Allo Spazio Alda Merini il 12 giugno in scena il Cetec con “Voci di dentro”

Pandemia: dal 23 febbraio 2020 non si entra più a San Vittore con nessuna attività trattamentale. Non c’è modo neanche in qualità di Laboratorio teatrale del CETEC Dentro/Fuori San Vittore. Siamo travolti dall’impossibilità di poter continuare qualsiasi attività e lo affermiamo a malincuore dato che, dopo aver rimesso in scena, nel novembre 2019, a distanza di trent’anni “Il Decameron delle Donne”  con debutto al Piccolo Teatro Grassi, avevamo già ricevuto i permessi per replicarlo all’interno della Palazzina Liberty – replica poi soppressa.

È iniziato così un lungo percorso fatto di mail, telefonate autorizzate da dentro a fuori il carcere, mentre con le attrici ex detenute le prove continuano via skype. Comunicazioni che ci portano a sviluppare una strana confidenza con l’ascolto delle nostre voci, con quelle invece evocate da parole urlate in modo forte e chiaro dalle missive provenienti da San Vittore di chi invece, per motivi diversi, non ha potuto fruire degli arresti domiciliari.

“LE VOCI DI DENTRO” nasce come progetto artistico durante il lockdown a cura della regista e drammaturga Donatella Massimilla in collaborazione con Elena Pilan, attrice-autrice reclusa prima a San Vittore e poi trasferita nel carcere di Bollate, la quale sarà presente la sera del 12 giugno allo ‘Spazio Alda Merini’, in giardino, come interprete dei suoi stessi versi. Un dialogo trasformato in una performance-installazione, fatta di testi, immagini, visioni e scritti che vedono anche la presenza dell’attrice e cantante Gilberta Crispino e del fisarmonicista Gianpietro Marazza, da sempre artisti anima del CETEC.

#KILLER

«È arrivato in silenzio. Si è svelato in silenzio. Ci ha colpito in silenzio. E quel silenzio ha fatto un gran rumore.

Come le nuvole cambiano il cielo, il vento smuove le onde, l’inverno fa cadere le foglie

Anche noi siamo caduti impotenti sotto il suo volere,

nell’incoscienza del suo essere con la coscienza di voler resistere.

Prepotente ci ha diviso, arrogante ci ha imposto, bastardo ha ucciso.

Lo si guarda, lo si studia, lo si cerca di capire questo mostro invisibile, killer senza armi

Cecchino muto nel frastuono del terrore che ha tinto tutto di rosso, rosso sangue. Rosso paura. Croce Rossa.

Ambulanze bianche. Sirene blu. Cina, Italia.

Mondo…»

dal testo #KILLER di Elena Pilan

Il reading “Le voci di dentro”, previsto con inizio alle h 20, è a ingresso gratuito con tessera dello ‘Spazio Alda Merini’ per chi vuole sostenere le attività della nuova gestione direzione artistica dal Cetec con la rete ‘Piccola Ape Furibonda’. Vi chiediamo per cortesia di prenotarvi a questo indirizzo email: info@spazioaldamerini.com. Si prevede una diretta FB.

L’evento ha ricevuto il sostegno del Municipio1 Premio Milano Donna 2020.

Ci teniamo a informarvi, inoltre, che è possibile richiedere rappresentazioni anche in altri contesti, visto che da novembre 2020 Elena Pilan è parte integrante della compagnia del CETEC Fuori dal carcere e ha così realizzato il sogno di essere reinserita all’esterno attraverso il Lavoro del Teatro e curando le visite performative allo ‘Spazio Alda Merini’ per gruppi di visitatori e scolaresche.

“Le voci di dentro”

Location: ‘Spazio Alda Merini’ – Casa delle Arti, via Magolfa 30

Data e orario: 12 giugno 2020, h 20

Prenotazione obbligatoria: all’indirizzo email info@spazioaldamerini.com

Nella foto di copertina Elena Pilan e Donatella Massimilla – credit Federico Buscarino

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...