Torna per il quinto anno l’appuntamento su Rai1 con “Prodigi – La musica è vita”, condotta da Serena Autieri e Gabriele Corsi: “E’ una serata che fa bene al cuore, che vola sopra i pregiudizi”

Torna per il quinto anno l’appuntamento su Rai1 con “Prodigi – La musica è vita”, la prima serata dedicata al talento e alla solidarietà realizzata in collaborazione con UNICEF ed Endemol Shine Italy. La conduzione di questa edizione, in onda mercoledì 17 novembre alle 21.20, dal Teatro 1 di Cinecittà World, sarà di Serena Autieri, già al timone della quarta edizione, e di Gabriele Corsi.

“Voglio ringraziare Gabriele perchè è stato un grandissimo compagno di viaggio e di emozioni, fin dalle prime letture e dai primi incontri per parlare dei ragazzi siamo stati travolti dal loro talento e dalla loro passione e speriamo di riuscire a trasferirli a casa. Ci abbiamo messo tutto il cuore del mondo, ci siamo molto emozionati, li abbiamo sostenuti, vivendo passo dopo passo le loro performance e quello che avevano voglia di raccontare, anche un po’ da mamma. Grazie ad Unicef che mi ha dato la possibilità di essere testimonial di questi talenti incredibili e che siano un faro per tanti altri ragazzi che hanno una passione che arde nel loro cuore e che aspetta soltanto di emergere”, ha detto Serena Autieri.

“Grazie a Serena che mi ha preso per mano in quest’avventura, condurre con lei è come cucinare con la panna, troppo facile. E’ una professionista incredibile. Devo dire che abbiamo fatto tutto con serenità e serietà. Ringrazio la Rai, Endemol, Unicef per avermi dato la possibilità di partecipare a qualcosa di speciale. Ho iniziato a recitare ne Il Maresciallo Rocca lavorando con Gigi Proietti che mi ha insegnato che la leggerezza è il contrario della stupidità e dare la possibilità a tanti ragazzi di esprimersi e di dare visibilità con uno spettacolo tv in prima serata su Rai1 è un enorme privilegio. Vedremo tanta gente che cerca di darsi una mano. Papa Francesco dice che l’unico momento in cui un uomo può guardarne un altro dall’alto verso il basso è quando lo aiuta a rialzarsi. E questa è una serata che fa bene al cuore, che vola sopra i pregiudizi. Con la cultura si vive e la musica è viva. Non a caso quando c’è un regime violento per prima cosa si vieta la musica”, ha chiosato Gabriele Corsi.

I protagonisti della serata saranno, anche in questa occasione, nove giovanissimi talenti nella danza, nel canto e nella musica, tra i 10 e i 16 anni, accompagnati nelle loro esibizioni dall’orchestra giovanile “Sesto Armonico”, diretta dal Maestro Matteo Parmeggiani. A giudicare le performance dei piccoli artisti sarà una giuria composta da sei celebrità del mondo dello spettacolo e dell’arte: Malika Ayane e il Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia Peppe Vessicchio per il canto, Ermal Meta e Laura Marzadori, primo violino dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, per la musica, e Samantha Togni e Luciano Cannito per la danza. Guest star della giuria, inoltre, un amico speciale di Prodigi, Flavio Insinna, già conduttore delle precedenti edizioni del programma. Saranno loro, i giurati, ad eleggere i tre finalisti per ogni categoria – musica, danza, canto -, mentre il vincitore assoluto, al quale andrà una borsa di studio offerta dall’UNICEF Italia, sarà eletto dalla giuria tecnica, composta da cento esperti nel campo delle tre categorie. A consegnare il premio Carmela Pace, Presidente dell’UNICEF Italia, che ricorderà anche il 75° anniversario della nascita dell’UNICEF.

“E’ importante che il talento conquisti la platea di Rai 1 affinché non sia soltanto espressione estemporanea di una capacità artistica ma il risultato di un lavoro di impegno, serietà e rigore. Per questo “Prodigi” è una vetrina importante, di grande soddisfazione per chi fa questo mestiere perchè si rimettono insieme i valori che il servizio pubblico deve perseguire. Poi c’è l’impegno di Unicef e ci sono storie che ci ricordano tante situazioni di emergenza, non solo nel nostro Paese”, ha dichiarato Stefano Coletta, Direttore di Rai1.

“L’11 dicembre compiamo 75 anni, ringrazio la Rai ed Endemol Shine Italia per il lavoro di team che ha reso possibile questa quinta edizione. E’ un prodotto di cui siamo veramente molto entusiasti. Racconteremo come l’Unicef lavori nel mondo per difendere i diritti dei bambini e i legami e le connessioni che ci sono tra l’Italia e gli altri Paesi. I talenti in gara sono di una levatura notevole”, ha detto Paolo Rosera, Presidente di Unicef.

