A “Cose Nostre” Ciaccio Montalto, la storia di un giudice solo

Ha lottato contro la mafia del trapanese, indagando, nonostante le minacce ricevute, sugli intrecci tra massoneria deviata e mondo politico: il giovane magistrato Giangiacomo Ciaccio Montalto  fu un precursore nello svolgere indagini finanziarie e patrimoniali per incastrare i mafiosi.  La sua storia sarà al centro della prima puntata della nuova edizione di “Cose Nostre”, in onda giovedì 8 luglio alle 23.50 circa su Rai1. 

Padre di tre bambine, venne ucciso a sangue freddo il 25 gennaio 1983 a Valderice, in provincia di Trapani: aveva 42 anni.

Ciaccio Montalto fu uno dei primi uomini dello Stato a cadere sotto la folle regia criminale di Totò Riina. Prima di essere ucciso fu a lungo isolato e lasciato solo nel suo stesso ambiente di lavoro.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...