Pioggia di medaglie azzurre ai Mondiali Paralimpici degli sport della neve di Lillehammer 2022

Pioggia di medaglie italiane ai Mondiali Paralimpici degli sport della neve di Lillehammer 2022, in Norvegia. Martina Vozza e la sua guida Ylenia Sabidussi hanno conquistato uno storico bronzo, grazie al terzo posto nello slalom categoria Visually Impaired. Quarte dopo la prima manche, le due azzurre originarie del Friuli Venezia Giulia nella seconda sono state perfette e hanno recuperato una posizione, chiudendo alle spalle della britannica Menna Fitzpatrick, guidata da Katie Guest, oro in 1’29”87 e dell’austriaca Elina Stary.

“Dopo tutta la sfortuna degli ultimi mesi tra classificazioni, Covid e altro ci voleva anche un po’ di fortuna! Abbiamo dato il massimo e finalmente sono venite due manche complete senza grossi errori”, hanno detto le due atlete azzurre.

272160364_1002283920397999_6651355741269491028_n

credit foto CIP

Giacomo Bertagnolli e Andrea Ravelli hanno invece trionfato nel gigante categoria Visually Impaired. Dopo aver chiuso la prima manche al comando, nella seconda hanno confermato il vantaggio col tempo di 2’14”17, salendo sul primo gradino del podio, davanti agli austriaci Johannes Aigner e Matteo Fleischmann, staccati di 1”29 e alla coppia francese composta da Hyacinthe Deleplace e dalla sua guida Jourdan Maxime.

“È pazzesco, sono super felice di questa vittoria odierna perché era inaspettata. Fino a un paio di giorni fa ero a casa perché ho preso il Covid, poi per fortuna sono tornato negativo e siamo arrivati qui, ci siamo messi gli sci e ci siamo buttati giù. È fantastico, è la prima medaglia mondiale che vinco con Andrea e sono orgoglioso di questo. È grandioso perché tra poco più di un mese ci sarà la Paralimpiade di Pechino”, ha detto Giacomo Bertagnolli che sarà l’alfiere azzurro nella cerimonia di apertura dei Giochi.

Bertagnolli e Ravelli hanno conquistato anche l’argento nello slalom Visually Impaired, terminando ad appena 11 centesimi dalla coppia austriaca composta da Johannes Aigner e dalla sua guida Matteo Fleischmann (1’28”18). Bronzo agli slovacchi Jakub Krako e Branislav Brozman.

Medaglia d’argento anche per Jacopo Luchini nello snowboard. Nella gara di dual banked slalom, il rider toscano si è classificato alle spalle del francese Maxime Montaggioni, dopo una finale combattutissima. L’azzurro si era aggiudicato la Run 1 con un vantaggio di 0.06 sull’atleta transalpino ma nella seconda run è caduto nelle ultime curve per poi giungere al traguardo con 2.47 di ritardo da Montaggioni.

“È stata una bella gara. Peccato per la finale perché non avevo fatto nessun errore nelle run precedenti. C’è un po’ di rammarico per l’occasione mancata, ma sono molto contento per questo risultato. Non era facile far bene, probabilmente ho pagato la scelta sbagliata della tavola durante le qualifiche. Così oggi ho gareggiato con una tavola più lunga e rigida che non avevo mai usato prima. Complessivamente però questo argento mi riempie di soddisfazione”, ha dichiarato Jacopo Luchini.

Nel superG Renè De Silvestro ha conquistato un bel bronzo, chiudendo la sua prova in 1’08”52, staccato di 4”14 da Jeroen Kampschreur. Argento al norvegese Jesper Pedersen.

“Sono contento perché un terzo posto ai Mondiali vale tanto ed è anche la mia prima medaglia iridata. Quando ho visto il tempo di Kampschreur, ho capito che avrei dovuto rischiare di più per andare meglio, ma la pista era ghiacciata e non volevo uscire per nessuna ragione. Sono fiducioso per le prossime gare”, ha affermato lo sciatore azzurro.

Renè De Silvestro ha conquistato anche la medaglia d’oro nella Combinata di sci alpino (SuperG e Slalom) categoria sitting, dominando la propria gara con il tempo totale di 1:53.65. Alle sue spalle si è piazzato il danese Jesper Pedersen, con il tempo di 1:53.83, terzo l’olandese Niels De Langen.

“E’ stata una bella gara, in cui sono riuscito a dare il massimo. Sono molto contento per questo oro inaspettato e per aver battuto Pedersen sulle sue nevi”, ha detto De Silvestro.

Federico Pelizzari ha invece centrato il bronzo nella Combinata di sci alpino (SuperG e Slalom), categoria standing. Lo sciatore della ASD Polisportiva Disabili Valcamonica, al suo esordio mondiale, ha chiuso la gara in 1:54.17, alle spalle del francese Arthur Bauchet (1:49.22), e del russo Aleksei Bugaev (1:50.06).

“E’ stata un’ottima gara, molto combattuta. In entrambe le specialità avrei potuto spingere di più ma sono comunque contentissimo di questo terzo posto”, ha commentato Pelizzari.

Argento per Giuseppe Romele nella middle distance di sci di fondo categoria Sitting. Il ventinovenne di Lovere ha conquistato la piazza d’onore iridata sulla 10 km, terminando a 31”7 dal russo Ivan Golubkov. Bronzo per l’altro russo Danila Britik, staccato di 2’21”3.

“È stata una gara molto difficile per le condizioni della neve. Per il resto, non avevamo molto recupero a livello fisico però sono contento di quello che sono riuscito a fare”, ha detto Romele.

La nona medaglia azzurra è stata vinta ancora da Giacomo Bertagnolli e Andrea Ravelli, un argento nello slalom parallelo. Il tandem delle Fiamme Gialle si è arreso in finale alla coppia Visually Impaired austriaca composta da Johannes Aigner e dalla sua guida Matteo Fleischmann.

“Bello chiudere con un argento, è stata una gara combattuta, in cui in semifinale abbiamo battuto un atleta fortissimo come Bugaev, mentre nell’ultimo atto sono stati più bravi gli austriaci. Siamo comunque molto contenti”, ha detto Ravelli.

credit foto CIP

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...