TEATRO A CORTE: Una due giorni dedicata al teatro brillante a Palazzo delle Arti Beltrani

Per ‘Teatro a corte’, la rassegna teatrale nazionale di Palazzo delle Arti Beltrani, a Trani due serate dedicate al teatro brillante e amatoriale, ma sempre con spunti di riflessione.

Nella splendida cornice di Corte Davide Santorsola arrivano direttamente dalla Campania, venerdì 15 e sabato 16 luglio la compagnia di Battipaglia (Sa) Samarcanda Teatro con ‘In 3 sotto il letto’, e la divertente farsa “Non sono un gigolò” della compagnia di Visciano (Na) Camomilla a colazione. Quest’ultimo spettacolo, non andato in scena a causa del maltempo venerdì scorso, sarà recuperato sabato 16 luglio.

Tutti gli spettacoli della rassegna sono stati scelti dopo un’accurata selezione di numerose proposte di compagnie teatrali italiane che hanno partecipato ad un bando nazionale. Lo spettacolo migliore, votato dal pubblico mediante appositi questionari alla fine di ogni singola messa in scena, riceverà il premio dedicato a Giovanni Macchia (Trani 1912 – Roma 2001), illustre critico letterario, saggista e accademico italiano di origini tranesi. La compagnia vincitrice sarà proclamata al termine dell’ultimo spettacolo in programma.

Teatro a Corte, con la direzione artistica di Enzo Matichecchia, gode del patrocinio della U.I.L.T. (Unione Italiana Libero Teatro) Nazionale e U.I.L.T Puglia, in collaborazione con Compagnia dei Teatranti A.P.S. di Bisceglie e rientra nelle attività cofinanziate dal piano triennale dell’assessorato alle Culture della città di Trani. Il cartellone teatrale fa parte della stagione di eventi 2022 del Palazzo delle Arti Beltrani, prodotta dall’Associazione Delle Arti con il patrocinio di Costa Sveva e del Festival internazionale Castel dei Mondi di Andria, con il sostegno della Regione Puglia e della Città di Trani.

L’obiettivo della rassegna è quello di promuovere l’arte degli spettacoli amatoriali, un teatro formato da artisti che trasmettono il proprio amore per la recitazione, contribuendo alla crescita culturale e sociale della comunità in cui vivono e diffondono la passione e la conoscenza delle arti sceniche.

Venerdì 15 luglio la compagnia Samarcanda Teatro metterà in scena “In tre sotto il letto”, tratto dal testo di Stefania De Ruvo con la regia di Enzo Fauci, un piccante ménage à trois tra Marcello e le litigiose contendenti, la ballerina di night Giovanna e l’impiegata Marina.

Marcello, in scena lo stesso Fauci, ha una vita sessuale e relazionale ottimale, avendo due donne ufficiali: Martina e Giovanna, interpretate rispettivamente da Amalia Gloriante e Marianna Pesce. Lui abita e lavora a casa sua dove le due donne si alternano avendo due occupazioni lavorative molto diverse. Giovanna è una ballerina di night. Marina è la classica impiegata. Questo strano “ménage à trois” funziona a meraviglia almeno apparentemente, perché tra le due donne è sempre accesa una certa competizione a distanza. Il terzetto, infatti, inizia a manifestare un certo disagio aumentato dal continuo battibeccare delle due. Come si risolverà la situazione?

Sabato 16 luglio arriva al Palazzo di via Beltrani 51 la compagnia teatrale Camomilla a Colazione di Visciano (Na) con una farsa dal cuore moderno, che rendendo giustizia al vero ruolo del teatro, affronta tematiche serie in modo apparentemente leggero, portando alla riflessione gli spettatori. È il giocoso “Non sono un Gigolo”, tratto dal testo di Sasà Palumbo e con la regia di Felice D’Onofrio, con i suoi richiami agrodolci al tema della disoccupazione e della corruzione, dell’omosessualità e dei capricci del destino. La storia descrive le vicende di un cuoco napoletano che, ad un tratto, vede cambiare la sua vita per effetto di un’improvvisa visita dell’Asl e della Guardia di Finanza. Dopo aver perso il proprio ristorante tenta il suicidio. In “Non sono un gigolò”, l’autore Sasà Palumbo prova a far capire alla gente che bisogna avere la forza di combattere e di non arrendersi mai. Grazie alla persuasione della zia Erminia, che lo ha cresciuto e grazie alle rassicurazioni dell’amico avvocato Antonio Petrone, il cuoco Michele Gigolo evita il baratro del suicidio trovandosi poi catapultato, anche per effetto del proprio cognome con l’aggiunta di un accento, in un gioco elettrizzante quanto pericoloso. Un gioco ricco di sorprese che, tra mille peripezie, alla fine lo porterà alla soluzione dei suoi problemi. La commedia vede in scena una girandola di attori: Gianfranco Santorelli, Luigi Scafuro, Antonio La Manna, Ilaria D’Elia, Emanuela Carifi, lo stesso Felice D’Onofrio, Giusy La Manna, Ilaria D’Elia e Nicola Pandico.

Porta ore 20,30 – sipario ore 21,00.

Per prenotare: È possibile acquistare i biglietti direttamente presso il botteghino del Palazzo delle Arti Beltrani tutti i giorni dal martedì alla domenica, ad eccezione del lunedì, dalle ore 10:00 alle 13:00 e dalle ore 16:00 alle ore 20:00. Oppure on line sulla piattaforma: i-ticket: www.i-ticket.it/groups/stagione-artistica-palazzo-delle-arti-beltrani-2022.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...