Dal 27 ottobre sarà disponibile su Prime Video “Famoso-Il film” di Sfera Ebbasta, diretto da Pepsy Romanoff

Dal 27 ottobre sarà disponibile su Prime Video “Famoso-Il film”, che racconta come due ragazzini, Sfera Ebbasta e Charlie Charles, siano passati dal sognare di cambiare la musica dentro un McDonald’s a riuscire a cambiarla davvero.

Diretto da Pepsy Romanoff per Except e prodotto da Island Records/Universal Music Italia, Famoso racconta la genesi del Re della trap ed è anche un modo per assistere, da una prospettiva del tutto privilegiata, alla lavorazione del nuovo omonimo album in uscita in tutto il mondo il prossimo 20 novembre, entrando direttamente in studio con i protagonisti. Oltre al personaggio, per la prima volta gli amici di una vita e i parenti ci raccontano la persona e i sacrifici fatti per passare dalle case popolari all’essere popolare, per diventare Sfera Ebbasta.

Dal film traspare la stima artistica e l’affetto che i giganti della musica mondiale esprimono per Sfera, relazioni dirette di un artista che da Cinisello ha attraversato l’oceano per sedersi con totale naturalezza in studio con i miti della scena internazionale.

All’incontro stampa di presentazione del film è intervenuto il producer Shablo:Il tempo è volato, il primo incontro con Sfera risale al 2014 ma anche grazie alla mole di novità che lui e Charlie hanno portato sia nel mercato, che nella discografia che nella mia vita sembra trascorsa un’eternità. Ora stanno cercando con grande ambizione di uscire dall’Italia. Sfera ha esportato questa voglia di globalizzazione della sua musica attraverso collaborazioni con artisti internazionali, superstar nel mondo come J Balvin o tanti altri produttori come Diplo o Steve Aoki. Avere il supporto di queste persone in maniera naturale è bellissimo perchè vuol dire che è arrivata anche a loro la magia creata da Charlie e Sfera. Il nuovo disco uscirà il 20 novembre e questo film racconta anche il making of del progetto oltre a una storia che parla di loro ma anche dei ragazzi che magari facevano l’operaio, il barista, e che hanno creduto e seguito Sfera lasciando il proprio lavoro quando ancora non era conosciuto”.

Charlie Charles ha ricordato che alla base dei progetti artistici con Sfera Ebbasta c’è sempre stata voglia di imparare e raggiungere importanti traguardi: “Fin da quel giorno al McDonald’s siamo stati sempre molto ambiziosi e abbiamo sempre cercato di migliorarci e fare le cose nel miglior modo possibile. L’obiettivo è continuare lungo questa strada“.

Il regista Pepsy Romanoff ha raccontato come ha lavorato al film:E’ una gran bella storia che ti insegna anche qualcosa in un momento in cui i valori sono pochi soprattutto dal punto di vista di ciò che viene raccontato attraverso la musica. Nel mio percorso di regista e produttore spesso mi sono trovato di fronte a storie che andavano raccontate in un certo modo, questa aveva un preludio molto semplice. Io ho incontrato Sfera nel 2014 per un provino e da lì tutte le cose si sono legate in maniera naturale attraverso Jacopo Pesce. Questo progetto racconta in maniera abbastanza netta gli ultimi due anni e ci sono sprazzi del passato che ti fanno capire che oltre ad essere una rockstar è anche una persona e un grandissimo professionista. Sono felice di aver raccontato la prima tappa di un grande percorso di iniziative che verranno fatte riguardanti la vita di Sfera e Charlie“.

_YzvOMvA

Alla fine di “Famoso” c’è una dedica alle vittime della tragedia di Corinaldo:Ci sembrava doveroso chiudere questo progetto con una dedica musicale alle vittime di Corinaldo perchè nel film gran parte della musica presente è quella suonata nel concerto del Forum. La carriera di Sfera è fatta di tanti punti che si congiungono, non è detto che in due ore debbano essere raccontati in maniera pedissequa. Volevo mostrare con tante sfaccettature e con tanti livelli di produzione un artista che in vari momenti della carriera ha fatto cose diverse“, ha concluso il regista.

