SANREMO 2021 – Francesco Renga è in gara con il brano “Quando trovo te”: “Credo non solo nell’oblio salvifico ma anche nei ricordi che teniamo custoditi nel profondo della nostra anima e che quando riaffiorano portano alla felicità”

Francesco Renga è in gara al 71° Festival di Sanremo con il brano “Quando trovo te” (Sony Music), da lui scritto insieme a Roberto Casalino e Dario Faini.

La canzone esplora il concetto di “oblio salvifico”, cioè dimenticare come forma di protezione e come riparo da una vita che spesso ci costringe alla fretta raccontando il momento in cui quel ricordo felice che ognuno di noi tiene nascosto in fondo al proprio cuore come un prezioso tesoro riaffiora potente nelle nostre esistenze, restituendo loro un senso più profondo e aprendoci gli occhi su una realtà che è migliore di quella che pensiamo.

“Quando trovo te”, che è nata in studio a Milano in quattro ore, racconta di un uomo che cammina per strada ed è in preda a un tormento, ad una frustrazione esistenziale che lo porta a ricordarsi di qualcosa che aveva nascosto perché credo non solo nell’oblio salvifico ma anche nei ricordi che teniamo ben custoditi nel profondo della nostra anima per tutelarli dal caos delle nostre esistenze e che quando riaffiorano ci portano alla felicità legata alle piccole cose di ogni giorno che a me salvano la vita, come lo sguardo dei miei figli, il ricordo di un abbraccio con la mia compagna, il profumo di casa che sale dall’anima e ti riporta ad una normalità. Penso sia salvifico sapere che a casa ci sia qualcosa che ti aspetta di bello e che quasi sempre collima con la felicità”, ha raccontato Francesco Renga in un incontro stampa in streaming.

Nel testo del brano viene citata anche Brescia, la città del cantautore:Questo periodo travagliato mi è servito per riscoprire delle cose che forse rischiavamo di perdere e che sembravano scontate ma che in quel momento sono diventate la nostra vita. Il fatto di esserci sentiti di colpo soli nella nostra casa ci ha dato una diversa idea di comunità, di visione della società, di attitudine all’inclusione. Nel mio piccolo ho cercato di fare il possibile per la mia città, Brescia, che viene nominata anche nel brano sanremese e che si è riscoperta una comunità molto legata”.

Sanremo 2021 sarà molto diverso rispetto alle edizioni precedenti a cui Francesco ha preso parte: “Quest’anno assurge a simbolo di rinascita, di ripartenza, di ripresa delle attività. Dopo mesi anch’io torno sul palco a fare il mio lavoro. Questa tragica pandemia ci costringe a delle restrizioni ma questo non toglie nulla al valore del Festival che entrerà nella storia proprio per la sua unicità e che rimane per me un appuntamento imprescindibile. Cantare senza pubblico davanti è molto limitante, perché non hai il feedback immediato. È vero anche che il palcoscenico dell’Ariston fa storia a sé. La cosa bella della settimana sanremese era uscire, fare i selfie con i fan, capire cosa stesse succedendo nel mondo reale, tutto questo mi mancherà così come le cene e le feste notturne. Quest’anno si lavorerà e si leggeranno dei libri”, ha ironizzato.

In gara tra i Big ci saranno molti giovani artisti: “Trent’anni fa quando sono salito sul palco dell’Ariston la prima volta avevo l’età di questi ragazzi ed è anche motivo d’orgoglio essere qui a distanza di tempo nel panorama musicale insieme a loro”, ha detto Francesco Renga che ha poi ripercorso le sue partecipazioni alla kermesse: “Nel 1991 con i Timoria era l’inizio di tutto, c’era voglia di rivoluzione, di cambiare il mondo, l’urgenza di farsi ascoltare che ho mantenuto negli anni. Anche il Sanremo di Raccontami, il primo da solista, è stato molto importante. Poi nell’edizione di Tracce ho raccontato una tematica profonda come la perdita di mia madre, nel 2005 è arrivata la vittoria con Angelo, una canzone che ha segnato il mio passaggio da figlio a padre. Sul palcoscenico c’era anche Ambra, la madre di Jolanda ed è stato un Festival speciale. Quella del 2021 sarà un’edizione che passerà alla storia e si spera che sarà l’unica volta che saremo costretti a farla in questo modo”.

Infine riguardo i progetti futuri l’artista ha chiosato: “Sto lavorando ad altre canzoni ma al momento non ho ancora una data di uscita per il mio nuovo disco”.

di Francesca Monti

credit foto Toni Thorimbert

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...