Assisi OnLive tra musica sacra e il concerto di Gio Evan

Una domenica a tutta musica ad Assisi con i due appuntamenti targati Assisi OnLive, progetto tra musica, teatro, letteratura e arte promosso da dalla Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco, il Piccolo Teatro degli Instabili, l’Associazione Culturale Riverock, l’Associazione Umbra Canzone e Musica d’Autore e l’Associazione Culturale Zona Franca, con il patrocinio e la co-organizzazione del Comune della Città di Assisi, in scena nella città serafica fino al prossimo al 17 settembre.

Domani (30 agosto) alle ore 21.15 nella Basilica di San Francesco a prendere il via sarà The Franciscan Singers, musiche di p. I. Lukačić, p. S. Reina, p. E. Trabattone, p. G. B. Martini, p. G. Paolucci, p. F. M. Benedetti p. A. Borroni. Ingresso libero previa prenotazione obbligatoria su http://www.corosanfrancescoassisi.org/home/.

La Rocca Maggiore (sempre ore 21.15) ospiterà invece Albero ma estro! il nuovo spettacolo – concerto di Gio Evan, contenuto ma incontenibile, acustico ma elettrizzante, colturale più che culturale. “Albero ma estro!”, lo spettacolo che non arriva alla radice delle cose ma si ferma sui frutti. Prevendite su circuiti TicketItalia e TicketOne.

Sono visitabili inoltre le due mostre, alla sala delle Logge in piazza del Comune fino al 30 agosto:

  • “Metamorfosi Evolutive”, mostra di Chiara Monaco. L’esposizione rappresenta il frutto di un viaggio di continua crescita e scoperta di se stessa dell’artista, ma anche scoperta di se stessa in relazione agli altri, al mondo esterno e a tutto ciò che accade contemporaneamente alla sua evoluzione personale. Chiara Monaco, classe 1992, di origini romane, è una operatrice olistica che da circa tre anni e mezzo si esprime anche attraverso la pittura. Dalla fine del 2019 ha iniziato a sperimentare forme e materiali nuovi, costruendo piccole installazioni e supporti in legno, specialmente quello riciclato, per le sue tele. Ama la musica, l’introspezione e la meditazione e proprio la fusione di queste tre cose è alla base di tutti i suoi progetti. Il suo lavoro, e questa mostra in particolare, nasce dall’esigenza di creare, comunicare, contenere, ed esprimersi attraverso le mani. La maggior parte delle opere, infatti, è stata realizzata utilizzando proprio le mani al posto dei pennelli; successivamente ha proseguito utilizzando invece delle cannucce come prolungamento dell’espiro. Quest’ultimo inteso come canale di connessione tra il dentro e il fuori. Tra la mente e la non-mente. Libera da schemi, concetti e preconcetti.
  • Proiezione delle immagini delle opere degli studenti dell’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci Perugia: “Ri-Tratti” di Daniela Gjyzeli, “Alone Unknown” di Alessandro Toscani, “Tutto è fermo” di Giulia Piacci, “Isole” di Giulia Discanno, “Ambienti” di Laura Tartaglini. I progetti di ricerca degli artisti riflettono sulla condizione di isolamento e di immobilità forzata cui siamo stati costretti a lungo e che ha fornito un valido stimolo per affrontare aspetti inerenti la dimensione privata e più intimistica del “fare arte”. La mostra è a cura dei docenti dell’ABA dei corsi di Pittura e Grafica d’arte, Lucilla Ragni e Stefano Mosena

Ingresso Libero. Orari di apertura: dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle 19.00

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...