Video intervista con Corrado Tedeschi e Martina Colombari, dal 3 al 15 maggio al Teatro Manzoni di Milano con “Montagne Russe”: “E’ uno spettacolo divertente ma anche commovente”

Corrado Tedeschi e Martina Colombari sono protagonisti dal 3 al 15 maggio al Teatro Manzoni di Milano dello spettacolo “Montagne Russe” di Eric Assous, vincitore di due Prix Molière, portato in scena nel 2004 da Alain Delon e Astrid Veillon.

Nella divertente commedia con la regia di Marco Rampoldi, Pierre, un uomo maturo, affascinante ed elegante, sposato, padre di famiglia, incontra casualmente in un bar Juliette, più giovane, di bell’aspetto e consapevole di piacere, e la invita a casa. Si preannuncia una serata molto piacevole e spensierata, ma lei non è facile come si sarebbe aspettato. Ed ogni volta che lui sta per riuscire ad ottenere quello che vorrebbe, la donna lo spiazza cambiando identità e carattere, in un continuo vorticoso salire e scendere, come sui binari delle montagne russe.

Qui la nostra videointervista con Martina Colombari e Corrado Tedeschi: 

In “Montagne Russe” interpretate Juliette e Pierre. Potete presentarci i vostri personaggi?

Martina Colombari: “Juliette è una giovane donna che incontra in un bar un uomo più grande di lei che la invita a passare la notte a casa sua, ma ogni volta che a lui pare di averla tra le sue braccia lei cambia identità finchè alla fine si scopre chi è davvero. Ci sono tanti colpi di scena che si susseguono in queste “Montagne Russe” dei sentimenti e delle emozioni. Juliette ha un piano e un movente molto particolare ed è disposta a tutto pur di arrivare al suo obiettivo”.

Corrado Tedeschi: “Questa bellissima donna incontra in un bar Pierre, un uomo meraviglioso, fisicamente imponente, assomiglia ad Alain Delon, e lui la invita a casa sua. Il pubblico si aspetta che tra loro accada qualcosa, in realtà non è così perché Juliette cambia continuamente identità portando quest’uomo sulle montagne russe fino ad un finale che lascerà lo spettatore a bocca aperta. E’ uno spettacolo divertente ma anche commovente”.

Martina Colombari: “A proposito di Alain Delon, in Francia Pierre è stato interpretato da lui, a me è toccato Corrado Tedeschi, ma è la prima possibilità che ho avuto di recitare a teatro e gli sarò sempre molto grata. Fra l’altro io sono stata eletta Miss Italia nel 1991 e sono stata incoronata proprio da Alain Delon, quindi questi due inizi, queste due coincidenze mi fanno riflettere (ride)”.

corrado-martina

credit foto ufficio stampa

In “Montagne Russe” si parla anche di tematiche attuali legate all’apparenza e alle maschere che si indossano per piacere agli altri…

Martina Colombari: “Si parla di apparenza, dei pregiudizi ma anche di questi strani legami, di queste identità che spesso usiamo come delle maschere. E’ sempre più difficile far vedere la tua vera sostanza e natura. Juliette a differenza di me è più spregiudicata e disposta a tutto, io non sono così”.

Qual è il tratto di Pierre che più le piace interpretare?

Corrado Tedeschi: “Pierre è un padre di famiglia, un uomo mediamente felice, fa una vita abbastanza noiosa, e gli capita questa avventura pazzesca. E’ un uomo molto goffo e questa sua goffaggine fa divertire tanto il pubblico”.

di Francesca Monti

Grazie a Manola Sansalone

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...