Al “Teatro Gavazzeni” di Seriate debutta lo spettacolo “Casa di Bambola”, nuova produzione della compagnia teatrale La Gilda delle Arti – Teatro Bergamo

Venerdì 1, sabato 2 e domenica 3 ottobre alle ore 21.00 al “Teatro Gavazzeni” di Seriate (via Marconi 40) debutta lo spettacolo “Casa di Bambola”, nuova produzione della compagnia teatrale La Gilda delle Arti – Teatro Bergamo.

Henrik Ibsen scrive “Casa di Bambola” nel 1879, ma le questioni che affronta nel suo spettacolo sono attualissime: dentro a un matrimonio che appare perfetto si scoprono, battuta dopo battuta, problemi profondi non risolti, come l’accettazione dei ruoli dei coniugi imposti dalla società, il significato conferito alla convivenza e alla maternità o il sovrapporsi dell’amore ideale con quello reale. E così, nello scenario idilliaco delle feste di Natale, vissute in famiglia dopo un lungo periodo di difficoltà economiche e di salute, si svelano tutti i piccoli e grandi segreti di casa Helmer, in un’atmosfera che a ogni atto diviene sempre meno festosa e più cupa: è inevitabile essere trascinati nel vortice degli eventi e del finale, ed è più che legittimo domandarsi se la conclusione scritta da Ibsen sia da lodare o da condannare.
LA VICENDA
Sin dalle prime battute del dramma, l’impressione che si ha della protagonista femminile, Nora, è quella di una donna che si comporta come una bambina capricciosa che gioca, si diverte tutto il giorno e si arrabbia per futili motivi, come quando il marito Torvald le proibisce di mangiare dolci. Nora è ricattata da Krogstad a causa di un prestito e di una firma falsa, e ogni sforzo di Nora è volto a risolvere la questione senza coinvolgere suo marito: a tutto sarebbe disposta, persino al suicidio, piuttosto di far pesare su Torvald il disonore di un processo penale. Sotto sotto, però, forse la protagonista desidera che il marito scopra i sacrifici segreti da lei affrontati per salvare la famiglia dalla rovina, e continua a chiamare il momento della fatidica rivelazione dei fatti (e le sue conseguenze) “la cosa meravigliosa”.
Malgrado gli sforzi per tenere tutto nascosto, un’intricata concatenazione di eventi, un’amica d’infanzia che viene a conoscenza dei fatti e la morte di un amico di famiglia inducono Nora a gettare la maschera.
La reazione di suo marito, però, non è all’altezza delle aspettative: quando Torvald scopre il fatto, infatti, viene assalito dall’ansia e dal tormento di perdere la propria reputazione e, invece di comprendere che i gesti sconsiderati della moglie erano stati compiuti a fin di bene nel momento del bisogno, dichiara di volerla allontanare dalla cura dei suoi figli, in quanto indegna e pericoloso esempio di deviazione.
Il rischio del processo penale viene scansato da un colpo di scena, e tutto potrebbe finire nel migliore dei modi: Torvald, appena appresa la felice notizia, prorompe esclamando “sono salvo!”, e perdona all’istante sua moglie. Per Nora, però, la vita non può ritornare ad essere quella di prima: è troppo tardi. Tutte le sue illusioni sono state tradite e le sue certezze infrante.
In un discorso inesorabile e durissimo, nel finale Nora dichiara di capire che suo marito non era in realtà quella nobile creatura che lei credeva che fosse e che il suo ruolo in quel matrimonio, durato otto anni, è stato quello di una semplice e bella marionetta costretta a vivere in una “casa di bambola”.

IL RUOLO DELLA DONNA IN PRIMO PIANO
A quasi 150 anni dal debutto di “Casa di Bambola”, è ancora sorprendente come molte donne possano facilmente comprendere le difficoltà affrontate dalla protagonista: Nora, dopo otto anni di matrimonio, si domanda se il rapporto con suo marito sia fondato sul vero amore o su un’illusione, se sia veramente adatta a essere una buona madre e se sia disposta a continuare a vivere nella “casa di bambola” della sua quotidianità. Come chiameremmo, oggi, la sua relazione con Torvald? Forse “violenza domestica”, forse “rapporto disfunzionale” o addirittura “patologico”; ma di certo, quando ci sono di mezzo dei bambini, ogni decisione si fa più difficile. Nora tuttavia non si tira indietro, e decide di voler cambiare vita per trovare la propria strada, anche a costo di abbandonare i figli, e senza accettare compromessi: dal marito non vuole nulla, né denaro, né notizie, né promesse di un futuro insieme. Non accetta nemmeno di aspettare una notte prima di decidere, e abbandona casa e famiglia su due piedi.
Non a caso, il dramma di Ibsen fece molto scalpore, e suscitò nel pubblico reazioni forti e opposte: chissà se gli spettatori del 2021 sono pronti a scandalizzarsi allo stesso modo…

UNO SPETTACOLO PER FESTEGGIARE QUINDICI ANNI DI TEATRO
«Casa di Bambola è per noi una grande sfida» dicono Miriam Ghezzi e Nicola Armanni, rispettivamente la regista e il direttore della compagnia. «Una grande struttura drammaturgica, sentimenti che vanno sulle montagne russe, personaggi così assurdi da risultare perfettamente credibili… e, non ultimo, una profonda riflessione sul ruolo della donna, sull’educazione gender, sul senso dei legami affettivi e familiari.»
Non è il primo testo di letteratura teatrale che La Gilda delle Arti – Teatro Bergamo mette in scena: dall’Avaro di Moliere, a “Molto rumore per nulla di Shakespeare”, da “Il Servitore di due padroni”, “La famiglia dell’antiquario” e “La Locandiera” di Goldoni, tuttavia, il passo è lungo: non più le atmosfere giocose della commedia, ma i toni duri del dramma di fine Ottocento; non più i personaggi stilizzati della Commedia dell’Arte o i monologhi lirici del teatro vittoriano, ma i temi duri e pesanti dei copioni che segnano l’avvento dell’arte contemporanea.
«Mettere in scena Ibsen significa avere il privilegio di lavorare su un pilastro della letteratura teatrale, come amiamo fare con gran parte dei copioni che hanno segnato la nostra produzione; ma vuol dire anche dare un segno forte di discontinuità: abbandoniamo i personaggi mascherati le macchiette di Molière per scavare nel mondo interiore delle paure e delle illusioni e abbandoniamo le riduzioni di un’ora e mezza per assaporare il gusto di un’opera completa.
Ripeto: potevamo celebrare in un nodo migliore il nostro quindicesimo anniversario?”.

NORME COVID
La prenotazione ad ogni evento è obbligatoria: i dati della prenotazione verranno conservati a norma di legge per 14 giorni.
E’ obbligatorio l’utilizzo della mascherina e del distanziamento: l’assembramento non è ammesso. Green pass obbligatorio.
Per informazioni e prenotazioni: info@lagildadellearti.it – 3460911169.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...