Luna Palumbo: “Quanto dura un girotondo” è il nuovo singolo della cantautrice

La salernitana Luna Palumbo è tornata, e non solo dalla parentesi americana che l’ha vista protagonista. A partire da oggi, infatti, è in rotazione radiofonica e disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming “Quanto dura un girotondo”, l’atteso singolo in gara alla XXII edizione del “Festival della Canzone Italiana di New York”, tenutosi lo scorso 13 ottobre al Master Theater di Brooklyn, trasmesso in mondovisione da Rai Italia.

Un “Festival di Sanremo” coinvolgente il mondo intero quello del “NYCanta”, che ha visto gareggiare i, soltanto, dieci talenti italiani (5 provenienti dall’Italia e 5 provenienti dal resto del mondo) scelti per l’occasione dai direttori artistici Cesare Rascel (figlio d’arte nonché produttore, compositore ed autore creativo) eBeppe Stanco (cantautore e produttore musicale) a cui si sono aggiunti Fausto

Leali e Clementino, figure che si sono rivelate determinanti per l’ascesa al podio della giovane cantautrice campana.“Ho acceso la luce sulla mia voglia di urlare al mondo che non smette di scalciare, da dentro, da 29 anni. Accendo una luce sulla mia fragilità, che non voglio più nascondere, sul silenzio che ha contraddistinto questi ultimi anni, sulle cose che non sono giuste, sui pregiudizi, sulle sofferenze che ci autoinfliggiamo e sulle cose belle che non riconosciamo.
Accendo la mia musica, luce e buio della mia vita, riparo ed affanno, sogno ed incubo, con la consapevolezza che ciò che decido di accendere io nessuno potrà mai spegnermelo. Nessuno potrà mai spegnermi. Sono tornata”. Con queste parole, Luna, annuncia l’uscita del singolo, co-scritto e co-prodotto da Mario Tortoriello.

“Quanto dura un girotondo” vanta anche la collaborazione con Sabatino Salvati che ha supervisionato l’arrangiamento e la programmazione nonché sarà distribuito dalla “Branco Publishing Srl”.

“Ho cominciato a scrivere nuove canzoni dopo l’esperienza del CET di Mogol, sono tornata a casa stordita, come quando metti piede a terra dopo un lunghissimo viaggio in auto e ti sembra così strano lo stare in piedi, il camminare e tutti i movimenti corporei che normalmente fai senza pensare.
Ho scritto senza sosta quei giorni e poi mi sono fermata per mesi e mesi.
Ho ricominciato, preda delle emozioni e mi sono alienata per altri mesi.
La mia scrittura è così. Io sono così.
Alterno momenti di piena a momenti di siccità. Io scrivo quando ne ho bisogno
e quando ho qualcosa da dire.
Nel nuovo singolo c’è tutto questo, c’è tutto quello che avrei voluto dire in questi anni di silenzio, c’è tutto quello che voglio dire ora.”, racconta l’artista.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...