SANREMO GIOVANI 2021 – Intervista con Martina Beltrami, in gara con “Parlo di te”: “Attraverso le mie canzoni e la mia persona voglio trasmettere sincerità”

“E’ una canzone nella quale racconto una mia storia d’amore finita in modo un po’ strano, che mi ha lasciato emozioni positive e negative“. Martina Beltrami, con il suo brano “Parlo Di Te”, è tra i 12 finalisti di Sanremo Giovani 2021 che il 15 dicembre si contenderanno, in diretta su Rai 1, due posti tra i “Big” del Festival di Sanremo 2022.

“Parlo di te” (Artist First/Fiero Dischi) è una ballad pop, nata in modo molto spontaneo, che parla di un amore finito e del rifiuto dell’artista di accettare la situazione.

Nata a Rivoli (To) nell’ottobre del 2000, Martina Beltrami ha partecipato alla diciannovesima edizione del celebre talent show “Amici di Maria de Filippi”, riuscendo ad arrivare fino alla fase serale del programma grazie alle sue performance e alla sua forte abilità nell’esprimere emozioni attraverso la musica. Il suo primo singolo “Luci Accese”, uscito nel 2020, è entrato nelle prime posizioni delle playlist New Music Friday e Viral 50 Italia di Spotify ed ha esordito alla numero uno di iTunes. Nell’ottobre dello stesso anno l’artista ha pubblicato il secondo brano, “Ti vengo a cercare”, mentre a maggio 2021 è uscito “Per dirti che (mi spiace)”, in rotazione nelle più importanti emittenti radiofoniche nazionali.

Attualmente Martina Beltrami, che abbiamo avuto il piacere di intervistare, sta lavorando alla registrazione del suo primo album e sogna di collaborare con Elisa.

7521d955-bcb2-918c-17cb-c0a8d0985330

Martina, ci racconti le emozioni che stai vivendo in vista della finale di Sanremo Giovani?

“Sono super entusiasta e molto felice, il palco di Sanremo è speciale ed è una grande emozione. Sono piena di adrenalina e non vedo l’ora di cantare “Parlo di te”, un pezzo a cui tengo molto”.

Cosa puoi raccontarci riguardo questo brano e riguardo il video, molto elegante e in bianco e nero, che lo accompagna?

“E’ una canzone nella quale racconto una mia storia finita in modo un po’ strano che mi ha lasciato emozioni positive e negative e nel video ho cercato di rappresentarle attraverso Valeria, la ballerina, che ha improvvisato delle mosse un po’ “schizzate” per dare questo senso di angoscia e nostalgia. Ho cercato di trasporre anche visivamente quelle sensazioni che ho cantato, canto e che canterò il 15 dicembre”.

Con quali aspettative ti presenterai a Sanremo Giovani?

“Non ho aspettative in quanto non so cosa aspettarmi, ma l’unico impegno che voglio avere con me stessa è cantare, dare il meglio che posso e non fare delle papere assurde (sorride)”.

Tra le canzoni che hanno preso parte negli anni al Festival di Sanremo ce n’è una a cui sei più legata?

“Ho un ricordo legato non tanto ad una canzone in particolare ma al momento bellissimo in cui ci riunivamo tutti in sala a guardare il Festival. Oggi alcuni componenti della mia famiglia purtroppo non ci sono più e quest’anno sarà un po’ diverso”.

42496337-81d4-ccef-1d8b-de8b02fb7901 (1)

Com’è nata la tua passione per la musica?

“E’ nata partendo da una base strumentale, ho iniziato suonando il flauto traverso in un’orchestra, poi ho messo un po’ da parte questo strumento quando ho cominciato a cantare e a studiare pianoforte e chitarra”.

Cosa ti ha lasciato l’esperienza ad “Amici”?

“L’esperienza ad Amici mi ha formata, sia artisticamente che umanamente, mi ha dato le basi fondamentali per intraprendere questo percorso, che non avevo quando sono partita da casa mia, con la chitarra, in treno per raggiungere Roma e prendere parte al talent”.

I tuoi tre singoli “Luci accese”, “Ti vengo a cercare” e “Per dirti che (mi spiace)” hanno avuto un grande successo, andranno a far parte di un disco?

“Sì, sto lavorando al mio album in cui ci saranno anche questi tre singoli, nella speranza di farlo uscire a breve”.

IMG_9205

Cosa vorresti che arrivasse al pubblico attraverso i tuoi brani?

“Con le mie canzoni e con la mia persona voglio trasmettere sincerità. Un ragazzino o chiunque voglia fare musica magari è più propenso a guardare quello che va in quel preciso momento per sfondare, io invece scrivo quello che sento, sono convinta che anche a livello musicale sia la strada migliore e che prima o poi verrà ripagata”.

C’è un artista italiano o internazionale con cui ti piacerebbe collaborare?

“Ce ne sono tantissimi. Il mio sogno sarebbe collaborare con Elisa, ma mi piacciono molto anche Madame e Rkomi”.

Sei uno dei volti italiani della campagna globale di Spotify “Unlike Any Other”, cosa pensi manchi affinché si possano superare quelle barriere mentali e culturali che purtroppo ancora esistono nella nostra società?

“C’è ancora molta discriminazione, con le mie canzoni e con i miei testi cerco di sdoganare alcuni concetti. Accade però che molte persone quando vedono una ragazza che in un testo d’amore si riferisce a un’altra donna rimangono indignate come se fosse un’eresia. Ci vorrebbe una maggiore apertura mentale, ma purtroppo alcune teste non si possono completamente cambiare”.

Per il 2022 ci sono in programma anche dei live?

“Non abbiamo ancora in programma nulla, ma posso dire che, in base a quello che si potrà fare nei prossimi mesi, sicuramente ci saranno delle news. Ora sono concentrata su Sanremo Giovani e sul disco”.

Un sogno nel cassetto…

“Vorrei vivere della mia musica, credo che sia il sogno di ogni cantante”.

di Francesca Monti

Grazie a Gabriel Bertoni

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...