Retequattro festeggia i 90 anni di Clint Eastwood con la prima tv del film “Ore 15:17 – Attacco al treno” mercoledì 27 maggio

Ci sono attori eternamente non protagonisti, e altri eternamente protagonisti. Alla seconda categoria di interpreti, che poi spesso sono anche fuoriclasse, appartiene sicuramente Clint Eastwood che compie 90 anni il prossimo 31 maggio. Retequattro ha deciso di augurargli buon compleanno con il giusto garbo e il dovuto tripudio prendendo in prestito per qualche ora un capolavoro del grande schermo, “Ore 15:17 – Attacco al treno” in onda mercoledì 27 maggio ,in prima visione tv. La pellicola, ispirata a un fatto realmente accaduto – lo sventato attacco terroristico del 21 agosto 2015 sul treno Thalys diretto a Parigi – ha suscitato le coscienze del cinema per la scelta inusuale e coraggiosa del regista di chiedere a Anthony Sadler, Alek Skarlatos e Spencer Stone di interpretare se stessi. I tre giovani si sono ritrovati, dunque, in prima linea nella finzione cinematografica come nella realtà.

Retequattro augura così buon compleanno all’attore iconico, al grande regista, al produttore cinematografico, che ha conosciuto la fama con “Gli uomini della prateria” ed è stato consacrato al successo – grazie al maestro di casa nostra Sergio Leone – con la triade “Per un pugno di dollari”, “Per qualche dollaro in più” e “Il buono, il brutto e il cattivo”. Pure la serie “L’Ispettore Callaghan” ha fatto la sua parte per consacrarlo nell’Olimpo dei cowboy americani. Al genere western, Eastwood è rimasto legato a doppia mandata, ne è stata dimostrazione la realizzazione de “Gli Spietati” che lo ha visto muoversi dietro e davanti la macchina di presa con enorme maestria e gli ha fatto piovere addosso ben nove nomination agli Oscar. Di statuette ne vinse poi due: miglior film e miglior regia. E a proposito, il più insigne riconoscimento di Hollywood gli è stato consegnato anche per “Mystic River” e “Million Dollar Baby”.

Clint non è solo uomo di cinema, ma anche di casa nel senso che ha avuto una vita privata piena: otto figli e due mogli. Una carriera ultrasessantennale costellata di eccellenti lavori, infiniti premi, fiumi di inchiostro usati per cristallizzarne la bravura.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...