Su RaiPlay da lunedì 11 ottobre la seconda puntata di “Ossi di seppia – Quello che ricordiamo” dedicata alla marcia dei 40mila

Quaranta anni fa, quarantamila impiegati Fiat sfilano contro i sindacati e i picchettaggi che impediscono a chi vuole lavorare di entrare in fabbrica.

E’il 14 ottobre 1980, una data che fa da spartiacque con il passato e  segna appunto la sconfitta del sindacato e l’inizio del precariato.

Dall’11 ottobre su RaiPlay la seconda puntata di Ossi di Seppia, quello che ricordiamo, la prima serie Tv non fiction dell’era post pandemia, prodotta da 42° Parallelo.

Migliaia di colletti bianchi della Fiat scendono in piazza per manifestare contro gli scioperi che vanno avanti da settimane. Ad innescare il tutto è la crisi nella vendita delle auto. Per salvaguardare il profitto, l’azienda tenta di contrattare licenziamenti e cassa integrazione con i sindacati che, in risposta, occupano gli stabilimenti di Mirafiori per 35 giorni.

Giorgio Airaudo, sindacalista e testimone dei fatti, è la voce narrante della puntata e racconta di questa manifestazione senza precedenti che sancirà il fallimento delle trattative, segnerà la sconfitta dei sindacati e cambierà radicalmente gli equilibri all’interno delle fabbriche fra operai ed impiegati.

Ossi di Seppia, quello che ricordiamo è una esplorazione emozionale del passato che, in ventisei puntate e altrettanti eventi (che si avvalgono del repertorio tratto dalle Teche Rai e dagli archivi fotografici) ripercorre quei fatti che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, che hanno segnato le nostre vite e che rimarranno… quello che ricordiamo.

©ANSA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...