“E’ evidente che questi ragazzi siano talentuosi, la difficoltà sta nel giudicare uno che si esprime con uno strumento e un altro che ne suona uno diverso. Il violinista Giuseppe Gibboni ha vinto il Premio Paganini ed è stato il vincitore della prima edizione di Prodigi. E’ un risultato che ci riempie di orgoglio. Sono felice di prendere parte a questo progetto e siccome essere solidali comporta impegno ci sembrava giusto che i partecipanti a questo concorso fossero portatori di segnali di impegno. Il talento può essere spontaneo e restare nella sua spontaneità che dal punto di vista popolare ha un valore enorme ma quello coltivato, che richiede l’impegno che trova coerenza con il progetto umanitario, è la cosa più important secondo me”, queste le parole del Maestro Beppe Vessicchio.

La serata, oltre alle esibizioni di danza, canto e musica dei nove prodigi, vedrà l’alternarsi di diversi ospiti e di momenti di solidarietà per l’UNICEF. Sarà presente l’Ambasciatore UNICEF Italia Lino Banfi, che racconterà, insieme al Portavoce dell’UNICEF Italia Andrea Iacomini e ad Alessandra Pacifico della Polizia di Stato, l’esperienza con i bambini profughi dell’Afghanistan presso un campo di accoglienza a Roma – dove si sono recati Banfi insieme a Roberto Mancini, Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia. E ancora, ci sarà la Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia Alessandra Mastronardi, che parlerà del programma di accoglienza dell’UNICEF a Gaziantep, in Turchia, a soli 100 km da Aleppo, per assicurare alloggi e protezione ai profughi siriani e garantire alle bambine e ai bambini il percorso scolastico. A Gaziantep vivono oltre 230.000 bambine e bambini profughi sotto i 18 anni, tra cui Eye e Leme, due bambine di cui verrà raccontata la storia, entrambe con la passione per la musica, che beneficiano del programma di Conditional Cash Transfers for Education che l’UNICEF promuove per sostenere le famiglie e assicurare l’iscrizione e la frequenza regolare alla scuola delle bambine e dei bambini. Sul palco ci sarà anche Regina De Dominicis, Rappresentante UNICEF in Turchia. Si affronterà, poi, anche il tema delle famiglie affidatarie, grazie alla storia di Cristian, un ragazzo di origini albanesi che, grazie ai suoi genitori affidatari, è riuscito a realizzare il sogno di danzare. Per raccontare la sua storia, è andato a Cernusco sul Naviglio il testimonial dell’UNICEF Italia Stefano De Martino, mentre sul palco di “Prodigi” ci sarà il Direttore Generale dell’UNICEF Paolo Rozera. Nel corso della serata, inoltre, anche Clementino farà una sua dedica ai bambini e porterà sul palco la storia di Angela, una bambina che ama ballare l’hip hop e che frequenta la Casa di Vetro di Forcella a Napoli, dove si svolgono i Laboratori Forcella Brilla LAB, una formula sperimentale proposta da “Il Cielo itinerante” con l’UNICEF e l’Associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi ONLUS e L’Altra Napoli Onlus, per promuovere le pari opportunità̀ e offrire a bambine e bambini importanti sollecitazioni, sia dal punto di vista delle materie scientifiche e tecnologiche (STEM), sia portandoli a contatto con la musica e l’arte. Interverrà anche Ersilia Vaudo, astrofisica dell’ESA. Saliranno sul palco, poi, anche Roy Paci e Christopher Goddey, in arte Chris Obehi, per una storia che arriva da Palermo, la città dove Chris è arrivato nel 2015, ancora minorenne, in fuga dalla Nigeria. Oggi ventunenne, Chris ha iniziato a raccontare il suo vissuto con la chitarra e, nel 2020, è entrato in contatto con l’UNICEF come maestro di chitarra in un programma di sviluppo delle competenze e partecipazione. Con loro anche Anna Riatti, Coordinatrice del Programma in Italia dell’Ufficio UNICEF per l’Europa e l’Asia Centrale. Infine, il videomessaggio di un amico dell’UNICEF: Ultimo, Goodwill Ambassador dell’UNICEF Italia, in missione in Mali.

I fondi raccolti dall’UNICEF durante “Prodigi – La Musica è vita” sosterranno i programmi contro la malnutrizione dei bambini e per combattere il COVID- 19. I telespettatori potranno sostenere l’UNICEF donando 2 euro al 45525 con SMS da cellulare Wind Tre, TIM, Vodafone, Poste Mobile, Iliad e CoopVoce; 5 euro al 45525 con chiamata da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile; 5 o 10 euro al 45525 con chiamata da rete fissa TIM, Vodafone, Wind Tre, Fastweb; sarà possibile anche effettuare una donazione regolare di 9 euro mensili telefonando al numero verde 800 07 06 06.

Prodigi – La musica è vita è un programma di Rai1, realizzato in collaborazione con UNICEF ed Endemol Shine Italy, scritto da Emanuele Giovannini, Leopoldo Siano, Ermanno Labianca, Emiliano Ereddia, Francesco Valitutti. La Direzione Artistica è di Peppe Vessicchio. La regia è di Maurizio Pagnussat.

di Francesca Monti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...