Venti anni fa se ne andava Gino Bartali, leggenda del ciclismo e “Giusto tra le Nazioni”

Venti anni fa, il 5 maggio 2000, se ne andava Gino Bartali, uno dei piu’ grandi ciclisti italiani di tutti i tempi.

Nato a Ponte a Ema (Fi) il 18 luglio 1914, ha corso tra i professionisti dal 1934 al 1954,  vincendo tre Giri d’Italia e due Tour de France, quattro Milano-Sanremo e tre Giri di Lombardia, oltre a numerose altre corse. Celebre la sua rivalità sportiva con Fausto Coppi, che divise il tifo degli italiani nel secondo Dopoguerra.

Campione di ciclismo ma anche nella vita. Uomo generoso e altruista, Gino Bartali nel 2013 è stato insignito del titolo “Giusto tra le Nazioni” da parte dello Stato d’Israele per aver contribuito a salvare 800 ebrei durante il regime nazi-fascista, nascondendo i documenti essenziali per quelle persone sotto il sellino della bici, durante gli allenamenti. Un gesto d’altruismo e di coraggio che Ginettaccio, come veniva soprannominato, non ha voluto rendere pubblico in vita e che è stato svelato dal figlio Andrea soltanto nel 2012, nella biografia “Gino Bartali, mio papà”. Nel 2018, in occasione della partenza da Gerusalemme del Giro d’Italia, è stata attribuita all’indimenticabile campione toscano la cittadinanza onoraria di Israele.

F.M.

Un commento

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...