieli ed Enrico Ianniello, straordinari protagonisti dello spettacolo teatrale “Giacomino e Mammà”

Nella splendida cornice del Teatro Gerolamo di Milano è andato in scena lo spettacolo “Giacomino e Mammà” di Santiago Carlos Oves e Jordi Galceran, nella traduzione e con la regia di Enrico Ianniello, coprotagonista con Isa Danieli, una delle più apprezzate interpreti della scena nazionale, alla sua prima collaborazione con Teatri Uniti.

Giacomino, cinquantenne, ha perso il lavoro e si ritrova indebitato per star dietro ai desideri di consumo della moglie e dei figli adolescenti. La vendita dell’appartamento in cui vive la madre potrebbe aiutarlo a rimettersi in sesto, certo, ma lei non è affatto d’accordo. Non si vende proprio niente: quello che ci vuole invece è il coraggio di guardare in faccia la propria vita e fare scelte oneste e non acquiescenti, questo dice mammà. Il momento di difficoltà diventa così l’occasione, a lungo sprecata, per mettere a confronto due epoche della vita, occasione nella quale l’amore tra una madre e un figlio viene a galla in maniera prorompente mentre si ride parlando di cucina, di “quattro per quattro”, della capacità di vivere inseguendo “i propri sogni o le rate dei propri acquisti”, tra saggezza, ironia, incomprensioni e momenti di autentica e profonda commozione quando si scopre che a un certo punto della vita non si possono dire più le cose importanti.

Prima dello spettacolo abbiamo incontrato Enrico Ianniello e Isa Danieli nei camerini del Teatro Gerolamo e abbiamo fatto una piacevolissima chiacchierata con loro (grazie a Maurizia Leonelli).

IMG_20190512_144739

credit foto FM

Enrico, com’è nata l’idea di portare in scena Giacomino e Mammà?

“L’idea di realizzare questo spettacolo è nata quando l’ho tradotto circa dieci anni fa. Era un momento in cui ero preso dalla passione per la traduzione e i testi che mi piacevano di piu’ li portavo a teatro. Quando ho letto “Conversaciones con mamà” ho pensato che in napoletano sarebbe stato perfetto e che Isa sarebbe stata l’interprete ideale. Dopo averlo tradotto dieci anni fa le ho mandato il testo ma lei non poteva prendere parte allo spettacolo perchè era impegnata con altri progetti, così ci siamo conosciuti, abbiamo fatto amicizia e ci siamo detti che prima o poi lo avremmo portato in scena. Dieci anni dopo le ho rispedito il testo, lei mi ha richiamato dicendo: “ma sei inzallanuto (rincitrullito, ndr), me lo hai mandato già”. E finalmente lo abbiamo messo in scena”.

Signora Isa, nello spettacolo riveste il ruolo di Mammà, una madre diversa rispetto alle precedenti da lei portate in scena…

“E’ una mamma che nonostante l’età è in forma, è energica, adora questo unico figlio ma da quando si è sposato non hanno piu’ quell’affiatamento di un tempo perchè lui lavora e ha molto da fare, la moglie lo tiene legato a sè, in piu’ c’è la suocera che lei odia. L’amore per Giacomino è però piu’ forte di tutto. Anche se è adulto c’è sempre il consiglio che può dargli la madre. Nel corso della storia ci sono momenti duri ma anche altri molto teneri. Il figlio l’ha abbandonata per seguire la sua famiglia ma il legame che c’è tra loro è molto forte. La mamma si sente ancora viva e si trova anche un fidanzato e questa cosa non piace molto a Giacomino. E’ un personaggio divertente ma anche commovente e questa è una cosa bella perchè il teatro deve far ridere ma anche riflettere”.

GIACOMINO E MAMMÀ

credit foto Francesco Cataldo

Riporterete in scena Giacomino e Mammà anche nella prossima stagione?

Enrico Ianniello: “Chiudiamo questa prima parte della tournée al Teatro Gerolamo di Milano e riapriamo sempre nel capoluogo lombardo al Piccolo Teatro a marzo 2020, poi saremo a Napoli e in altre città italiane”.

