GIFFONI FILM FESTIVAL 2019: Stefano Accorsi, premiato con l’Experience Award, consiglia ai Giffoners: “Fate delle vostre passioni il vostro lavoro”

Stefano Accorsi è stato premiato con l’Experience Award al Giffoni Film Festival 2019. L’attore ha risposto alle domande dei giffoners ripercorrendo la sua carriera, dal suo esordio al cinema nel 1991 con Pupi Avati in “Fratelli e sorelle” ai film con Ferzan Ozpetek: “Di questo Festival conservo sempre un ricordo bellissimo, qui trovai la semplicità del contatto e l’immediatezza. Ferzan è un fuoriclasse, artista e artigiano insieme. Ti propone un film solo se è veramente convinto che fa per te, è un mio caro amico anche se nel corso di tutti questi anni ci siamo spesso persi di vista ma quel filo che ci tiene legati rimane sempre saldo”.

Accorsi sarà tra i protagonisti di “La dea fortuna” nelle sale dal 28 novembre proprio con la regia di Ozpetek, nel ruolo di uno scrittore omosessuale: “Dopo aver letto il copione mi ha detto che non ci sarebbe stato il tempo di darsi delle risposte perché quello era il tempo delle domande. Aveva ragione, non bisogna stare attenti a cercare le soluzioni perché a volte può essere utile avere un problema. La cosa più bella di questo film è che non ha tesi, non parte da teorie e preconcetti. È un sogno fatto da Ferzan Özpetek, messo in scena poi con una storia inedita e sorprendente. La famiglia è il posto dove c’è l’amore. La storia che un bambino deve stare dove ci sono una mamma e un papà non mi piace affatto, anche perché intorno a noi vedo ancora bambini che non sono felici e vengono maltrattati. Conosco tanti figli di coppie omosessuali e sono bambini come tutti gli altri: dove c’è amore c’è la felicità e la famiglia è il luogo dell’amore“.

L’attore non prenderà parte al sequel di The Young Pope, ma conserva un bellissimo ricordo di questo lavoro con la regia di Paolo Sorrentino: “È stato un privilegio, scrive in maniera sublime, ha il controllo totale del set cinematografico. Crea delle regole ferree, ma tutto questo favorisce la serenità. Si inventa cose che sono più vere della verità e riesce a raccontare l’essenza dei suoi personaggi”.

Infine un prezioso consiglio ai giffoners: “Fate delle vostre passioni il vostro lavoro, soprattutto oggi che viviamo e vivete un momento profondamente difficile contraddistinto da una crisi globale che ha generato scontento e infelicità, dove non è semplice immaginare quello che sarà. Qui a Giffoni in mezzo a voi la speranza non smette di battere forte”.

credit foto Giffoni Film Festival

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...