Domenica 15 marzo, alle 9.40 su Rai1, “Paesi che vai…” giungerà nel cuore dell’Emilia-Romagna, a Reggio Emilia

Domenica 15 marzo, alle 9.40 su Rai1, “Paesi che vai…” giungerà nel cuore dell’Emilia-Romagna, a Reggio Emilia, la “Città del Tricolore”, che vide nascere il vessillo della Repubblica Cispadana – futura bandiera italiana – il 7 gennaio del 1797. Dalla pianura reggiana, il racconto proseguirà alla volta delle Terre di Canossa, centro di uno dei più importanti stati dell’Europa medievale. In occasione della Festa della donna, Livio Leonardi condurrà dunque il pubblico fra i castelli dell’Appennino Reggiano, sulle tracce di uno dei personaggi più influenti dell’epoca medievale: Matilde di Canossa. Un viaggio di novecento anni indietro nel tempo, fra i castelli di Canossa, Bianello, Carpineti e Rossena, residenze predilette di Matilde. Donna colta, dalle grandi capacità intellettuali e diplomatiche, la Gran Contessa fu a capo di uno stato vastissimo, avente come fulcro proprio Canossa. All’epoca della lotta per le investiture Matilde accolse nelle sue terre papi e imperatori, facendo loro da moderatrice in alcuni delicati momenti della storia.
Ma non è finita qui: rimanendo tra i monti dell’Appenino Reggiano, in mezzo a una natura incontaminata, si parlerà anche del Cavallo del Ventasso, una razza antica originaria proprio delle Terre di Matilde. Nella cosiddetta “food valley d’Italia” non potranno, infine, mancare le delizie del palato, grazie alla più autorevole scuola di cucina italiana a livello internazionale, dove secoli di tradizioni culinarie si mescolano a un savoir-faire tutto emiliano.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...