RKOMI: “TAXI DRIVER” è il nuovo album

Nella vita come nella musica, siamo abituati a dividere tutto per categorie e a etichettare ogni cosa in maniera definitiva e inequivocabile. Ci sono però artisti e opere che sfuggono a ogni classificazione, non perché vogliano farlo, ma semplicemente perché non esiste una definizione che riesca a spiegarne l’essenza.

È il caso di Rkomi e della sua musica, che affonda le sue radici nell’hip hop, ma progressivamente si sta trasformando in qualcosa di totalmente diverso e caleidoscopico, proprio come i suoi ascolti e le sue esperienze di vita. Se la sua carriera è cominciata nel 2016, come astro nascente della nuova wave rap italiana, la sua transizione verso sonorità più universali, sfumate e ricche di influenze era cominciata già nel 2019, quando aveva stupito critica e fan con l’album Dove gli occhi non arrivano, che includeva collaborazioni prestigiose e variegate come quelle con Jovanotti, Elisa e Dardust. Ora è il turno di Taxi Driver, il suo nuovo, sorprendente lavoro.

Ancora una volta, Rkomi compie un ulteriore passo avanti nella sua personale metamorfosi artistica. Se in Dove gli occhi non arrivano si allontanava dal percorso che sembrava già tracciato per lui fin dalle origini e muoveva i suoi primi passi nel mondo della musica cantata e suonata, con Taxi Driver si spinge ancora più lontano, addentrandosi in questi territori con la sicurezza che gli deriva da anni di scrittura nel rap, e con la freschezza di chi si approccia davvero per la prima volta al cantautorato. Il progetto è frutto di un lungo lavoro su se stesso e sulle sue canzoni, che lo ha portato ad approfondire una vena più profonda e musicale scoperta con gli anni, alla ricerca di nuovi stimoli. Una vena in cui la melodia e gli arrangiamenti hanno lo stesso peso delle parole, e in cui la coralità e la condivisione sono fondamentali: non a caso la maggior parte dei brani sono nati in studio, dalla collaborazione con i produttori e i musicisti che lo hanno affiancato, e ognuna delle tracce dell’album (tranne Partire da te e la title track Taxi Driver) è impreziosita da ospiti d’eccezione.

Il titolo, oltre all’ovvia citazione cinematografica che racchiude, spiega molto bene il concept del progetto. Come un tassista dallo sguardo acuto e impenetrabile, abituato a vivere e respirare la metropoli assorbendone ogni vibrazione positiva e negativa, Rkomi accompagna ciascuno dei suoi compagni di viaggio verso la propria destinazione. Entra nelle loro storie e nel loro mondo, facendoli un po’ suoi, ma senza mai perdere la propria identità e i tratti distintivi che lo contraddistinguono.

Il primo singolo estratto, Ho spento il cielo con Tommaso Paradiso, è un ottimo esempio di come le liriche introspettive ed eteree dell’artista milanese possano sposarsi perfettamente con le melodie pulite e la potenza espressiva di uno dei cantautori romani per eccellenza. Il binomio Milano-Roma si ripete anche in altri episodi della tracklist, ma declinato in sfumature sempre diverse, come nel caso di Me o le mie canzoni? (con Gazzelle) e Diecimilavoci (con la giovanissima cantautrice Ariete). Non manca un omaggio al suono del nuovo urban-pop italiano, con la presenza di grandi protagonisti come Irama (Luna piena), Gaia (Mare che non sei), artiste emergenti di grandissimo valore come Roshelle (Paradiso vs. Inferno) e esordienti quasi assoluti come Tommy Dali, alla sua prima presenza su un disco così importante (Solo con me).

Anche chi segue Rkomi fin dalle sue origini nel rap non resterà deluso: immancabili gli amici di sempre Sfera Ebbasta (Nuovo range), il newcomer Chiello_FSK (Cancelli di mezzanotte) e Ernia (10 ragazze). Ciliegina sulla torta, rinnovata dopo il precedente album anche la fortunata collaborazione con Dardust, questa volta presente sulla traccia Sopra le canzoni. Ad allargare la squadra e a integrarsi perfettamente con una vera e propria band in studio, un roster di produttori di primo piano: lo stesso Dardust, Katoo, The Night Skinny, Shablo, Junior K, Mace e Marquis.

Ascolto dopo ascolto, Taxi Driver è un viaggio nelle profondità di un sound sempre nuovo, sempre più ricco, sempre più visionario, influenzato dal rock come dal rap, dalla canzone d’autore come dal pop, ma soprattutto influenzato dal futuro.

TAXI DRIVER

INTRO

PARTIRE DA TE

HO SPENTO IL CIELO con Tommaso Paradiso

ME O LE MIE CANZONI con Gazzelle

DIECIMILA VOCI con Ariete

LUNA PIENA con Irama

NUOVO RANGE con Sfera Ebbasta

PARADISO VS INFERNO con Roshelle

SOPRA LE CANZONI con Dardust

10 RAGAZZE con Ernia

MARE CHE NON SEI con Gaia

SOLO CON ME con Tommy Dali

CANCELLI DI MEZZANOTTE con Chiello_FSK

TAXI DRIVER

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...