Isa Danieli: “Enrico è molto preso con la televisione, la scrittura, ma quando ha tempo ci riuniamo come abbiamo fatto adesso. Io il 9 marzo ho finito il tour de Le Signorine, spettacolo teatrale con Giuliana De Sio, l’11 marzo abbiamo iniziato le prove di Giacomino e Mammà e abbiamo debuttato il 10 aprile. Quindi abbiamo avuto poco tempo, però avevamo fatto questa lettura a Napoli al Piccolo Bellini, un reading seduti uno di fianco all’altro, con il tavolino al centro, proprio come nello spettacolo, e abbiamo avuto un riscontro bellissimo da parte del pubblico. Quindi siamo stati ancora piu’ motivati nel portarlo in scena”.

Avendo avuto così poco tempo per provare come siete riusciti a creare questa perfetta sintonia?

Enrico Ianniello: “Isa non è un’attrice a cui bisogna dare indicazioni tecniche, io da regista ho cercato di costruire un’intesa umana con lei, ci siamo detti che non sarebbe stato importante seguire precisamente le parole ma far passare una corrente tra noi due e mi sembra che ci siamo riusciti”.

Isa Danieli: “Io l’ho sempre ascoltato perchè ho un grande rispetto per i registi”.

GIACOMINO E MAMMÀ
credit foto Francesco Cataldo

A quali altri progetti state lavorando?

Isa Danieli: “Io riporterò in scena lo spettacolo Le Signorine”.

Enrico Ianniello: “Io invece sarò nel cast della serie ispirata ai best seller di Maurizio De Giovanni “Il commissario Ricciardi” e poi proseguirò con le traduzioni e con la letteratura. E’ uscito da poco il mio secondo romanzo e sto ragionando su alcune idee per scrivere il terzo”.

Isa Danieli: “Non so come faccia a fare tutte queste cose, ho fatto un figlio straordinario…(ride)”.

Signora Isa, ha iniziato la sua straordinaria carriera con la sceneggiata, poi ha esordito sul palcoscenico con Eduardo De Filippo. Com’è cambiato il teatro nel corso del tempo?

“In certi punti è cambiato in peggio, in altri in meglio. Un tempo ad esempio non c’erano le grandi scenografie del teatro odierno che sono bellissime ma che a me non piacciono tanto, io vengo da un’altra schiatta (generazione, ndr). Ora ci sono le scuole di teatro e molti attori hanno bisogno di queste per imparare il mestiere, noi facevamo il teatro in un altro modo, di scena, eravamo dietro le quinte e osservavamo gli attori cercando di carpirne i segreti. A volte Eduardo De Filippo si arrabbiava perchè stavamo lì a guardarlo mentre recitava. Nonostante tutto, il teatro è bello sempre e comunque”.

Tra i personaggi che avete interpretato ce n’è uno a cui siete piu’ legati?

Enrico Ianniello: “Un attore ama sempre enormemente il personaggio che sta facendo in quel momento ma conserva dei bei ricordi anche degli altri fatti in precedenza. Quindi non ho un ruolo che mi è rimasto maggiormente nel cuore rispetto a un altro”.

Isa Danieli: “Io sono legata molto ai personaggi della nuova drammaturgia, Ferdinando per me è indimenticabile così come la prima volta che sono andata in scena con Eduardo in una commedia, senza nemmeno sapere cosa fosse, sostituendo una ragazza. Quelle due battute in Napoli milionaria non le scorderò mai e avere avuto la fortuna di interpretare quello spettacolo, dopo tanti anni, da protagonista è stato eccezionale. Però amo tutti i personaggi che ho fatto nel corso della mia carriera”.

compagnia

Enrico, è uscito il suo secondo romanzo, “La compagnia delle illusioni” che ha per protagonista l’ex attore Antonio Morra…

“E’ un romanzo che ha molto a che fare con il teatro, è la storia di un attore che ha avuto un momento di notorietà e adesso lavora per un fantomatico personaggio che si chiama Zia Maggie che si è inventata una compagnia segreta di attori che invece di recitare a teatro lavora nella realtà. Lei manda in diversi contesti una serie di attori che fingono di essere pizzaioli, panettieri, infermieri, direttori di banca e questo gioco prenderà moltissimo la mano ad Antonio. Questo libro è una riflessione sul gioco di specchi che stiamo vivendo in questo momento nella nostra società. Lo presenterò mercoledì 15 maggio alle 18,30 alla Feltrinelli di Piazza Duomo a Milano”.

