Su Rai3 venerdì 31 luglio il documentario sul karate e gli albini in Tanzania 

Venerdì 31 luglio 2020, per la serie DOC3, in onda su Rai3, sarà trasmesso “Black Samurai”, il documentario diretto e fotografato da Luigi Maria Perotti, prodotto da GA&A Productions – Gioia Avvantaggiato, con la produzione creativa di Vania Del Borgo e in collaborazione con Rai 3. Il karate in Africa non è solo uno sport. Nei paesi in cui spesso vige la legge del più forte essere capaci di combattere in modo efficace viene considerato un vero e proprio superpotere.

Jerome è un maestro di karate che vive in Tanzania. Il suo dojo si trova a Dar Es Salaam, dove tutti lo conoscono come Black Samurai. Il suo obiettivo è diffondere il karate in Africa per fare in modo che più persone possibili possano ricevere gli stessi benefici che ha avuto lui nel praticarlo. Nel suo dojo, durante gli allenamenti rabbia e dolore lasciano il posto a valori come forza di volontà e rispetto. Tra gli allievi, seguiamo Mahmoud e i suoi nipoti albini Zungu e Athoumani. In Tanzania, gli albini non hanno vita facile: a causa di antiche credenze popolari, ogni anno decine di loro vengono mutilati e le loro ossa usate per realizzare amuleti portafortuna.

La famiglia di Mahmoud vive in una casa senza porte o finestre con altri tre bambini albini. Il karate è l’unica speranza. Il maestro di Jerome, Sensei Edward, arrivato dal Sud Africa per tenere un seminario di arti marziali, viene a conoscenza della situazione e suggerisce a Jerome di coinvolgere tutta la comunità del karate intorno alla – questione degli albini. Se Zungu riuscisse a qualificarsi per i mondiali di karate in Giappone sarebbe il primo albino, diventando un simbolo di riscossa per tutte le persone nella sua condizione.

Per arrivare a Tokyo, Zungu deve affrontare prima  il campionato di karate dell’Africa Sud Orientale. Comincia così un duro percorso di allenamento per preparare il ragazzo alla sfida che potrebbe cambiargli la vita. Ma la pelle degli albini è molto sensibile al sole e senza le opportune protezioni si ustiona facilmente creando ferite difficili da rimarginare. Zungu, che non può permettersi creme protettive, ha delle ferite sulle braccia che i giudici del torneo considerano incompatibili e Zungu viene eliminato dal torneo. In pochi mesi, Jerome riesce a procurarsi delle creme per il suo allievo e Zungu ricomincia ad allenarsi con determinazione. La sfida è solo rimandata…

 

di Marcello Strano

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...