Coppa del Mondo di Sci: Chamonix parla francese. Prima vittoria stagionale per Clement Noel

Una Chamonix sotto una pioggia torrenziale, a tratti mescolata con la neve, ha accolto i protagonisti della Coppa del Mondo di sci. In programma due slalom speciali, gli ultimi prima dei Campionati del Mondo di Cortina che prenderanno il via il prossimo 8 febbraio.

La vittoria è per il beniamino di casa Clement Noel che, autore di una buona seconda manche, ha sfruttato le imperfezioni dei due atleti che lo avevano preceduto nella manche precedente e ha potuto alzare le mani al cielo per la prima volta in stagione.

La prima manche si era chiusa con il miglior tempo dell’austriaco Marco Schwarz davanti allo svizzero Ramon Zenhaeusern e al francese Clement Noel, con distacchi davvero risicati.

Una neve che risponde poco, nonostante una buona preparazione effettuata poco prima dell’inizio delle due manche.

Clement Noel, apparso un po’ in ritardo di condizione nella prima parte della stagione, ha dimostrato freddezza e solidità, nonostante le condizioni della pista davvero proibitive.

Più di un rimpianto per l’elvetico Zenhaeuser che ha pagato a caro prezzo un grave errore a metà della seconda manche, ma che ha chiuso con un distacco di 20 centesimi da Noel.

Stesso discorso per Marco Schwarz che si accontenta del terzo posto portando a sei la striscia di podi consecutivi e rafforza la leadership nella classifica di slalom speciale sfruttando anche l’uscita nella seconda manche del rivale Manuel Feller.

Da segnalare l’ottimo quarto posto di Luca Aerni. Lo svizzero, già campione del mondo di combinata a Sankt Moritz nel 2017 e secondo a Campiglio nel dicembre dello stesso anno in slalom speciale, ha sfruttato al meglio la pista. Nella seconda manche è partito per secondo e ha guadagnato ben 24 posizioni conquistando di fatto la convocazione per la gara mondiale di Cortina.

“Ho fatto una manche davvero brillante, solida. Ho sfruttato al meglio le condizioni della pista dopo una prima manche difficile. Questo è un risultato per me, ma anche per la Nazionale Svizzera. È bello vedere che i componenti della nostra squadra sono sempre nelle prime posizioni. C’è un bel clima, stiamo lavorando anche in vista dei Mondiali. Rimpianti per i pochi centesimi dal podio? No, assolutamente no. Oggi è andata bene così. Non potevo chiedere di più. Sono certo che questa ‘medaglia di cioccolato’ mi farà bene!”.

Quinta posizione per Michael Matt, sesto Loic Meillard, settimo, miglior risultato stagionale, Alexander Khoroshilov, ottavo il leader della classifica generale di Coppa del Mondo Alexis Pinturault, nono Sebastien Foss Soeìlevaag e decimo Christian Hirschbuel.

Fuori nella prima manche e dopo solo due porte Henrik Kristoffersen, irriconoscibile in una stagione che a parte l’acuto di Madonna di Campiglio e il podio a Lech in parallelo non riesce a trovare la quadra in un’annata in cui avrebbe potuto lottare per la Coppa di Cristallo.

GLI ITALIANI

Per gli azzurri è buio pesto. Dopo aver sperato nella primissima parte di stagione grazie a un terzo e un quarto posto di Alex Vinatzer e all’ottima ottava piazza di Manfred Moelgg a Schladming oggi abbiamo dimostrato tutti i nostri limiti.

Il migliore degli azzurri è Stefano Gross diciottesimo, bravo a recuperare dalla 24° posizione della prima manche, anche se da lui ci si attende decisamente di più: “Nella seconda manche si potava fare meglio. Ho fatto un grave errore a metà della seconda manche e mi ha fatto perdere dei decimi preziosi. Sono abbastanza soddisfatto dell’atteggiamento che ho messo in campo oggi, speriamo di portare a casa due buone manche domani. È una giornata difficile, piove e si vede poco. Ma non ci sono scuse, è per tutti uguale!”.

Diciannovesimo posto finale per Simon Maurberger che sulla pista dove un anno fa si ruppe il legamento crociato trova una discreta prestazione: “Ho cercato di sciare pulito. Si poteva rischiare un pochino di più, ma va bene così. Psicologicamente sto abbastanza bene. Mi sono ripreso bene dopo Schladming e anche il ginocchio non mi fa più così male. Sto bene, punto sulla gara di domani”.

Dopo la prima manche chiusa con un poco confortante 18° posto, il nostro Alex Vinatzer, reduce da 4 uscite consecutive e da una mancata qualificazione, ha concluso il primo slalom di Chamonix in ventinovesima e penultima piazza. Un risultato che non fa onore a un ragazzo sul quale puntiamo e parecchio: “L’unico aspetto positivo è che sono arrivato al traguardo. Come sciata non ci siamo, ma sappiamo su cosa dobbiamo lavorare. Vediamo domani. Cercherò di fare di più, ma la sensazione sullo sci non è quella che vorrei. Ogni gara è un giorno nuovo”.

Gli altri azzurri: 24° Tommaso Sala e 28° Manfred Moelgg. Non qualificati alla seconda manche Riccardo Tonetti 33° e Giuliano Razzoli 38°.

di Simone Zamignan

credit foto © Gaetan Haugeard – haugeard-gaetan.com – Chamonix World Cup

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...