Il motto coniato da Zia Maggie per la compagnia delle illusioni infatti è: “il fiore dell’illusione produce il frutto della realtà”…

“E’ una frase del poeta e drammaturgo Paul Claudel. Si tende a pensare che l’illusione sia una cosa bella in sè, che una persona illusa sia poetica, ma dipende di cosa ti sei illuso, dipende dal seme che hai messo nel tuo cuore per capire quale frutto verrà fuori, può essere anche sgradevole”.

Enrico, è tra i protagonisti della serie di Rai 1 “A un passo dal cielo”. Può anticiparci qualcosa riguardo agli sviluppi del suo personaggio nella nuova stagione?

“A settembre andrà in onda la quinta stagione di “A un passo dal cielo”. Posso dirvi che sarà molto bella e vedrà il mio personaggio, il commissario Vincenzo Nappi, affrontare una sfida privata importante che sarà la nascita di una bambina”.

reginella.jpg

Signora Isa, dopo la partecipazione alla serie di grande successo “Capri” ed essere stata guest nella puntata numero 5000 della soap Un posto al sole, la vedremo prossimamente in qualche altro lavoro televisivo? 

“La fiction non mi chiama e non mi manca la tv, è stato divertente partecipare alla puntata speciale di Un posto al sole e sono stata felice di aver preso parte a quella bellissima serie chiamata Capri. Ancora adesso leggo a riguardo cose incredibili e commenti positivi su Facebook. Amo Capri e Reginella, è stata una splendida esperienza perchè non mi era mai capitato di interpretare un personaggio per così tanti mesi”.

Dato che raccontate Napoli attraverso il teatro e nel caso di Enrico anche attraverso i libri, vi chiedo cosa rappresenta per voi questa città?

Enrico Ianniello: “Avendo madre e nonna napoletane doc della zona del Duomo, ma essendo vissuto da piccolo in provincia, Napoli rappresenta il grande luogo dei racconti. Quando ero bambino le sentivo parlare della città e la immaginavo come Bangkok, New York. Da grande sono arrivato a Napoli e ho visto un grande orizzonte linguistico che in scena diventa qualcosa di incendiario”.

Isa Danieli:  “Io sono tornata a vivere a Napoli dopo essermi trasferita a Roma e aver vissuto lì per trenta anni perchè c’erano piu’ possibilità lavorative e avevo la smania di fare cose nuove. Imparare era importante per cambiare e cercare di capire dove potessi arrivare con quelli che erano i miei pensieri, i miei sentimenti. A Napoli ho cominciato a fare le sceneggiate e a fare teatro, per me oltre ad essere straordinaria è una grande città da cui nascono attori bravi”.

IMG_20190512_173649

credit foto FM

Recensione di Giacomino e Mammà: In scena un tavolo, due sedie, una valigetta, una caraffa d’acqua e un bicchiere, e i due protagonisti: Giacomino e mammà. Due generazioni a confronto: un figlio ormai adulto che dietro l’apparenza di uomo agiato ha paura di perdere quello che ha, che non riesce a comunicare con i due figli e che sta vivendo una profonda crisi matrimoniale; una mamma diretta, verace, che ama suo figlio tanto che continua a preparare il pranzo anche per lui pur sapendo che è sposato da venticinque anni e che da tempo non la va a trovare, ma che ha anche una grande voglia di vivere e un fidanzato, Gregorio, che arriva dall’Argentina.

“Giacomino e mammà” è incentrato su due mondi contrastanti ma accomunati da un legame forte, come l’amore tra una mamma e un figlio, che non potrà mai spezzarsi. Così tra ironia e tenerezza, riflessioni e qualche lacrima, lo spettatore viene trasportato in una storia che arriva dritta al cuore grazie a due superbi artisti, Enrico Ianniello che rende con estrema bravura la complessità interiore di Giacomino, e Isa Danieli, che ancora una volta mostra la sua straordinaria classe e la sua viscerale passione per il teatro con un’interpretazione meravigliosa di mammà.

Del resto quando in scena ci sono artisti come in questo caso di grande talento e capaci di trasmettere emozioni non servono scenografie grandiose o con orpelli, bastano due interpreti capaci di riempire la scena catalizzando l’attenzione del pubblico tra dialoghi in napoletano, battute divertenti e momenti commoventi, facendoci riscoprire l’importanza dei veri sentimenti. Questo è il bello del teatro. Standing ovation.

L’appuntamento con Giacomino e Mammà è per la prossima stagione teatrale come ci ricordano Enrico Ianniello ed Isa Danieli: 

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...