Tutti siamo stati colpiti da quel tragico evento, è un dolore che ci accompagna e ci accompagnerà sempre. Abbiamo assistito a tentativi di legare Sfera ai fatti di Corinaldo, ci sembrava irrispettoso anche nei confronti delle vittime non andare a cercare i colpevoli di quella vicenda. Siamo in contatto con questa associazione che si chiama Cogeu, di cui fanno parte ragazzi e anche parenti delle vittime che stanno cercando di far ripartire con leggerezza la vita di questi giovani di Senigallia. Noi li supportiamo con iniziative ed eventi di vario tipo“, ha aggiunto Shablo.

Sfera racconta anche di non essere mai entrato nel forum di Assago fino alla sera in cui ci ha suonato per la prima volta. Proprio dal Forum che all’epoca fu il segno di un successo nazionale, partirà con due speciali concerti anteprime il 13 e 14 settembre 2021, il suo nuovo tour live che toccherà le principali città del paese.

Prodotto da Trident Music, in collaborazione con Thaurus, sarà una ulteriore occasione per alzare l’asticella in termini di innovazione e mantenere uno standard mondiale come tutto quello che riguarda l’artista. Le date sono state programmate a settembre, periodo in cui sia ragionevolmente prevedibile una ripresa della normalità dei concerti e Trident Music, per la prima volta, si impegna a garantire il rimborso dei biglietti acquistati in caso i concerti dovessero essere ulteriormente rinviati per l’emergenza coronavirus.

In questo momento stiamo lavorando per creare un gruppo di lavoro che supporti Sfera su questa strada del live, sta prendendo forma il progetto e sarà rivoluzionario rispetto ai concerti visti fino ad ora. E’ un percorso difficile ma sono sicuro che lo porteremo a casa e che il live sarà qualcosa all’altezza di quello che è stato fatto fino ad ora. Credo che l’annuncio delle date possa essere anche un messaggio di speranza per il futuro. Gli incontri avuti con l’artista sono stati sorprendenti. Il live è visto spesso come un plus dell’attività discografica, non c’è attenzione sullo spettacolo da andare a proporre ma una superficialità che spesso porta a sorprese negative. Io invece ho incontrato un artista con idee chiare e che ha voglia di fare qualcosa di davvero rivoluzionario e il mio impegno è cercare di soddisfarlo e trasformare i suoi desideri in realtà“, ha dichiarato il Presidente e AD di Trident Music Maurizio Salvadori, spiegando che nel caso a settembre 2021 non si potessero ancora tenere i live a causa dell’emergenza covid verranno rimborsati i biglietti.

Il cerchio nella carriera di Sfera Ebbasta si è sempre allargato; è partito dal quartiere, dalla sua Milano per poi prendersi il paese e ora il mondo. Ma oggi Sfera, che come sua mamma dice nel film “ha sempre tenuto i piedi per terra”, non dimentica Cinisello Balsamo. Dal 16 novembre sarà infatti disponibile “Famoso – A visual story”, un’esposizione fotografica interamente dedicata al Museo di Fotografia Contemporanea (MUFOCO), partner di Triennale Milano che sarà aperta gratuitamente a tutto il pubblico. Il MUFOCO, apre così le porte alla Milano Music Week ospitando uno dei suoi cittadini più famosi a livello internazionale. La mostra sarà introdotta proprio da Luca De Gennaro, curatore artistico della settimana milanese della musica. La mostra non si limiterà alle sale del Museo ma esporrà all’esterno, nella centrale Piazza Gramsci, alcuni degli scatti più iconici concedendo un assaggio dell’intera esposizione; un segno tangibile del legame tra Sfera Ebbasta e le sue origini.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...