#Ceneri2020 Il fascino del treno al cinema

In occasione dell’inaugurazione, il 4 settembre 2020, della galleria di base del Monte Ceneri, l’ultimo tratto della nuova ferrovia transalpina, il Consolato generale di Svizzera a Milano ha il piacere di proporre lacampagna online #Ceneri2020 Corridoio europeo nord-sud per annunciare il completamento della grande opera. Dal 30 agosto al 10 settembre 2020 la Cineteca di Milano collabora presentando, quale parte integrante della campagna, un’imperdibile rassegna in streaming gratuito per celebrare il mito del treno al cinema.

Il cinema nasce il 28 dicembre 1895 al Gran Café del Boulevard des Capucines di Parigi e tra le prime proiezioni proposte dai Fratelli Lumiére vi è L’arrivo del treno alla stazione de La Ciotad: da allora il treno ha sempre rappresentato un elemento iconico fondamentale per la storia del cinema.

La Cineteca di Milano celebra questo importante avvenimento con due film emblematici, in edizione restaurata, entrambi prodotti nel 1924: il lungometraggio western sul mito della frontiera Il cavallo d’acciaio di John Ford e Treno di piacere di Luciano Doria, opera restaurata dalla Cineteca di Milano, commedia adattata da una pochade francese coeva, notevole per mimica, espressività e larga comicità. In programma inoltre Il treno della notte, cult noir del grande regista polacco Jerzy Kawalerowicz, presentato in concorso alla 20. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e insignito della Targa d’Oro George Méliés dell’Ente Culturale Europeo della Tecnica. Da segnalare anche La Femme et le TGV, candidato al Premio Oscar 2017 come miglior cortometraggio.

Arrivi e Partenze, montaggio realizzato dalla Cineteca di Milano, mostrerà in quindici minuti le più celebri sequenze di film ambientati tra stazioni e vagoni ferroviari. Ad accompagnarlo il documentario d’impresa Allora il treno, racconto del ritorno in Italia per Natale di lavoratori italiani emigrati in Svizzera. Saranno valorizzati inoltre i materiali provenienti dall’Archivio delle Ferrovie Federali Svizzere.

Infine, per l’occasione, il regista Pietro Marcello ha gentilmente concesso la messa in streaming del suo primo documentario Il passaggio della linea (2007), presentato nella sezione Orizzonti Doc alla 64. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove è stato insignito del Premio Pasinetti DOC. Un racconto ferroviario da nord a sud d’Italia di passeggeri che portano con sé storie lontane, racchiuse in uno spazio che è luogo d’incontro e di solitudine.

Tutti i film saranno visionabili gratuitamente sulla piattaforma di streaming cinetecamilano.it dal 30 agosto al 10 settembre 2020.

IL CALENDARIO
Film disponibili gratuitamente sul sito cinetecamilano.it per 24 ore


Domenica 30 agosto 2020
Arrivi e partenze: il treno nel cinema di oggi 
Montaggio realizzato da Cineteca Milano, 15′ con le sequenze di celebri film ambientati tra stazioni e vagoni ferroviari.
Materiali d’Archivio delle Ferrovie Federali Svizzere
Allora il treno
Italia, 2010, 40’.
Documentario d’impresa delle FFSS, tutto basato sul ritorno a casa degli emigrati oltralpe in occasione del Natale, ovviamente in treno.
La Femme et Le TGV
Timo von Gunten, Svizzera, 2016, 30’. Int.: Jane Birkin, Gilles Tschudi.
Elise Lafontaine ha un’abitudine segreta: da anni, ogni mattina e sera, saluta il treno che passa vicino casa sua. Un giorno, la vita solitaria di Elise viene scombussolata dopo aver trovato nel suo giardino una lettera da parte del macchinista del treno. Da quel momento, infatti, ha inizio una piacevole corrispondenza anonima fatta di lettere poetiche e riflessive, in cui i due destinatari si raccontano i rispettivi universi. La fiaba di Elise, però, si interrompe a causa di una deviazione permanentemente del treno in favore di un tragitto più breve per raggiungere Parigi. Decisa a non perdere la sua piacevole abitudine, Elise decide di affrontare una fuga avventurosa dalla sua comoda routine e si mette in viaggio alla ricerca del conducente del treno.
In concorso al 69. Festival di Locarno (2016) nella sezione ‘Pardi di domani’, candidato al Premio Oscar 2017 come miglior cortometraggio.

Giovedì 3 settembre 2020
Il cavallo d’acciaio – Edizione restaurata
John Ford, USA, 1924HD, 133’, sonorizzato didascalie italiane.
Un ingegnere che sogna di costruire ferrovie viene ucciso, nel 1853, da un bandito alleato con gli indiani. Nel 1862 Lincoln dà il via alla costruzione della ferrovia. Il figlio dell’ingegnere si unisce all’impresa, aiuta un ingegnere amico del padre, si innamora della figlia di questi, vendica il padre e respinge, assieme agli operai, l’attacco degli indiani. Le locomotive “Jupiter” e “116” cominciano la traversata del West.

Sabato 5 settembre 2020
Il treno della notte
Jerzy Kawalerowicz, Polonia, 1959, b/n, 99’, v.o.sott.it. Con Zbigniew Cybulski, Lucyna Winnicka.
Un noir polacco ambientato nell’universo chiuso dei vagoni letto di un convoglio in movimento e con una storia principale che si incrocia e si intreccia con quelle secondarie degli altri passeggeri che si trovano ad condividere in contemporanea lo stesso microcosmo in viaggio da Varsavia verso le spiagge del Baltico.
Presentato in Concorso alla 20. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia
 
Domenica 6 settembre 2020
Il treno di piacere – Edizione restaurata da Cineteca Milano.
Luciano Doria, Italia, 1924, 71’. Int.: Collo Alberto, Sangro Elena.
Il ricco macellaio Aristide Cassegrain e la sua novella sposa Virginia partono da Parigi in compagnia di un gruppo di amici per la luna di miele, a bordo del treno di piacere. Durante il viaggio, alquanto movimentato, la comitiva è costretta a fermarsi senza bagagli a Valdirose a causa di un incidente ferroviario e si ritrova senza denaro. Avendo scoperto che il proprietario dell’albergo locale sta aspettando nuovo personale, gli sposini e i loro amici si fanno assumere ma portano un tale scompiglio nel precario equilibrio amoroso dell’hotel che vengono arrestati in blocco e pensano di aver risolto ogni problema di vitto e alloggio. Il direttore del carcere vuole invece farli evadere per motivi economici… finalmente arriva il treno di piacere e l’allegra comitiva fa ritorno a Parigi.
 
Giovedì 10 settembre 2020
Il passaggio della linea
Pietro Marcello, Italia, 2007, 60’.
ll passaggio della linea è un viaggio lungo l’Italia cadenzato dal ritmo dei treni espressi a lunga percorrenza, da tempo abbandonati ad un destino di lento degrado, che attraversano la penisola da sud a nord e viceversa, in un percorso che va dalla notte al mattino. Una carrellata di paesaggi, architetture, volti, dialetti e voci, vite che si mescolano in un corpo unico a bordo dei treni.
Presentato nella sezione Orizzonti Doc alla 64. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dove è stato insignito del Premio Pasinetti DOC.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...